Liverpool-Ludogorets 2-1: Balotelli-gol, finale pazzesco ad Anfield

Balotelli Liverpool

Sono passati 1742 giorni dall’ultima apparizione del Liverpool in Champions League, oggi, quasi 5 anni dopo, ad Anfield Road si ritorna ad assaporare l’inno della Coppa dei Campioni: avversario di turno per i Reds è il Ludogorets, capace di superare i preliminari grazie ai due rigori parati dal difensore Cosmin Moti. Il Liverpool schiera la miglior formazione possibile, unico assente Sturridge infortunatosi con la nazionale inglese, al suo posto Lallana.
Primi minuti di studio per Liverpool e Ludogorets puntualmente scanditi dai cori di Anfield, in grande spolvero per il ritorno in Champions League. E’ il Liverpool a fare la partita, tutte le azioni dei Reds partono dai piedi di capitan Gerrard; il Ludogorets è costretto a giocare di rimessa. Buona azione orchestrata dal Liverpool al 15′ da una positva serie di passaggi il pallone arriva a Moreno che va al cross, troppo alto per tutti; altissimo il pressing dei Reds che cercano costantemente di anticipare il passaggio dei giocatori bulgari.

Buona la risposta dei Ludogorets nata da uno scambio sull’out di destra ma che si concretizza in un nulla di fatto. Ottima azione di Balotelli al 20′, l’attaccante italiano si gira bene e calcia ma il destro viene ribattuto dalla difesa bulgara, positiva la prova di Super Mario abile a muoversi anche senza palla questa sera. Dopo circa un quarto d’ora è ancora l’attaccante ex Milan a provarci con un’occasione personale ma il tiro viene facilmente parato. Ancora Liverpool in avanti con una progressione di Henderson, il centrocampista eletto oggi vice capitano da Brendan Rodgers offre un ottimo pallone a Lallana ma il giocatore ex Southampthon si dimentica di calciare e viene anticipato. Si conclude così la prima frazione, un Liverpool sicuramente propositivo non riesce a trovare la via del goal. Il migliore per il club di Anfield è sicuramente Mario Balotelli, autore di un prova distinta anche in fase di non possesso, ottima, invece, la prova della difesa dei bulgari.

Il rigore decisivo di Gerrard
Il rigore decisivo di Gerrard

Inizia la ripresa ed ancora Liverpool in avanti, il Ludogorets si schiaccia nella propria trequarti campo e permette a Gerrard e compagni di costruire l’azione, la palla migliore cade sui piedi di Manquillo ma il giovane terzino destro la alza troppo. Succede molto poco nel primo quarto d’ora del secondo tempo, il Liverpool rimbalza sul muro bulgaro alzato da Borjan (il portiere), per la squadra di Brendan Rodgers fuori Coutinho e Lallana dentro Lucas Leiva e Borini, tornato al Liverpool dopo l’ottimo finale di stagione con il Sunderland. Al 72′ straordinaria ripartenza dei bulgari ma Bezjak si vede il pallone deviato sul palo da Mignolet. Si accende la partita quando manca un quarto d’ora al termine, al 75′ Henderson manca di testa l’appunamento con il goal.

All’82’ Balotelli stoppa un ottimo pallone in area ed insacca alla sinistra del portiere, 1-0 Liverpool e primo goal di Mario Balotelli con la maglia del Liverpool, la rete arriva a coronamento di una splendida prestazione: è festa sugli spalti scatenata la Kop, parte calda del tifo dei Reds. Per il Ludogorets fuori Bezjak dentro Hamza per provare l’assalto finale, offensiva che si concretizza al 91′ con il goal di Abalo che trova scoperta la difesa avversaria e trafigge Mignolet. Non c’è un attimo di respiro ad Anfield, palla al centro e calcio di rigore per il Liverpool, dal dischetto va Steven Gerrard che fa 2-1, entusiasti i tifosi giunti allo stadio. Non resta più tempo, Mario Balotelli e Steven Gerrard regalano i primi 3 punti del girone al Liverpool che si posiziona al primo posto insieme al Real Madrid (vittorioso 5-1 sul Basilea). Buone indicazioni per entrambe le squadre, il Liverpool conferma la qualità nel possesso palla e spera di aver trovato in Balotelli il sostituto di Suarez mentre il Ludogorets è riuscito a sfruttare al massimo l’unica vera occasione avuta ed è riuscito a reggere all’onda d’urto rossa per oltre 80 minuti. Suggestiva l’immagine alla fine del match, tutta Anfield in piedi a cantare You’ll Never Walk Alone. Il Liverpool è tornato nel calcio che conta.

About Gianmarco Galli Angeli 210 Articoli
Classe 96. Aspirante giornalista e telecronista, coltiva la sua passione scrivendo per tuttocalcioestero.it. E' un amante sfrenato degli intrecci specie quando a fondersi sono calcio e storia, lato poetico in una vita fatta di prosa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.