Tottenham-Arsenal 2-1: Kane non abbaia ma morde, Gunners al tappeto

Tottenham Arsenal Kane

Mettetevi comodi, oggi si gioca il derby di Londra. Solo chi non conosce bene il calcio inglese potrebbe obiettare che sono tante le stracittadine della capitale. Il North London Derby è il derby, quello vero, il più sentito. Tottenham contro Arsenal, due punti a separare le rivali, nel mirino c’è un poto nell’Europa che conta. Tutti gli occhi sono su Kane, fenomeno degli Spurs che affronta per la prima volta questo match. Un pomeriggio che non dimenticherà facilmente. A gioire per primi sono però i Gunners, avanti dopo undici minuti grazie a Ozil. E’ il Tottenham a far gioco, il risultato però premia gli avversari.

Arsenal non bello ma compatto, una frase che suona strana ma corrisponde alla verità. Il dato interessante delle ultime giornate è infatti la crescita costante della fase difensiva. Alla mezz’ora Lamela prova da fuori: Ospina para in bello stile. Il Tottenham torna a spingere forte, sale la pressione e sale il boato dagli spalti, in questa fase l’Arsenal è completamente ripiegato a ridosso della propria area. Tre giri d’orologio e Lamela, in estirada, mette sopra la traversa. Bel ritmo, derby vero, Kane ammonito per un’entrata dura su Giroud, pronto a ripartire, i Gunners hanno bisogno di alleggerire la pressione. Il Tottenham ci prova con le conclusioni da fuori, il risultato arriva immutato all’intervallo. Vantaggio Gunners a White Hart Lane dopo 45 minuti piacevoli, il primo tempo si chiude con Rose e Welbeck che battibeccano dopo uno scontro di gioco. Non manca la tensione agonistica.

Kane, osservato speciale al suo primo North London Derby, dieci minuti dopo il rientro in campo piazza la zampata del pareggio. Ospina, che ha respinto il primo tentativo ma non ha potuto niente sul secondo, chiude qui la propria imbattibilità. Ora è assedio degli Spurs, dentro l’area con tutti gli effettivi: Ospina bravo sul tentativo di Dembele. Lloris non è da meno, al minuto 60 la sua parata su Welbeck è da applausi. E’ grande calcio, Ospina ancora sensazionale al minuto 63, due parate in successione. Grande Ospina, ma soprattutto grande Tottenham. Gli Spurs dominano e a cinque dall’intervallo ecco nuovamente l’uomo del destino. Harry Kane, e chi sennò, stacca bene nel cuore dell’area a piazza nel sacco un gol bello e pesante.

Arsenal che ci prova con il cuore più che con le gambe, gli uomini di Pochettino tengono duro e portano a casa il risultato. Applausi a scena aperta per Harry Kane, nuovo fuoriclasse di questo Tottenham che scavalca i biancorossi in classifica.

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.