Brasile, Scolari ottimista dopo la debacle: ‘Non tutto è da buttare…’

Il Mondiale del Brasile non è ancora terminato, ma la debacle patita per mano della Germania è una vera e propria calamità naturale, come ha dichiarato lo stesso Felipe Scolari: “La vita continua, non è morto nessuno. Troveremo una nuova rotta per affrontare lo tsunami di ieri”. Uno tsunami, definizione azzeccata considerate le aspirazioni della seleçao, partita con i favori del pronostico e poi spazzata via da una tempesta di gol. Sconfitta storica, ci vorrà tempo per dimenticarla, Felipao però trova il modo di vedere il bicchiere mezzo pieno: “È la prima volta dal 2002 che la Nazionale arriva in semifinale. Abbiamo subito una brutta sconfitta, oltre quello che potevamo immaginare; ma non tutto è da buttare. Ora pensiamo al terzo posto, che è un obiettivo comunque importante”.

About Paolo Bardelli 2028 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

1 Commento su Brasile, Scolari ottimista dopo la debacle: ‘Non tutto è da buttare…’

  1. anche se dovesse arrivare al terzo posto, questa figuraccia la porteranno per sempre addietro. L’unico modo per rimediare è vincere in un mondiale futuro la coppa in finale proprio con la germania. Altrimenti nisba

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.