Prandelli: ‘Chi vuole il Mondiale rispetti le regole, da Balotelli mi aspetto buone prove’

Italy Training Camp - Day 2I Mondiali sono ormai alle porte e presto Cesare Prandelli dovrà comunicare alla Fifa la lista dei 30 pre-convocati. Il Commissario tecnico della Nazionale italiana non ha dubbi: Insigne e Immobile, le grandi conferme di questa stagione, ci saranno, poi spetterà ai due giocarsi al meglio le proprie carte. Il bomber del Torino, complici l’annata al vertice della classifica cannonieri, una condizione atletica invidiabile e la giovane età, ha superato nelle gerarchie di Prandelli un attaccante del calibro di Luca Toni, capace fin qui di trascinare l’Hellas Verona, segnando la bellezza di 19 reti in campionato. Insigne, invece, è stato il grande protagonista della finale di Coppa Italia, guidando il Napoli alla vittoria e offrendo una prova di maturità che non è passata inosservata.

Insigne e Immobile saranno convocati per la prima parte del raduno di Coverciano, al pari di Mario Balotelli, che nella mente del nostro Ct rappresenta il punto fermo del reparto offensivo, per condizione atletica, capacità di far reparto da solo e soprattutto talento. Le chiacchiere su Mario non interessano a Prandelli, che però non transige sul mancato rispetto delle regole. Prandelli adesso si augura che Mario il cattivo non commetta colpi di testa: “Ha fatto 14 gol in Nazionale e in azzurro non ha mai avuto un comportamento non in linea col gruppo. Devo giudicarlo quando verrà convocato, mi auguro che non accada nulla in queste ultime settimane di campionato perché chi vuole venire al Mondiale sa che esistono delle regole. Da lui mi aspetto buone prestazioni, come quella di ieri sera”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.