Ucraina, Dnipro in Champions, Metalist, Dynamo, Chornomorets e Metalurh Donetsk in Europa League

nwph_2014-1_dd-md2_mCon i match giocati ieri si è conclusa la Premier League più travagliata della storia del calcio ucraino e, purtroppo, non solo per motivi calcistici; si è iniziato infatti con il fallimento dell’Arsenal dopo 13 giornate di campionato e conseguente annullamento di tutte le partite fin lì giocate della squadra di Kiev. Nella pausa invernale sono iniziati i ben noti disordini sociali (con annessione della Crimea alla Russia) che hanno portato a riprendere il campionato due settimane dopo la data prevista e, per portare a termine il torneo, si sono giocate numerose partite in campo neutro o addirittura a campi invertiti. Speriamo che nei due mesi che seguono la situazione possa rasserenarsi e che il prossimo possa essere un campionato normale; ma veniamo ora al calcio giocato.

Con lo Shakhtar già campione restava solo da stabilire chi sarebbe arrivato secondo e quindi qualificato per i play-off di Champions League, la quarta squadra qualificata per l’Europa League e la squadra che sarebbe retrocessa in Persha Liga (causa sopracitato fallimento dell’Arsenal quest’anno una sola retrocessione in seconda divisione). Partiamo subito dalla zona retrocessione con l’unico anticipo di giornata tra Tavria Sinferopoli ed Illichivets finita 0-3 per gli ospiti; con una vittoria i padroni di casa si sarebbero salvati ma hanno dimostrato di non crederci più e gli ospiti hanno avuto vita facile con doppietta di Churko e sigillo finale di Totovitsky. Dove giocherà l’anno scorso il Club della Crimea è difficile da dirsi visto che per cambiare Federazione occorre il placet della UEFA e delle due Federazioni coinvolte e che la Federazione Ucraina venga incontro a quella Russa al momento sembra impossibile. Con l’analisi della giornata cominciamo dall’incontro tra lo Shakhtar Donetsk già campione ed il Volyn Lutsk troppo debole e per di più senza stimoli per impensierire i “minatori”: inevitabile il successo 2-0 dei padroni di casa grazie alla doppietta del brasiliano Luiz Adriano che così si aggiudica la classifica marcatori con 20 reti stagionali (con un solo calcio di rigore). A seguire il match tra l’Odessa Chornomorets già qualificata per l’Europa League ed il Karpaty Lviv che quest’anno si è salvata senza problemi con un decimo posto finale dopo due stagioni in cui si era sempre classificata terzultima e salva per il rotto della cuffia; senza stimoli per entrambe le squadre è uscito fuori uno scialbo 0-0.

Nel terzo incontro domenicale la Dnipro ha ospitato il Metalurh Donetsk con l’obiettivo dichiarato di vincere per mantenere il secondo posto valevole per l’accesso ai play-off di Champions League, ma anche il Metalurh D. doveva conservare il punto di vantaggio sulla Zoria Lugansk per accedere ai preliminari di Europa League; ne è scaturito un bel match che i ragazzi allenati da Juande Ramos hanno portato a casa grazie alle reti tutte brasiliane di Giuliano (doppietta) e Matheus mentre per gli ospiti ha accorciato le distanze il difensore Irlandese O’Dea. In virtù del risultato la Dnipro accede per la prima volta ai play offs di Champions League vanificando la contemporanea vittoria del Metalist Kharkiv contro il Vorskla Poltava per 1-0 grazie ad un’altra rete brasiliana di Cleiton Xavier al 6’; grazie al successo terzo posto finale per il Metalist ed accesso al tabellone di Europa League, ottimo risultato considerando i problemi societari della squadra di Kharkiv (l’ex proprietario fedele di Yanukovych è fuggito in Bielorussia lasciando debiti e numerosi stipendi in arretrato).

Nell’ultimo match disputato la Dynamo reduce dalla brillante vittoria in Coppa Ucraina sugli storici rivali dello Shakhtar ospitava la Zoria Lugansk che, come detto, era ancora in lotta per l’Europa League; troppo forte la Dynamo per un 3-1 finale con reti di Ideye, Yarmolenko e Garmash per i padroni di casa e rete della bandiera del brasiliano Danilo all’84’ su rigore. Nel postpartita il presidente della Dynamo Igor Surkis ha ufficializzato la conferma di Rebrov sulla panchina per la prossima stagione. Da notare come non si sia disputata la partita tra PFC Sebastopoli e Goverla Zakarpattia che la Federazione aveva deciso di disputare in campo neutro; infatti le due squadre non sono riuscite ad accordarsi sulla sede di un match comunque ininfluente per il campionato di entrambe. Vedremo cosa deciderà la federazione in merito. Di seguito il dettaglio dei match giocati:

16/05/2014 TAVRIA – ILLICHIVETS 0 – 3
MARCATORI : Churko 13′ 87′ ; Totovytsky 83′
17/05/2014 PFC SEBASTOPOLI – GOVERLA ZAKARPATTIA
Match non disputato
18/05/2014 SHAKHTAR –VOLYN 2 – 0
MARCATORI : Luiz Adriano 30’ 63’
18/05/2014 CHORNOMORETS – KARPATY 0 – 0
18/05/2014 DNIPRO – METALURH D. 3 – 1
MARCATORI : Giuliano 3′ 32′ (D) ; O’Dea 44′ (M) ; Matheus 55′ (D)
18/05/2014 DYNAMO – ZORIA 3 – 1
MARCATORI : Ideye 69′ (D) ; Yarmolenko 71′ rig (D) ; Garmash 73′ (D) ; Danilo 84′ rig (Z)
18/05/2014 METALIST – VORSKLA 1 – 0
MARCATORI : Cleiton Xavier 6’

foto tratta da fcdnipro.ua

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.