Australia-Olanda, le pagelle

Una sorprendente Australia mette alle corde l’Olanda per ampia parte del match, ma la qualità degli Oranje e la sorte hanno piegato le speranze dei Socceroos.

Le pagelle del match

OLANDA

Cillessen 6: l’estremo difensore olandese salva i suoi nella ripresa con un intervento di istinto che scongiura il potenziale 3-2 degli australiani. Non riesce ad intuire il rigore calciato da Jedinak.

De Vrij 5,5: è lui a lasciare libero Cahill in occasione della rete del pareggio dei canguri. Lascia a desiderare in fase d’impostazione.

Vlaar 6: il leader difensivo dell’Aston Villa chiude al meglio i buchi difensivi dei compagni. Ineccepibile quest’oggi il centrale olandese.

Martins Indi 5: in costante affanno, Leckie lo salta sistematicamente. Esce per infortunio alla fine del primo tempo. (Depay 7: cambia la faccia al match e sigla la rete decisiva che porta i 3 punti agli olandesi)

Janmaat 6: meno brillante rispetto alla gara contro la Spagna, garantisce un rendimento sufficiente nell’arco del match.

De Jong 7: un mastino in mezzo al campo. Serra la fila della mediana e nel finale lotta come un leone su ogni pallone.

De Guzman 5,5: abulico e sterile il centrocampista degli Swansea. Perde un paio di palloni e gioca in punta di piedi (Wijnaldum 6: le sue giocate nel finale fanno respirare la squadra di Van Gaal e creano pericoli nella maglia della difesa avversaria)

Blind 6: oggi non serve assist al bacio. Risulta poco propositivo, ma è preziosissimo in difesa.

Sneijder 6: gioca a sprazzi. Illumina la manovra olandese, ma si eclissa troppo facilmente durante il match.

Robben 7: costante pericolo per la difesa australiana. Sigla la 3° rete personale in questo mondiale.

Van Persie 7: un pallone giocabile e lo trasforma in oro. Cecchino implacabile. (Lens s.v. : da una mano in fase di ripiegamento ai suoi e sfiora la rete del 4-2).

AUSTRALIA

Ryan 4,5: il pallone di Depay era ampiamente parabile. Ha sulla coscienza la sconfitta dei suoi.

McGowan 5,5: soffre Van Persie e Robben. Nel corso della partita va in calando e risulta poco presente in fase d’attacco.

Wilkinson 6: efficace sulle palle alte. Non un mostro di tecnica, ma fa il suo e guida egregiamente la difesa dei canguri.

Spiranović 6: prestazione sufficiente. Come il compagno di reparto fa buona guardia nel reparto difensivo.

Davidson 6,5: il terzino dell’Heracles Almelo se la cava su Robben. Ottimo in fase di proposizione.

Jedinak 6: sigla la rete della speranza. Gioca una gara discreta senza stra fare, uomo d’ordine nel centrocampo australiano.

McKay 6: fa il proprio compitino e si guadagna una meritata sufficienza.

Oar 6,5: spina nel fianco per la difesa dei tulipani. La sua velocità mette in apprensione gli uomini di Van Gaal e dai suoi piedi partono le occasioni più pericolose. (Taggart s.v: gioca una manciata di minuti).

Bresciano 5,5: la sua esperienza non basta. Risulta piuttosto calante a livello fisico e si divora una rete nel primo tempo. (Bozanovic 6: ha un buon impatto nel match dimostrando un ottimo dinamismo e una certa propensione all’inserimento)

Leckie 7: vince il duello personale con Martins Indi, mettendolo in costante difficoltà. Nel finale per la stanchezza non risulta altrettanto efficace.

Cahill 7: rete favolosa da parte dell’ex Everton. È l’anima di questa squadra ed è sempre un pericolo sui palloni alti. (Halloran 5,5: non incide sulla partita ).

 

About Edoardo Battaglion 224 Articoli
Sono nato nella provincia di Treviso nel 1993, ma ho origini olandesi. Sono laureato in Filologia Moderna e Medievale, inoltre attualmente risiedo in Polonia. Sin da bambino il calcio ha esercitato un’enorme influenza sulla mia vita ed è una vivida passione che occupa le mie giornate. Il mio cuore batte per la nazionale olandese ed il NAC Breda. Mi divertono molto i gatti parlanti, la cosmogonia e le birre artigianali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.