Svizzera-Ecuador, le pagelle

SVIZZERA

Benaglio 6: Poco impegnato dalla sterilità del reparto offensivo dei sudamericani, attento su Jefferson Montero nella ripresa.

Lichtsteiner 6,5: Partita a due facce, solito stantuffo sulla fascia destra, forma un ottimo tandem offensivo con Shaquiri: d’altro canto, soffre le accelerazioni di Montero, con cui intraprende un duello tutto corsa e velocità.

Djourou 5,5: Con Von Bergen non da mai idea di sicurezza, poco impegnato, si perde Arroyo nel finale e rischia il cartellino rosso.

Von Bergen 5: l’ex cesenate è il vero anello debole della difesa svizzera: lento e spesso impacciato, se la cava con il fisico e l’impegno che non manca mai.

Rodriguez 6,5: Talento puro, prospetto per il futuro: aggiunge ad un ottimo piede sinistro la corsa e la tecnica da sudamericano: suo l’assist nel finale per il gol vittoria di Seferovic.

Behrami 6,5: Il voto si alza per la gran chiusura nel finale che da il via al contropiede da cui nasce il gol di Seferovic: si limita a svolgere il compitino d’interdizione, il suo solito lavoro sporco non manca mai.

Inler 5,5: Poco brillante, ci prova con un paio di conclusioni da fuori imprecise. Simbolo della Svizzera opaca del primo tempo, col passare dei minuti cresce e la squadra ne beneficia.

Stoker 4,5: Spettatore non pagante, non si vede mai. Giustamente sostituito nell’intervallo da Hitzfeld. (Dal 45′ Mehmedi).

Mehmedi 7: L’uomo giusto al momento giusto, il suo ingresso cambia la partita: dopo solo 2′ segna il gol del pareggio approfittando dell’inesperienza di Gruezo. Resta una spina del fianco, è vivace e pimpante. Bravo.

Shaquiri 6,5: Nel primo tempo è l’unico a provarci veramente, prova a trascinare i suoi ma non è seguito. Nella ripresa trova inMehmedi un ottimo sparring partner nelle azioni offensive, e la partita cambia.

Drmic 5: Come Stoker, non è mai nel vivo del gioco, non si muove, non tira in porta, non si vede mai. (Dal 75′ Seferovic)

Seferovic 6,5: Buttato nella mischia nel finale, l’ex Novara e Fiorentina ripaga il tecnico tedesco con la zampata del vantaggio che proietta gli svizzeri più vicini al passaggio del turno.

ECUADOR

Dominguez 5,5: Non commette errori gravi, poteva forse uscire in occasione del pareggio svizzero. Non sempre sicurissimo ma se la cava con uno stile tutto suo, non bello ma efficace.

Paredes 6: Terzino dinamico, muscoli e corsa sono il suo punto di forza. Senza infamia e senza lode.

Guagua 6,5: Roccioso, annulla Drmic e Stoker, soffre invece Mehmedi.

Erazo 6: Stesso discorso di Guagua, in fatto di fisicità non ha nulla da invidiare a nessuno. Mehmedi e Shauiri sono veloci, lui è macchinoso e ne paga le conseguenze.

Ayovi 6: Terzino dai piedi buoni, non ha il passo di Shaquiri e deve fare gli straordinari su Lichtsteiner, che soffre maledettamente. Suo il calcio piazzato da cui nasce il vantaggio di Valencia.

Gruezo 5: Giovanissimo, buttato nella mischia per sostituire Segundo Castillo, paga l’inesperienza. Ha grosse responsabilità sul pareggio, si fa spostare da Mehmedi nell’area piccola.

Noboa 5,5: Il regista della Dinamo Mosca si vede poco, e l’Ecuador ne risente.

A. Valencia 5: Deve essere l’uomo che da la scossa, è invece fuori forma. Perde di netto il duello con Rodriguez, meglio il suo omonimo.

E. Valencia 6,5: Vivace soprattutto nella prima frazione, dove trova di testa il gol del vantaggio. Cala alla distanza, come tutti i suoi compagni.

Jefferson Montero 7: Il migliore dei suoi, punta l’uomo e spesso e volentieri lo salta, fatica però a trovare la conclusione. Esce nella ripresa, da lì l’Ecuador non crea più nulla. (Dal 78′ Rojas, s.v.)

Felipe Caicedo 5: Poco coinvolto, fa a sportellate con Von Bergen e come il suo dirimpettaio Drmic non è incisivo. (Dal 70′ Arroyo, un paio di iniziative, mette un po’ di pepe ma non crea pericoli alla porta di Benaglio.)

 

About Andrea Gatti 567 Articoli
24 anni, appassionato di sport a tutto tondo (football americano, basket, golf e ovviamente calcio), letteratura, film e auto. Dopo aver conseguito la maturità linguistica, lavoro attualmente per una multinazionale metalmeccanica, mi occupo di calcio estero per passione ed amore per il rettangolo verde.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.