Lione-Psg 1-1: Lopes straordinario, l’OL difende il primato in Ligue 1

lione psg lopes

Non è bastato al Psg giocare un match di cartello per ritrovare voglia di vincere e grinta anche in Ligue 1. I campioni di Francia hanno dovuto chiudere il primo tempo sotto di un gol a Lione, e trovarsi provvisoriamente a -5 dall’OL, per mettere in campo tutto il potenziale di cui dispongono.

I secondi 45 minuti di dominio parigino valgono però a Blanc soltanto il pareggio che, per la terza volta in stagione, vuol dire sorpasso mancato in vetta: merito anche di un Anthony Lopes paratutto, altro emblema del vivaio stellare del Lione.

L’OL, d’altronde, non ha l’organico dei ricchi contendenti e Fournier si è trovato con gli uomini contati per la partita più importante del campionato. A Lacazette si sono aggiunti Bisevac e Dabo, oltre agli infortunati di lungo corso come Fofana e Grenier. Dal primo minuto si è rivisto così Gourcuff dietro l’inedita coppia formata dal rientrante N’Jie e Fekir. Blanc ha scelto, dal suo canto, la difesa tutta brasiliana con Marquinhos terzino destro, Motta ha vinto il ballottaggio con Cabaye, in avanti il tridente titolare Lucas-Ibra-Cavani col pocho Lavezzi ad immalinconirsi in panchina.

Gerland traboccante d’entusiasmo, partita che si accende al 10′: prima Tolisso colpisce un palo con una conclusione velenosa dai 25 metri, poi Ibrahimovic (a cui in precedenza era stato annullato un gol) serve un pallone d’oro a Cavani dopo il regalo di Gonalons ed essersi bevuto Umtiti con una finta: il Matador trova però davanti a sé, e non sarà l’unica volta nella serata, Anthony Lopes in uscita bassa degna di un kamikaze.

Possesso palla subito appannaggio del Psg (già al 45′ si sfiora il 70%) ma la circolazione, come d’altronde quasi sempre quest’anno, è lentissima. Verratti delizia con qualche giocata d’alta scuola ma spesso sbaglia anche appoggi semplici, Motta non è di certo un fulmine di guerra, Matuidi non può sfruttare la sua cavalcata. Ibrahimovic, poi, è impreciso quando viene a prendersi il pallone quasi in cabina di regia. Insomma, bruttissima immagine del Psg.

I parigini, però, sfiorano nuovamente l’1-0 al 22′: sugli sviluppi di un corner, e dopo la spizzata di Cavani, David Luiz si ritrova praticamente solo, e in area piccola, davanti alla porta sguarnita ma – tra l’incredulità generale – spedisce a lato di testa. Il Lione non perdona e passa al 31′, dopo un’azione corale davvero sorprendente: partecipano praticamente tutti alla manovra, alla fine Fekir controlla un pallone in area e riesce a beffare la triplice marcatura liberando al tiro N’Jie, il camerunense non sbaglia davanti a Sirigu.Lione-Psg 1-1, video gol highlights

I primi venti minuti della ripresa sono però un assedio del Psg. Impressionante l’impatto offensivo degli uomini di Blanc che schiacciano la capolista della Ligue 1 nella propria area di rigore. Il Lione fatica anche solo a passare la metà campo, di colpo scompaiono Fekir e tutti gli incursori di centrocampo. Si erge allora a protagonista Anthony Lopes: prodigioso il portiere di casa su due colpi di testa di Ibrahimovic (entrambi i cross di Maxwell), attento sulla conclusione di prima di Cavani e in uscita ancora sul Matador, in preda ad una crisi di nervi.

Diciamocela tutta, il pareggio lo merita eccome la truppa di Blanc e lo agguanta al 66′. Rose interviene in scivolata, in modo scomposto, su Verratti e l’arbitro assegna il rigore. Clamorosa la parata di Lopes sul tiro angolato di Ibrahimovic, ma l’arbitro Turpin fa ripetere: stavolta lo svedese insacca nel set, furibonde le proteste dei padroni di casa (ammoniti per proteste Gonalons e Fekir). Raggiunto il pari, il Psg si spegne nuovamente: incredibile davvero questi cali di tensione dei capitolini che, con l’avversario alle corde, hanno preferito tornare a giocare al piccolo trotto invece di affondare il colpo del k.o. Non bastano nemmeno gli ingressi di Cabaye e Lavezzi per ravvivare la situazione è anzi il Lione a rifarsi vivo dalle parti di Sirigu col neo-entrato Benzia.

I minuti finali scorrono così senza particolari emozioni, finisce 1-1. Dopo quella che poteva essere una “giornata terremoto”, alla fine la situazione resta invariata: Lione primo, a +2 sulla coppia formata da Psg e Marsiglia. Prossima giornata con Psg-Caen (sabato alle 16) e Lorient-Lione (domenica alle 21).

About Alfonso Alfano 1751 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.