Aston Villa-Manchester City 0-2: le pagelle. Touré decide la gara dopo una prestazione pessima, ma è Baker il migliore in campo.

Aston Villa Fabian Delph Manchester City David Silva

ASTON VILLA

Guzan voto 5,5: non sbaglia nulla per quasi tutto il match finché si fa bucare da Touré con un tiro dai 15 metri nel finale, è la dura topica del portiere.
Hutton voto 6: molto propositivo, incarna l’essenza del terzino fluidificante difetti compresi, i problemi in chiusura lo inseguono per tutto l’incontro e vengono sottolineati sulla rete di Agüero.
Senderos voto 6,5: gara di contenimento in cui dimostra attenzione e costanza per tutta la gara, a volte è molto rozzo ma sicuramente efficace, incolpevole sulle reti subite.
Baker voto 7,5: probabilmente una delle sue migliori prestazioni in carriera, è l’ultimo baluardo di un muro difensivo che regge bene, sbaglia un paio di interventi ma nessuno se n’è accorto: pulito, tenace, preciso.
Cissokho voto 5: fra i peggiori dei suoi, invisibile in fase offensiva e sofferente in fase difensiva dove fa fatica a contenere soprattutto Milner.
Delph voto 5: vagabonda in mezzo al campo senza provenienza né meta, nonostante l’alto rendimento fin qui dimostrato stavolta non è in giornata e pesa molto, non a caso si perde Touré sulla rete che decide il match.
Cleverley voto 6: dà moltissimo sul piano agonistico e permette all’Aston Villa di arginare il temibile centrocampo citizen per larghi tratti del match, ma non può fare molto altro.
Westwood voto 6: è il metronomo di riferimento e finché i padroni di casa hanno cartucce in canna trova i giusti tempi, ma cala progressivamente offrendo sempre meno soluzioni alla squadra.
Richardsson 5,5: è il peso che deve dare equilibrio alla squadra e questo lo lascia al perimetro della manovra, ma ha fra i piedi la più nitida occasione della gara e la sciupa malamente.
Grealish voto n.g.
N’Zogbia voto 6,5: mostra tutte le sue qualità di contropiedista con ripartenze coast-to-coast che tagliano in due i citizens, ma gli manca il tocco finale per risolvere la gara in suo favore.
Bacuna voto n.g.
Weimann voto 4: è l’uomo di qualità nel reparto avanzato dei Villans ma dà l’impressione di essere l’anello debole, non sfrutta le occasioni che ha di accendere il match e azzecca solo tre passaggi in un’ora di gioco.
Benteke voto 5: torna sul terreno di gioco dopo un lungo stop, in una partita difficile e in una fase calante della sua squadra, non può fare granché e non lo fa.
Lambert voto 6: difficile chiedere di più all’Aston Villa in un match del genere, mette in piedi una resistenza quasi perfetta rischiando di andare in vantaggio in più occasioni.

MANCHESTER CITY

Hart voto 6,5: non è costretto a chissà quali interventi ma nell’unica chiamata risponde presente annullando Richardsson.
Zabaleta voto 5,5: non è dalla sua fascia che accadono le cose migliori, commette qualche sbavatura di troppo che rischia di pagare caro e non incide come vorrebbe.
Kompany voto 6,5: ottima gara in cui annulla gli attacchi frontali ma la caratura degli avversari non avrebbe dovuto infastidirlo più del dovuto.
Mangala voto 7: ancora più puntuale del suo compagno di reparto in chiusura, mette in luce grandi doti anche in fase di costruzione.
Kolarov voto 6,5: è il primo vero pericolo dei padroni di casa, quando sale la difesa avversaria balla e lo dimostra il palo colpito nei primi minuti di gioco, in fase di ripiegamento soffre più del previsto Hutton.
Milner voto 6,5: prestazione in crescendo, dà il meglio di sé in combinazione con Silva dopo l’uscita dal campo di Džeko, ma ci prova spesso e volentieri anche nel primo tempo.
Yaya Touré voto 6,5: insolitamente impreciso in fase di costruzione, essendo il cervello degli sky blues quando i suoi suggerimenti sono approssimativi ci rimette l’intera manovra della squadra e si nota subito, ma poi sblocca la gara e questo vale più di ogni altra cosa.
Fernandinho voto 6,5: molto generoso in fase di recupero, grazie al suo lavoro di pulitura il Manchester City ha il controllo del centrocampo per larghi tratti dell’incontro.
Lampard voto 6: entra nell’ultima parte del match e si inserisce subito nei meccanismi offensivi, ha anche una buona chance per sbloccare il risultato ma non la sfrutta.
David Silva voto 6: insufficiente finché l’uscita di Džeko gli apre gli spazi, si attiva al fianco di Milner con cui riesce a creare situazioni interessanti ma non ad affondare.
Jesús Navas voto n.g.
Agüero voto 6,5: è l’unico a rendersi veramente pericoloso per tutta la gara seppur solo con fiammate, un colpo di testa fuori di un soffio, un palo che poteva costare troppo ma poi trova la rete confermando la sua media stagionale di un gol ogni 88 minutl.
Džeko voto 4,5: rimane ingabbiato dalla stretta marcatura dei centrali senza entrare mai nel vivo del gioco, l’unica conclusione provata è una ciabattata in tribuna, mentre Cissokho gli annulla un colpo di testa sfortunato.
Fernando Reges 6: rileva il bosniaco e si piazza nella diga davanti alla difesa, l’Aston Villa non farà più male con lui in campo.
Pellegrini voto 7: capisce l’andazzo e risolve la gara con le sostituzioni, Fernando interrompe la trama dei padroni di casa mentre l’uscita di Džeko regala nuovi spazi da aggredire, Touré è più libero di spaziare e così la deciderà l’ivoriano.

About Mihai Vidroiu 589 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia, e più in generale per il calcio, oltre ad altri mille interessi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.