Bosnia-Iran, le pagelle degli iraniani

Queste le pagelle dell’Iran di Carlos Queiroz che abbandona la competizione da ultima classificata nel gruppo F.

A. Haghighi – Viene sorpreso da Džeko, dopo avergli negato il goal al 3′. Nella gara più importante non riesce a salvare la propria porta. 5

Montazeri – Cerca di uscire dalla propria area, ma il centrocampo bosniaco concede poco. 5

Hosseini – Al 58′ commette lo stesso errore di Rezaei a Germania 2006: passaggio sbagliato e palla all’avversario per il goal del 2-0. 4,5

Sadeghi – Džeko lo ha fatto impazzire, e sul primo goal ha qualche responsabilità. Una gara decisamente sottotono. 4,5

Pouladi – L’angelo custode di Haghighi questa volta riesce a salvare ben poco, ma almeno è sufficiente. 6

Nekounam – Se lui e i suoi compagni ci avessero davvero creduto, non avrebbe permesso a Pjanić di bucare la metà campo iraniana. 5

Teymourian – Al suo secondo mondiale rimane uno dei migliori fra i suoi. Prova la conclusione su punizione, ma Begović non si fa sorprendere. 6

Dejagah – Oggi ha corso di meno e ha sbagliato di più. La sua prestazione sintetizza bene la mancanza di coraggio dell’Iran. 5

Shojaei – Nel primo tempo è stato il migliore dell’Iran, costringendo spesso gli avversari al fallo e mettendoci la faccia (in tutti i sensi) sugli attacchi dei bosniaci. Non si capisce perché Queiroz abbia tolto proprio lui. 6,5

Hajsafi – A sinistra ha avuto meno grattacapi rispetto ai suoi compagni di reparto, gli va rimproverato di non aver provato la conclusione come nelle gare precedenti. 5,5

Ghoochannejhad – Se l’Iran evita di tornare a casa con zero reti segnate lo deve solo a lui. Non si ferma nonostante il 2-0 e per questo viene premiato. 6,5

Heydari – Entrato al posto di Shojaei nel secondo tempo, fa correre di più l’Iran sulla fascia destra. 5

Jahanbakhsh – Assistman per Ghoochannejhad, andava messo prima al posto di Dejagah. 6

Ansarifard – Tanta voglia di stupire e di essere influente. Rimedia un giallo per simulazione. 5

About Saman Javadi 95 Articoli
Saman Javadi was born in Italy. He always loved Iran and Italy, from history to cuisine, and speaks both languages.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.