Almeria-Real Madrid 1-4: la magia continua, ventesima vittoria di fila

almeria real madrid
Almeria-Real Madrid 1-4: la magia continua, ventesima vittoria di fila

Continua imparabile la marcia del Real Madrid di Carlo Ancelotti: i campioni d’Europa infilano ad Almeria la ventesima vittoria di fila, battendo 4-1 i padroni di casa che, da lunedì, avranno un nuovo allenatore (l’ex Levante e Valladolid, con cui retrocesse la scorsa stagione, Juan Ignacio Martinez). Partita più complicata del previsto (Casillas ha parato un rigore a mezz’ora dalla fine sull’1-2) ma ancora una volta la classe delle merengues è venuta fuori. E, anche in una serata non positiva, Cristiano Ronaldo è tornato a casa con una doppietta. Chapeau.

Nessun turnover per Ancelotti in campionato, le rotazioni ci sono state contro il Ludogorets e ci saranno probabilmente in semifinale nel Mondiale per Club. Al posto di Ramos, squalificato, c’è Varane; uomini contati a centrocampo, Isco-Kroos-Illarramendi è il trio obbligato dalle assenze di James, Khedira e Modric. In avanti c’è la BBC. Nell’Almeria, con in panchina Rivera (bel premio per il tecnico del “filial”, stasera allenatore ad interim), a sorpresa non c’è Thievy che lascia prima del match lo stadio, furioso.

L’Almeria parte forte, Dubarbier al 2′ ha già l’occasione per sbloccare il punteggio. Il Real Madrid prova a controllare i ritmi ma, almeno durante la prima mezz’ora, fatica a trovare lo spunto decisivo negli ultimi 20 metri. I padroni di casa, poi, sono anche fortunati al 13′ quando Kroos, approfittando dell’uscita avventata di Ruben, colpisce la traversa con una conclusione di prima dal limite. Prima Dubarbier, poi Hemed di testa si fanno ancora vivi dalle parti di Casillas, il Madrid è tutto in un’azione di Bale sulla sinistra ma il gallese sbaglia a non servire Benzema, solissimo. Di Ronaldo poche tracce, Ancelotti è insolitamente nervoso.

Al 34′ il colpo del campione: Isco stoppa di petto in area, sulla destra, ed è affrontato da Michel. Il terzino di casa non affonda in marcatura, l’ex Malaga ha il tempo di rientrare, con finta annessa, e calciare a giro sul secondo palo. Un gol fantastico. Partita in ghiaccio? Nemmeno per sogno. Su pallone spazzato di testa da Varane, Verza ha tutto il tempo dal limite (troppo basso Illarramendi che non ha il tempo di contrastare) per prendere la mira e infilare Casillas con un bellissimo tiro di controbalzo. Il pareggio dura però tre minuti: al 42′ è Bale, con un colpo di testa da centravanti puro su cross dolcissimo di Kroos, a battere ancora Ruben e a riportare in vantaggio i suoi.

Primo quarto d’ora della ripresa ricchissimo di emozioni. Il Real Madrid va vicinissimo al terzo gol in due occasioni: Bale, dopo una cavalcata delle sue, sbaglia il tocco a tu per tu con Ruben, poi è Ronaldo a provarci con un rasoterra da fuori, bella risposta del portiere di casa. Il Pallone d’Oro è nervosissimo, finirà col mandare a quel paese quasi tutti i suoi compagni e col rimediare un’inutile ammonizione a centrocampo. L’Almeria ha la chance del pareggio al 61′: inesistente il tocco di Marcelo su Edgar in area, per l’arbitro è pero rigore. Verza va sul dischetto, para Casillas! Il portiere della nazionale torna a parare un penalty in campionato dopo tre anni e mezzo.

Ovvio, è la svolta del match. Dopo una partita passata a brontolare, Cristiano Ronaldo mette a segno una doppietta negli ultimi dieci minuti e sale a 25 reti nella classifica cannonieri. No, non siamo a fine campionato, ma alla 15esima giornata. Di questo passo finirà per sfiorare i 60 gol. Ronaldo sfrutta due assist perfetti di Benzema (sempre altruista) e Carvajal, insaccando praticamente a porta vuota in entrambe le occasioni. Juan Ignacio Martinez è impassibile sugli spalti, può davvero poco la sua futura squadra. Ruben, nel finale, evita il quinto gol prima su Bale, poi respingendo alla grande la bomba di Marcelo. Finisce 1-4, Real Madrid provvisoriamente a +5 dal Barcellona e a +7 dall’Atletico.

About Alfonso Alfano 1757 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.