Tippeligaen Norvegia, 29° giornata: nella volata salvezza Brann batte Sogndal 2-1, retrocessione al 90° per il Sandnes Ulf

Lo Strømsgodset batte per 2-0 un Molde un po’ rilassato dopo la conquista del campionato ed ipoteca un traguardo al quale non mancava altro che l’ufficiale sigillo dell’aritmetica, ossia la conquista di un posto in Europa League. Con questo verdetto, si chiude qualsiasi discorso in merito alle zone alte della Tippeligaen 2014: Molde campione qualificato alla Champions League, Godset che raggiunge in Europa League Odd e Rosenborg.

A novanta minuti dal termine, tutti i brividi per la Tippeligaen 2014 sono riservati quindi soltanto alla zona retrocessione in cui tre squadre, Sogndal, Brann e Sandnes Ulf, ormai certe di non poter più ambire alla salvezza diretta, lottano per conquistare l’unico posto nei playout ed evitare le due retrocessioni dirette. In quest’ultima giornata lo scontro diretto tra Brann e Sogndal ha rivestito quindi una capitale importanza: perderlo significava essere nei guai (addirittura per il Brann avrebbe voluto dire retrocessione certa), pareggiarlo significava dare ancora una speranza al redivivo Sandnes Ulf. E dopo quattro sconfitte consecutive, finalmente il Brann è riuscito a far valere il maggiore blasone nei confronti dell’avversario e davanti ai quasi diciottomila spettatori di Bergen (decisi a sostenere i loro beniamini ma anche preoccupati per le sorti della loro squadra, reduce da un anno da brivido) si è imposto per 2-1, dopo aver chiuso il primo tempo sul 2-0.

Contemporaneamente al match di Bergen, il Sandnes Ulf sul campo dello Start aveva a disposizione un risultato solo per restare in vita: vincere, magari sperando in un pareggio nella sfida del Brann Stadion. Alla Sør Arena fuochi di artificio sin dal fischio di inizio: al 12° e al 39° due gol degli ospiti regalano al Sandnes Ulf un rassicurante vantaggio per 0-2. I padroni di casa tuttavia, sebbene appagati da una stagione a cui non hanno più nulla da chiedere, non ci stanno ed a cavallo dei due tempi pareggiano i conti sul 2-2. Finale da cardiopalma: oltre il 90° il Sandnes Ulf segna il gol del 2-3 che significa sognare ancora la salvezza, e subisce il gol del 3-3 che vuol dire retrocessione non più evitabile (nella foto vediamo Hannes Halldorsson, portiere del Sandnes Ulf, disperato per la retrocessione della sua squadra). Clicca qui per un resoconto più completo ed alcuni video di questa giornata.

Brann 26, Sogndal 24 e Sandnes Ulf 22. Per il Sandnes Ulf è game over. Il Brann invece ha due punti di vantaggio da gestire sul Sogndal ad una giornata dal termine. Domenica c’è Haugesund-Brann: se gli ospiti vincono, sono salvi. C’è anche Sogndal-Stabæk: i padroni di casa hanno una sola chance: vincere e sperare che il Brann perda. Oppure che non vinca, ma se il Brann pareggia il Sogndal deve vincere con almeno tre reti di scarto per fare valere una differenza reti che al momento è leggermente peggiore di quella del Brann (Brann -14 con 38 reti segnate, Sogndal -16 con 31 gol fatti). Preparate le calcolatrici e siate pronti a vivere forti emozioni domenica prossima per l’ultimo atto della Tippeligaen 2014.

29° giornata
2/11: Brann – Sogndal 2-1
Lillestrøm – Bodø/Glimt 4-0
Stabæk – Haugesund 0-1
Aalesund – Vålerenga 4-1
Strømsgodset – Molde 2-0
Odd – Rosenborg 0-1
Viking – Sarpsborg 08 1-0
Start – Sandnes Ulf 3-3

Classifica
Molde 68
Odd 58
Rosenborg 57
Strømsgodset 50
Lillestrøm 46
Vålerenga 39
Aalesund 38
Sarpsborg 08 37
Viking 36
Haugesund 36
Stabæk 36
Start 35
Bodø/Glimt 32
Brann 26
Sogndal 24
Sandnes Ulf 22

30° giornata
9/11: Haugesund – Brann
Bodø/Glimt – Viking
Sandnes Ulf – Aalesund
Molde – Odd
Rosenborg – Strømsgodset
Vålerenga – Start
Sogndal – Stabæk
Sarpsborg 08 – Lillestrøm

http://calcionorvegese.blogspot.it/

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.