Galatasaray-Sivasspor 2-1: Prandelli va in vetta ma il suo Gala soffre ancora tantissimo

Prima di raggiungere Londra è opportuno raggiungere la vetta. Cesare Prandelli non rinuncia a nessuno nell’anticipo del venerdì contro il Sivasspor, match importantissimo dopo il tonfo in casa del Balikesirspor. IL Gala scende in campo con Burak Yilmaz e Adin davanti supportati dalla tecnica di Wesley Sneijder. Roberto Carlos lancia i suoi alla conquistata della Turk Telecom Arena con soli 2 punti conquistati in tre gare giocate. Il match parte ad altissimi ritmi e il Sivasspor in ripartenza fa tremare la difesa dei padroni di casa. Al 9′ un bello scambio Yilmaz – Dzemaili manda al tiro lo svizzero che sfiora il gol del vantaggio. Passano pochi minuti e su un capovolgimento di fronte il terzino del Galatasaray Camdal perde palla sotto la pressione di Chahechouhe che lanciato a campo aperto si divora di fronte a Muslera il gol del vantaggio ospite facendo arrabbiare Roberto Carlos in panchina. Al 19′ sugli sviluppi di un corner calciato da Sneijder la testa di Chedjou svetta sopra tutti e porta in vantaggio il Gala. Il pressing degli ospiti va via via calando col passare dei minuti permettendo agli uomini di Prandelli di svolgere un gioco più puliti e ordinato. Al 32′ una palla splendida di Sneijder lancia in profondità Adin che in un contrasto con Toraman si lascia cadere in area di rigore inducendo l’arbitro in errore e facendosi decretare un calcio di rigore inesistente. Burak Yilmaz dal dischetto si fa ipnotizzare da Taskiran ma sulla ribattuta il portiere turco non può far nulla. Nella ripresa la partita diventa bellissima. Un tiro di Dzemaili scalda subito i guantoni di Taskiran che si supera con un grandissimo volo. Il Sivasspor risponde subito con Utaka che a tu per tu con Muslera non riesce a pungere. Chahechouhe poco dopo va vicino al pari con un diagonale che si spegne tra le braccia di Muslera. Yilmaz al 62′ ha la possibilità di chiudere la gara ma il suo tiro è debole e poco preciso. Gli ospiti escono dal guscio e incomprensibilmente il Galatasaray va in affanno. Chrisantus entrato da pochissimo riapre la partita dopo un azione di contropiede splendida incominciata dall’ex Roma Cicinho. Al 75′ un altro cross del terzino brasiliano trova la testa di Chrisantus che nel tentativo di mettere la palla in mezzo all’aerea centra in pieno le gambe di Muslera con il pallone che viene salvato dal rinvio sulla linea di Kaya. I padroni di casa giocano ormai solo in contropiede e con Kurtulus vanno vicinissimi al 3a1 ma la sua conclusione viene deviata in angolo da Toraman. I 4′ di recupero sono una sofferenza immensa per il pubblico dell’Arena che quest’oggi ha ben poco d’infernale. Alla fine il Galatasaray si prende il bottino pieno in una gara soffertissima. All’Emirates Stadium contro l’Arsenal non sarà di certo una passeggiata.

 

About Nicola Chessa 433 Articoli
Nato a Siniscola, in provincia di Nuoro, in una notte d'ottobre del 1993, sin da quando è un bambino si appassiona al calcio. Raggiunta la maturità in terra sarda, decide di spostarsi a Milano per star vicino al suo grande amore, l'Inter.
Contact: Twitter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.