Bayern Monaco-Paderborn 4-0: tutto va come deve andare

Bayern Monaco contro Paderborn, la sfida al vertice che non ti aspetti. Un incontro preceduto da grande attesa, la matricola di Bundesliga si è comportata benissimo fino a oggi arrivando in vetta alla classifica, meritatamente come ha avuto modo di precisare lo stesso guardiola. Il sogno di cenerentola dura poco, giusto otto minuti e i padroni di casa sono avanti. E’ un’azione bellissima, coinvolti tre tenori rossoblù: Robben serve Muller in profondità, scarico per Gotze e conclusione vincente. Manovra che dimostra tutta la forza di un organico mostruoso, fatto per vincere. Condannato a vincere. E’ un Bayern bello e convincente, diverso da quello visto nelle prime quattro gare, al 13esimo c’è ancora da lustrarsi gli occhi. Ci pensa Robert Lewandowski, che controlla e calcia di controbalzo dal limite dell’aria, botta che il portiere tocca ma non riesce a respingere. Ha funzionato il divieto di Pep, nessun festeggiamento per l’Oktoberfest, a uscire ubriachi dall’Allianz Arena saranno i giocatori del Paderborn. Gotze sfiora il tris prima della sosta, si va al riposo con un doppio vantaggio senza se e senza ma.

Bavaresi che iniziano la ripresa senza pressione, gli ospiti si fanno coraggio e provano a rientrare in partita. Al 58esimo Rafinha si lascia fregare, Ouali mette in mezzo un cross intrigante dalla sinistra: Xabi Alonso sbroglia in corner. Al 70esimo è il turno di Suleyman Koc, che supera Alaba e lascia partire un tiro all’angolino destro. Neuer c’è. Il Paderborn è giunto imbattuto a questo grande appuntamento e vuole vendere cala la pelle, al minuto 77 le speranze di rimonta si sbriciolano. Robben se ne va sulla destra e trova il fondo, palla in mezzo, Kruse respinge la prima conclusione ma non può fare niente sulla ribattuta a rete di Gotze. Robben vuole regalare ancora gioie e dona un pallone al bacio pure a Muller per il quattro a zero finale. Tutto facile per il Bayern, è enorme la differenza tra la due squadre e questo risultato non sminuisce comunque quanto fatto dal Padernborn fino a ora. Era forse la gara della quale i bavaresi avevano bisogno, una dimostrazione di forza. Per gli avversari, ma soprattutto per se stessi.

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.