Mondiale per club: ES Setif-Auckland City 0-1, Irving manda i neozelandesi in semifinale

Mondiale per club
Esultanza dei giocatori dopo il gol decisivo di Irving. Fonte foto: FIFA.com

Continua il sogno dei campioni d’Oceania dell’Auckland City, che battono gli Algerini dell’ES Setif con la rete di Irving e si qualificano alle semifinali.

La seconda partita del Mondiale per club inizia con la consueta fase di studio tra le due squadre, che stavolta, al contrario del primo match, dura molto meno: infatti al secondo minuto di gioco arriva la prima occasione del match con una conclusione dal limite del neozelandese Tavano, che però termina a lato di molto e non crea grandi grattacapi al portiere avversario Khedairia; per attendere la reazione algerina bisogna attendere il minuto numero 20, quando ci prova il centravanti Benyettou con un colpo di testa, ma la palla si alza troppo mentre il portiere Williams segue con lo sguardo la traiettoria del pallone. Da qui in poi il match sembra decollare definitivamente con le due squadre che si affrontano a viso aperto, anche se in questa fase si fanno preferire notevolmente i campioni d’Oceania, che aumentano il forcing e fanno andare in apnea gli avversari per una decina di minuti.

Oltre a due mischie neutralizzate dalla difesa algerina in qualche modo, l’occasionissima capita sui piedi del numero 10 di Auckland, ovvero De Vries (grande conferma dopo un ottimo esordio), che sfrutta un errore in fase d’impostazione di Mellouli (capitano della selezione algerina), che si addormenta e regala il pallone al giocatore neozelandese, il quale prova immediatamente la conclusione dal limite dell’area, ma la palla fa solo la barba al palo, facendo tirare un sospiro di sollievo alla panchina dell’ES Setif e ai suoi tifosi. Prima del termine della frazione, però, c’è ancora una mezza occasione per l’Auckland City da segnalare: su uno degli ultimi assalti, Berlanga, servito ottimamente all’interno dell’area di rigore, fa partire un tiro-cross molto insidioso che per poco non sorprende il portiere avversario Khedairia, salvato solo dalla parte alta della traversa che respinge la mezza conclusione dello stacanovista neozelandese.

La ripresa inizia immediatamente sotto il segno della squadra algerina, che desiderosa di sbloccare il risultato comincia in maniera molto aggressiva e sfiora il goal del vantaggio al 50esimo: Gasmi si libera bene al limite dell’area e fa partire la conclusione, ma questa viene smorzata da un difensore e neutralizzata senza problemi da Williams. Ma proprio nel miglior momento migliore dei campioni d’Africa, arriva il gol del vantaggio neozelandese: sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Payne, la palla arriva sui piedi di Irving che è lucido nel rientrare e far partire la conclusione, che si infila inesorabilmente alle spalle di Khedairia. La rete cambia notevolmente gli equilibri del match, infatti Auckland si rintana nella propria metàcampo per difendere il risultato in maniera ordinata mentre l’ES Setif si butta in avanti alla ricerca del pari. Non a caso sono degli algerini le migliori occasioni in questa fase di gara. Prima ci prova Gasmi, che, ben imbeccato da un preciso lancio di Djahnit (entrato ad inizio secondo tempo al posto di Dagolou), viene murato in maniera provvidenziale da Williams. Poi è la volta di Benyettou (decisamente sprecone oggi), che sugli sviluppi di un cross, stoppa bene il pallone sulla parte sinistra dell’area, rientra mandando a vuoto l’intervento di Dordevic e prova la conclusione a botta sicura, sulla quale trova la superlativa risposta di un incredibile Williams. Ma Auckland non sta di certo a guardare, infatti i contropiedi neozelandesi sono fatali e fanno rabbrividire ogni volta la retroguardia algerina: su uno di questi è De Vries ad avere il match-point, quando, dopo essere stato servito da Tade, arriva al limite destro dell’area di rigore, rientra e fa partire una conclusione mancina che però si spegne sul fondo, con Khedairia evidentemente fuori causa. Dopo questo brivido, i campioni d’Africa ripartono a testa bassa alla ricerca del goal del pari che però viene solo sfiorato da Boukhria, che impatta di testa su cross con il contagiri di Younes, ma la palla si spegne sul fondo; ma questa si rivela l’ultima occasione dell’assalto algerino, che sino al termine (compresi i 3 minuti di recupero) non porta alcun frutto.

Riesce l’impresa ad Auckland, che continua ad alimentare il suo sogno qualificandosi per le semifinale ed ergendosi a bestia nera per le squadre africane (infatti prima dei campioni d’Africa, venerdì Auckland aveva eliminato i campioni marocchini del Moghreb Tétouan); molta delusione, invece, tra le fila dell’ES Setif, probabilmente sorpreso dall’atteggiamento sfoderato dai Neozelandesi rispetto alla gara d’esordio.

Mondiale per club: ES Setif-Auckland City 0-1 (Irving)

ES Setif: Khedairia, Arroussi, Megatli, Gasmi (65′ Ziaya), Benyettou, Boukria, Mellouli, Belameiri (69′ Younes), Lagraa, Zerara, Dagoulou (46′ Djahnit). A disp: Saadoune, Belhani, Lamri, Rait, Ze Ondo, Baouz, Nemdil, Bouchar, Korbiaa. All: Kheireddine Madoui.

Auckland City: Williams, Iwata, Bilen, Berlanga, Irving, Payne, De Vries (91′ White), Vicelich, Dordevic, Tade, Tavano (86′ Issa). A disp: Arms, Pritchett, Lindsay, Caunter, Browne, Milne, Burfoot, Spoonley, Moreira, Kim. All: Ramon Tribulietx.

About Marco Pantaleo 251 Articoli
Appassionato di ogni genere di sport (calcio e basket in primis), è un grande esperto del "calcio minore". Che sia la Copa Libertadores o la terza divisione danese poco importa, in qualunque campo rotola un pallone e ci sono 22 uomini c'è sempre una storia da raccontare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.