Dundee-Celtic 1-1: i Bhoys si svegliano nella ripresa, Dark Blue imbattuti

Dundee ancora imbattuto in tutte le competizioni fino a questo momento, durante la settimana vittoria contro il Raith Rovers in Coppa di Lega, incontro complicato per il Celtic di Ronny Deila. Grande attesa per Wakaso Mubarak, arrivato fresco fresco dal Rubin Kazan, l’avventura scozzese del centrocampista africano parte dalla panchina. Paul Hartley, tecnico di casa, punta tutto sul gioco d’attacco, biancorossi subito assediati e dopo appena una mangiata di secondi McPake porta avanti i suoi: corner calciato da Roberts, colpo di testa vincente del numero cinque. Dundee scatenato, pressione altissima e intensità su ogni contrasto, Peter MacDonald cerca la botta da fuori, difesa che si salva in corner col fiatone. Cinque minuti drammatici per i Bhoys, la sveglia la dà Stokes, caparbio nel vincere il duello con McPake e trovare spazio per il tiro, debole però. Nessun problema per Letheren. Assolo ospite, ma lo spartito del match continua a suonarlo l’orchestra di casa, Roberts e MacDonald (scatenato) combinano bene, giusto l’ultimo passaggio è impreciso.

Continuano i pericoli dalle parti di Gordon, linea difensiva costretta ad abbassarsi per incassare le martellate dark blue, reparti scollegati e poca incisività nelle ripartenze biancoverdi. Al 20esimo Roberts controlla palla defilato sulla destra, punta Izaguirre, si accentra e lascia partite un diagonale al veleno, Gordon si salva con la collaborazione del palo destro. Izaguirre soffre molto, è lui il primo ammonito dell’incontro per un intervento in ritardo su Roberts nella metà campo avversaria. Roberts pesca MacDonalds in profondità, tenuto in gioco da Ambrose, lob sull’uscita di Gordon che termina alto. Un attimo prima della pausa il Celtic ha la palla più ghiotta, punizione di Stokes, Ambrose di testa a botta di sicura ma ci sono i riflessi felini di Lethersen a negargli un gol fatto. Parata che pesa come un macigno, il Dundee merita il vantaggio e sarebbe stata una beffa atroce subire il pareggio proprio ora.

Problemi al polpaccio per Matthews, al suo posto nella ripresa c’è O’Connel. Il Celtic cambia qualcosa, considerato però la miseria vista nel primo tempo ci sarebbe proprio da far tabula rasa. La squadra che si presenta in campo nel secondo tempo sembra però davvero diversa, si capisce subito, dopo nove minuti arriva il pari. Leigh Griffiths va al tiro, la deviazione di Konard batte Letheren. Poco prima era stato Izaguirre a provarci, è un altro Celtic e ora è Hartley a dover sistemare le cose. Doppio cambio, fuori MacDonald e Harkins, dentro Ferry e Tankulic. I Bhoys ci riprovano, Commons non impensierisce il portiere. Gara piacevole, arriviamo agli ultimi quindici minuti con buone occasioni da gol, il neoentrato Tankulic ci prova da fuori, Griffiths si mangia le mani: prima il legno poi un grande intervento di Letheren gli dicono no. Finisce in parità, il Dundee prosegue la propria marcia senza sconfitte, il Celtic al contrario continua a non vincere. Grande primo tempo dei padroni di casa, biancoverdi decisamente meglio nei secondi 45, cinque punti a dividere le due squadre ma il club di Glagow ha disputato una gara in meno.

(foto: bbc.it)

 

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.