Eredivisie, Playoff Europa League: Alla fine la spuntano le sfavorite

Grande spettacolo e sorpresone nei ritorni delle semifinali di playoff per l’Europa League con  Az Alkmaar e Groningen che a sorpresa hanno la meglio su Heerenveen e Vitesse. Andiamo con ordine.

Vitesse – Groningen 1-4

Finisce malissimo la stagione per il Vitesse che subisce un netto 1-4 casalingo. La squadra di Arnhem non riesce a ribaltare la sconfitta patita tre giorni fa a Groningen, dov’era stato decisivo il gol nel finale di Leerdam. La partita parte con dei ritmi ottimi ma viene ghiacciata al 26′ quando gli ospiti passano in vantaggio grazie alla bordata da meta campo di Chery che non lascia scampo a Verthuizen. Il Vitesse trova il pari nella ripresa grazie al gol di Propper, con il numero 10 che scalda il pubblico di casa, speranzoso di una rimonta vincente. Un minuto più tardi Zivkovic gela definitivamente il Gelredome portando il Groningen di nuovo in vantaggio. A questo punto il Vitesse si scopre cercando il gol del pari ma verso l’83’ subisce la ripartenza perfetta degli ospiti. Chery serve sulla corsa Kostic che saltato il portiere deposita in rete anche con l’aiuto del palo. La partita è ormai chiusa ma il Vitesse lascia ancora troppi spazi. Kostic all’89’ s’inventa un grandissimo gol facendo partire un gran sinistro dal limite dell’area. Groningen che guadagna quindi una finale playoff meritatissima.

Heerenveen – Az Alkmaar 1-0

Partita ben diversa rispetto all’andata. Il pubblico di casa crea un’atmosfera caldissima ma l’Az non sbanda e resta a galla. Il 3a0 rimediato dall’Heerenveen ad Alkmaar è stato fatale alla squadra di Marco Van Basten che nonostante tutto onora la gara e mette in difficoltà i suoi avversari frutto anche del gol al 47′ di Slagveer che per un momento ha entusiasmato l’Abe Lenstra Stadion. L’assenza di Finbogasson si è fatta sentire li davanti per gli uomini di casa che quest’oggi erano chiamati ad un’impresa troppo difficile.

About Nicola Chessa 433 Articoli
Nato a Siniscola, in provincia di Nuoro, in una notte d'ottobre del 1993, sin da quando è un bambino si appassiona al calcio. Raggiunta la maturità in terra sarda, decide di spostarsi a Milano per star vicino al suo grande amore, l'Inter.
Contact: Twitter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.