Brasile-Argentina 2-0: Una doppietta di Diego Tardelli decide il Superclasico sudamericano

Comincia alla grande il progetto brasiliano di Dunga, che ha collezionato 3 vittorie nelle prime tre uscite, facendo dimenticare in parte la brutta batosta mondiale della Seleção di Scolari; mattatori di giornata sono stati Diego Tardelli e Neymar (assente nella serata mondiale), mentre Leo Messi si macchia di un brutto errore, visto che sbaglia il terzo rigore degli ultimi quattro tirati.

Anche se la partita era iniziata sotto il segno dell’Argentina, che per i primi 20 minuti aveva messo in scena un vero e proprio monologo: al settimo arriva subito il primo contatto in area, indizio di una partita che sarà infuocata, con Sergio Aguero che punta Danilo, il quale lo mette giù; per l’arbitro si può tranquillamente proseguire, anche se rivendendo le immagini il dubbio permane. Nonostante il possibile torto subito, l’Albiceleste continua ad attaccare a testa bassa, guidata dal solito Leo Messi e da un ispirato Angel di Maria, che ci prova con una conclusione dai 30 minuti, dopo un bello scambio con Lamela, ma la palla si spegne sopra la traversa della porta difesa da Jefferson; al 20esimo, che arriva l’occasionissima per gli Argentini sull’asse Messi-Aguero, prima la pulce compie uno dei suoi slalom tra le maglie verdeoro e poi serve in maniera fantastica l’attaccante del City, che però spreca tutto da buona posizione. Ma proprio nel miglior momento della Selección, arriva la doccia fredda con il vantaggio del Brasile, che va a segno al primo affondo, complice anche un disastro difensivo degli argentini: grande pasticcio di Fernandez e Zabaleta, che regalano la palla a Diego Tardelli, che con una bella conclusione fredda Romero e porta in vantaggio i suoi. il goa taglia le gambe all’Argentina, che va completamente in bambola; e qui comincia il Neymar-show, con l’attaccante azulgrana che fa impazzire la retroguardia albiceleste, andando vicinissimo al goal del raddoppio, che gli viene negato solo da u superbo Romero, che devia il pallone in angolo. Come successo a metà della ripresa, ancora una volta la squadra che stava dominando viene colpita a freddo, infatti stavolta è il Brasile a tremare: Di Maria va via ancora nell’uno contro uno a Danilo, il quale lo ferma con un tackle in scivolata, che però l’arbitro cinese giudica falloso, assegnando il penalty; ma anche questa volta a decisione desta parecchie perplessità, visto che il difensore brasiliano sembra toccare prima il pallone e poi l’avversario. Dal dischetto si presenta Leo Messi, che però si fa ipnotizzare dall’estremo difensore avversario Jefferson, che si distende sulla sua destra intercettando il pallone.

La ripresa comincia sulla falsa riga della fine della prima frazione con i Brasiliani trascinati da un fantastico Neymar, che oltre a far la guerra con tutta la retroguardia argentina, che adotta ogni mezzo per fermarlo, riesce anche ad arrivare a tu per tu con Romero, che ancora una volta lo ipnotizza, bloccando senza problemi il suo tiro debole e centrale. Per gli Argentini non è giornata, infatti l’Albiceleste non riesce mai a creare dei reali pericoli a Jefferson, che deve solo guardarsi bene da delle punizioni dalla distanza, che non gli creani grandi grattacapi; il Brasile, invece, sembra essere più in palla e dopo la fantastica punizione di Oscar, che Romero toglie dall’incrocio, arriva il goal del raddoppio: su un azione di calcio d’angolo, la difesa argentina non riesce ad allontanare il pallone, regalandolo ancora a Diego Tardelli, che da due passi non può assolutamente sbagliare. Il gola spegne definitivamente le speranze della Selección, che nel finale deve assistere alla passerella dei verdeoro, con Neymar che continua a deliziare il pubblico con le sue giocate, tra cui anche un tentativo di scavetto su Romero, che però si spegne sull’esterno della rete, e poi vede il rientro del grande Kakà, che, nei minuti finali, prende il posto dell’eroe Diego tardelli, che con la sua doppietta ha allontanato gli spettri della serata mondiale dalle menti di tutti i brasiliani.

Brasile-Argentina 2-0 (18°, 64° Diego Tardelli)

BRASILE: JEFFERSON; DANILO, MIRANDA, DAVID LUIZ (CARLOS GILBERTO NASCIMENTO SILVA, MIN. 90), FILIPE LUÍS; LUIZ GUSTAVO, ELIAS, WILLIAN, OSCAR; NEYMAR (ROBINHO, MIN.95), DIEGO TARDELLI (KAKÀ, MIN. 82).

ARGENTINA: ROMERO, ZABALETA, DEMICHELIS, FERNÁNDEZ, ROJO, PEREYRA (ENZO NICOLÁS PÉREZ, MIN. 76), MASCHERANO, LAMELA (PASTORE, MIN. 61), DI MARÍA, AGÜERO (HIGUAIN, MIN. 61), MESSI.

 

 

About Marco Pantaleo 251 Articoli
Appassionato di ogni genere di sport (calcio e basket in primis), è un grande esperto del "calcio minore". Che sia la Copa Libertadores o la terza divisione danese poco importa, in qualunque campo rotola un pallone e ci sono 22 uomini c'è sempre una storia da raccontare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.