‘Salva in eXtremis’: Bentornato Kameni!

salva in extremis
‘Salva in eXtremis': Bentornato Kameni!

“SALVA IN EXTREMIS” PRESENTA “L’ASCENSORE”

Torna l’appuntamento settimanale con Andrea Salvarani, numero uno dei preparatori dei portieri nel panorama del settore giovanile italiano, attualmente alle dipendenze del Parma Football Club. Vediamo anche questa settimana chi, nell’ormai mitico “Ascensore”, sale e scende. Vi ricordiamo che potete rivolgere le vostre domande ad Andrea, scrivendo una e-mail a: salvainextremis@tuttocalcioestero.it. 

CHI SALE

Frison (Catania) : Se il Catania ha conquistato un prezioso punto casalingo contro il Bologna, il merito è da attribuire a Frison, bravo nel salvare la propria porta in più occasioni. Ottimo il suo intervento su un tiro di Acquafresca proprio negli ultimi minuti di partita.

Kameni (Malaga): Finalmente è tornato! Kameni, portiere camerunese in forza al Malaga, si riprende la scena guadagnando numerosi applausi dalla platea. L’estremo difensore africano, nell’incontro vinto per 1-0 contro il Deportivo, è stato decisivo respingendo il calcio di rigore di Cavaleiro e ha mostrato un coraggio da “leone indomabile”mettendoci la faccia sulla successiva respinta del giocatore portoghese. Bentornato Idriss Carlos Kameni!

Hart (Manchester City): Nel finale di partita contro l’Everton, risulta determinate con una grande parata su conclusione a botta sicura di Lukaku. Se il Manchester City ha conquistato tre punti il merito è anche suo. Nei prossimi giorni ci sarà la fumata bianca per il prolungamento del contratto fino al 2020.

CHI SCENDE

Karcemarskas ( Gaziantepspor): L’autogol porta la firma di Arokoyo, ma il portiere lituano è sicuramente complice di questo “pasticcio”. È vero che il pallone, nel retropassaggio del nigeriano Arokoyo, compie un rimbalzo veramente molto strano e inaspettato, ma in questo caso Karcermaskas doveva intervenire con l’interno piede sinistro anziché controllarla con l’esterno destro. Resta il fatto che un rimbalzo del genere metterebbe in difficoltà chiunque.

Salk (Balikesirspor): Nella sfida persa di misura contro il Fenerbahce, il portiere Salk è stato protagonista in negativo commettendo un clamoroso autogol: sul cross di Meireles, il portiere turco sbaglia completamente il tempo dell’uscita alta e l’uso dei pugni e fa sì che la sfera si insacchi alle proprie spalle.

Fabricio (Deportivo): Sbagliare un rilancio con i piedi ci può anche stare, visto e considerato che gli errori di tecnica podalica vengono commessi anche dai giocatori più tecnicamente dotati. Ma guardare fermo e immobile la successiva conclusione di Darder, inserisce di diritto Fabricio dentro il nostro ascensore…con destinazione piano terra.

Nienhuis (Cambuur): Errore decisivo di Nienhuis sul gol partita siglato da Falkenburg. Il portiere olandese mantiene una posizione troppo arretrata sul cross, uscendo in ritardo su una palla piuttosto lenta, facendosi anticipare dall’avversario.

Burki (Friburgo): Brutto errore dello svizzero Burki, che regala il pareggio al Paderborn proprio nelle battute finali. Sul lancio lungo, Burki sbaglia completamente l’uscita fuori area mancando la palla. In questa situazione – a mio parere – il numero uno svizzero, non è l’unico colpevole ma il suo mancato intervento è piuttosto grave.

About Andrea Salvarani 23 Articoli
nato nel 1979, ex preparatore dei portieri del settore giovanile della Reggiana, attualmente al Parma FC. In passato è stato docente ai corsi per talent scout organizzati dalla Techsport

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.