Shakhtar Donetsk-Porto 2-2 – Shakhtar, finale drammatico: il Porto pareggia all’ultimo respiro

SHAKHTAR DONETSK-PORTO 2-2– Ci pensa Jackson Martinez ad evitare al Porto una sconfitta che – per come sarebbe maturata – avrebbe avuto del clamoroso. All’Arena Lviv i dragoes pareggiano per 2-2 contro uno Shakhtar cinico, e che fino all’85’ era avanti di due reti, prima di un clamoroso e colossale blackout dovuto, forse, alla convinzione di avere i tre punti già in cassaforte.

La sfida si preannunciava interessante, tra due squadre che negli ultimi anni hanno saputo esprimere un bel calcio e dai livelli tecnici decisamente elevati. Pronti, via, lo Shakhtar sfiora il vantaggio dopo 10′ con un bel tiro di Taison (uno dei dieci brasiliani in campo dal primo minuto – sei negli ucraini e quattro nei portoghesi) su cui Fabiano si distende e mette in corner. La reazione lusitana non si fa attendere: tre minuti dopo Danilo triangola con un compagno e calcia in diagonale: la palla sibila accanto al palo della porta difesa da Pyatov. La partita è godibile, gli ospiti provano a prenderne le redini e a sbloccarla in proprio favore; l’opportunità arriva al 34′: Brahimi si procura un calcio di rigore e lo batte lui stesso; male però, perchè Pyatov si distende sulla sua destra e salva il risultato. A fine primo tempo, nonostante il gran gioco macinato dai ragazzi di Lopetegui, il parziale dice 0-0.

La beffa sembra concretizzarsi nella ripresa, con i minatori che sbloccano la gara alla loro seconda occasione: Kucher ruba il pallone in area ad un ingenuo Oliver Torres e lo scarica a rimorchio per l’accorrente Alex Teixeira: tutto troppo facile appoggiarlo nella porta pressochè sguarnita, per l’1-0 dei padroni di casa (si fa per dire, visto che si è giocato a Lviv anziché a Donetsk per soliti e noti fatti che con lo sport non hanno nulla a che fare). Il Porto non ci sta, e torna a spingere con insistenza, ma senza creare grandi problemi seri dalle parti di Pyatov: al 70′ ci prova Quintero, al 77′ Danilo, ma in entrambe le occasione il portiere ucraino non ha difficoltà. All’83’ la palla goal è sui piedi di Adrian Lopez: Pyatov salva ancora. E così, logicamente, se non segni prima o poi vieni punito: all’85’, lo Shakhtar raddoppia: giro palla interessantissimo dei ragazzi di Lucescu, con Ilsinho che serve Bernard, il quale crossa sul secondo palo per l’accorrente Luiz Adriano che – da due passi – deve solo spingerla nel sacco. 2-0, pubblico in estasi e partita chiusa. O almeno così sembrerebbe. Già, perchè il Porto ha sette vite come i gatti, e come i gatti riesce a cadere sempre in piedi: all’89’ Rakitskiy tocca col braccio un traversone di un esterno lusitano. Rigore ineccepibile, che Martinez (entrato a metà ripresa) trasforma con freddezza. Poi, al quarto ed ultimo minuto di recupero, Tello mette in mezzo il pallone della disperazione, che il colombiano spinge in rete, siglando la doppietta e ammutolendo il pubblico di Lviv, passato in meno di dieci minuti dall’estasi al dramma (sportivo), dalle stelle alle stalle.

About Matteo Mongelli 153 Articoli
Classe '94, piemontese di nascita, tra un esame universitario e l'altro segue il calcio alle temperature più improbabili, dalla Scandinavia alla vecchia terra degli Zar. Russofilo e (a breve) russofono, sogna di diventare direttore sportivo e di vivere a San Pietroburgo. Guai a disturbarlo quando gioca il Krasnodar: potrebbe uccidere.
Contact: Twitter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.