Mondiale per Club, ES Setif-WS Wanderers 5-4 d.c.r, la lotteria dei rigori dà il quinto posto agli algerini

 

Finisce con il quinto posto l’avventura in questo mondiale per club dei campioni d’Africa dell’ES Setif, che hanno avuto la meglio della cenerentola WS Wanderers solo dopo la lotteria dei rigori, decisivo l’errore di Adeleke al penultimo rigore.

La partita inizia subito sotto il segno degli australiani campioni d’Asia in carica, che al primo affondo passano in vantaggio grazie a Romeo Castelen, che, approfittando di un assist al bacio di capitan Haliti, stoppa il pallone al limite dell’area e scarica subito la conclusione che si spegne in fondo al sacco con Khedairia che non può nulla nell’occasione. il goal manda in bambola gli Algerini che rischiano di capitolare di nuovo pochi minuti dopo, quando Haliti e Mullen colpiscono rispettivamente una traversa e un palo in meno di cinque secondi. Il primo tentativo dei campioni d’Africa viene affidato ai piedi di Ziaya (decisamente il migliore dei suoi), che ci prova da fuori area ma la conclusione non centra nemmeno lo specchio della porta. Nel finale di tempo, però, l’ES Setif aumenta i giri del motore e prende il controllo del match, schiacciando nella propria metàcampo gli avversari, particolarmente preoccupati dal supportare la fase difensiva a causa della mancanza dei centrali di difesa (entrambi espulsi nel match contro il Cruz Azul); nonostante ciò, l’unico modo con cui gli algerini cercando di impensierire l’estremo difensore avversario sono i tiri dalla distanza, ma sia Younes che Zerara peccano per precisione.

La ripresa inizia nello stesso modo in cui è terminata la prima frazione, ovvero con l’ES Setif che continua a mantenere il pallino del gioco mentre il WS Wanderers perpetua la sua azione difensiva, cercando di difendere il vantaggio con il coltello tra i denti. Ma alle Aquile Nere bastano appena sei minuti (precisamente tra 50esimo e 56esimo) per ribaltare il match: prima arriva il rocambolesco di Mullen, che indirizza un cross nella propria porta, e poi il goal del sorpasso firmato da Ziaya (migliore in campo per i suoi), che con una bella conclusione mette il pallone all’incrocio, facendo esplodere di gioia la panchina algerina. L’uno-due subito, risveglia la verve offensiva del WSW che si spinge in avanti alla ricerca del pari, ma l’assalto non riesce a portare i suoi frutti; al contrario sono gli algerini ad avere l’occasione più nitida per chiudere il match definitivamente, ma Ziaya si vede negare la gioia della doppietta da uno stepitoso intervento di Bouzanis, che tiene i suoi ancora in partita. Ma proprio quando ogni speranza sembra perduta, il WSW trova il goal del pari all’ultimo respiro grazie ad una punizione magica di Vitor Saba, che disegna una bella parabola che si infila alle spalle di Khedairia e prolunga la sfida ai rigori.

Nella lotteria dei rigori, arrivata immediatamente dopo alla fine dei tempi regolamentari, è l’ES Setif ad avere la meglio, grazie all’errore di Adeleke, che piazza il pallone sopra la traversa, e alla realizzazione decisiva di Zerara che fissa il punteggio sul 5-4 e regala ai suoi vittoria e quinto posto.

ES Setif-WS Wanderers 2-2 [5-4 d.c.r.] (Mullen (ag), Ziaya; Castelen, Saba)

ES Setif: Khedairia, Younes (77′ Belameiri), Arroussi, Megatli, Gasmi (65′ Ziaya), Djahnit, Lamri (64′ Lagraa), Ze Ondo, Ziaya, Mellouli, Zerara. A disp: Saadoune, Belhani, Rait, Boukria, Baouz, Nemdil, Dagolou, Bouchar, Korbiaa. All: Kheireddine Madoui.

Western Sidney Wanderers: Bouzanis, Mullen, Golec, Haliti, Poljak (79′ Fofanah), Sotirio (67′ Saba), Castelen, Adeleke, Trifiro, Alessi, Baccus (67′ Juric). A disp: Covic, Cole, Hamill, La Rocca, Heward-Belle. All: Tony Popovic.

COPY CODE SNIPPET
About Marco Pantaleo 251 Articoli
Appassionato di ogni genere di sport (calcio e basket in primis), è un grande esperto del "calcio minore". Che sia la Copa Libertadores o la terza divisione danese poco importa, in qualunque campo rotola un pallone e ci sono 22 uomini c'è sempre una storia da raccontare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.