Tottenham-Asteras 5-1, Lamela da non crederci: gli Spurs volano in vetta (Europa League, Gruppo C)

tottenham-asteras

TOTTENHAM-ASTERAS 5-1 – Un lampo. Un numero che ha pochi precedenti nel mondo del calcio. Una rabona da fuori area, stupenda per esecuzione, coordinazione e realizzazione. Tottenham-Asteras, anonima partita di un freddo giovedì autunnale, verrà ricordata soprattutto per lo splendido goal messo a segno da Erik Lamela, autore di un gesto tecnico che definire superbo pare riduttivo. La partita, d’altronde, non ha avuto storia. Troppo superiore il Tottenham, che doveva vincere per rilanciarsi in ottica qualificazione, dopo aver colto due soli pareggi nelle prime uscite in Europa League. Mentre l’Asteras, fin qui rivelazione del girone grazie ai quattro punti colti nelle prime due partite, esce ridimensionato e, in un sol colpo, si ritrova terzo in classifica costretto ad inseguire Tottenham e Besiktas, nuove (e più blasonate) capoliste del girone.

PRIMO TEMPO – Un successo mai in discussione. Gli Spurs, infatti, premono costantemente nella metà campo greca e passano in vantaggio dopo solo tredici minuti con Kane, autore di una superba conclusione di collo destro ad incrociare il secondo palo che non dà scampo a Kosicky. L’Asteras prova ad impostare una timida reazione, ma sono i londinesi a tessere le fila del gioco. Il meritato raddoppio della squadra di Pochettino giunge al minuto ventisei. Ed è una chicca di rara bellezza: cross basso dal lato destro in direzione di Lamela, che s’inventa una fantastica rabona in prima intenzione dal limite dell’area e trova un goal fantascientifico, uno di quelli destinati, molto probabilmente, a restare nella storia del calcio. La squadra ospite prova a scuotersi, crea un paio di azioni pericolose nell’area avversaria ma trova dinnanzi a sé un attento Lloris, bravo a lasciare illibata la propria porta.

SECONDO TEMPO – La ripresa, però, non ha storia. Il Tottenham domina sin dalle prime battute e trova il terzo goal, al ventesimo, ancora con Lamela, che lascia partire un sinistro al volo che brucia Kosicky sul primo palo. Seicento secondi e gli Spurs calano il poker grazie a Kane, che approfitta di una difettosa respinta del portiere ospite su un tiro di Dembelè e deposita la sfera in rete. La mattanza greca, però, non è ancora terminata. A dieci minuti dal termine, infatti, Kane – ben imbeccato da Fazio – mette a segno la quinta rete locale, terza personale di una serata da incorniciare. Nel finale, Lloris viene espulso e, complici le tre sostituzioni  già effettuate, lascia i guanti nelle mani di Kane, che s’improvvisa estremo difensore. Ed è proprio da una papera commessa da Kane che scaturisce il gol della bandiera ospite, messo a segno da Barrales su calcio di punizione.

PARTIZAN BELGRADO-BESIKTAS 0-4 – Nell’altra gara del girone C, brillante vittoria del Besiktas sul campo del fanalino di coda Partizan Belgrado. La compagine turca sblocca il match al diciottesimo con Kavlak, autore di un tiro dalla lunga distanza che coglie impreparato il portiere locale. Il raddoppio, in chiusura di primo tempo, lo mette a segno Demba Ba, che riceve palla da Sahan e fulmina Lukac in uscita disperata. Non cambia lo spartito nel secondo tempo. Passano solo sette giri di lancette dalla ripresa delle ostilità e il Besiktas si porta sul 3-0 grazie a Oguzhan, che insacca di destro all’interno dell’area serba. La ciliegina sulla torta, due minuti più tardi, è opera di Tore, che viene lanciato nello spazio da Ba e fredda Lukac con un sinistro di giustezza.

CLASSIFICA GRUPPO C: Tottenham, Besiktas 5; Asteras 4; Partizan Belgrado 1

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.