Monaco-Guingamp 1-1: Psg campione di Francia!

FBL-FRA-LIGUE1-MONACO-GUINGAMPIl Guingamp ha più bisogno di punti rispetto al Monaco, solo la matematica separa il Psg dal titolo e i discorsi sono chiusi da un pezzo, apertissimi invece quelli per la salvezza. L’Evian è proprio lì e il Sochaux, rinato, è appena appena una distanza più lontano. In avvio sono appunto gli ospiti a far vedere le cose migliori. Stando a quanto riporta la stampa francese il divorzio tra il club del Principato e Claudio Ranieri sarebbe già stato messo nero su bianco giorni fa, mancherebbe giusto l’ufficialità, si nota aria di smobilitazione. Dopo un quarto d’ora scintille tra Rodriguez e capitan Mathis, il signor Lannoy interviene a ristabilire la calma. Difesa molto alta dei padroni di casa, Carvalho e Abdennour (sostituto di Abidal in queste ultime gare) concedono molto agli avversari, autori dell’eliminazione biancorossa dalla Coppa di Francia.

Scambio prolungato tra Giresse e Yatabaré in contropiede, ci vuole l’intervento di Carvalho per evitare guai. Leveque tocca duro Kondogbia, che resta a terra dolorante. Il centrocampista, pezzo pregiato in casa monegasca, rientra in campo dopo un paio di minuti. Ben messa la squadra di Gourvennec, fa fatica il Monaco a procurarsi occasioni pulite. Al 37esimo arriva la prima ammonizione, se la becca meritatamente il nervosissimo Yatabaré, a cinque dal termine è proprio lui a servire Mathis che spara dalla distanza ma non coglie lo specchio. Monaco così così, il Guingamp non fa complimenti e prima della sosta pure Sorbone prende il giallo, entrataccia su Raggi. Si va al riposo a reti inviolate, un risultato che incorona il Psg campione di Francia anche senza giocare.

 

Monaco e Guingamp tornano in campo per il secondo tempo senza cambi, c’è forse un fallo in area su Kondogbia ma l’arbitro lascia correre. Un po’ meglio i padroni di casa in avvio di ripresa, al minuto 56 il capitano Toulalan libera il destro dopo uno schema dalla bandierina: non va. Calano vistosamente gli ospiti, molto attenti nella prima frazione di gioco e adesso disuniti, ne approfittano i monegaschi che collezionano buone occasioni. Al 74esimo James Rodriguez ci prova con il mancino a giro su punizione, palla che si perde a lato e cronometro che corre senza che nessuna delle due scquadre riesca a trovare la via del gol fino al 77esimo.

Nabil Dirar, entrato due minuti prima al posto di Rodriguez, dà spettacolo sulla destra e mette in metto per Berbatov, un cioccolatino da scartare e il bulgaro ringrazia. Grande ingresso del nazionale marocchino (che qualche anno fa ha espresso il desiderio di giocare col Belgio ma avendo già esordito con i nordafricani non è stato possibile), ex Brugge, mossa azzeccata in pieno da Ranieri. Fuori Berbatov a otto dal termine, Ocampos al suo posto. Proprio quando il Guingamp sembra alle corde, Sankoh mette in area dalla destra, sponda di Yatabaré e Atik, altro subentrato nel secondo tempo, mette in rete.

Il titolo dopo pochi minuti ricompare nella bacheca del Psg. Il match tra Monaco e Guingamp ha ancora emozioni da regalare, severo Lannoy ad espellere Diallo per uno scontro aereo con Toulalan, portato a bordo campo per le cure e poi sostituito. Il gomito del numero cinque è sicuramente alto ma non sembra esserci volontarietà. Arriviamo al recupero, quattro minuti, il Guingamp vuole far propria la partita nonostante l’inferiorità numerica ma la palla è stabilmente tra i piedi dei monegaschi. Finisce uno a uno, a vincere è il Psg che con questo risultato ottiene il quarto titolo della sua storia, secondo di fila. Il match delle 21.00 contro il Rennes ora è semplice passerella. Titoli di coda sulla stagione del Monaco, che fa il suo ritorno in Champions League ma che con tutta probabilità cambierà timoniere.

About Paolo Bardelli 2028 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.