Torneo Final argentino: l’Estudiantes batte il Colon, il Godoy Cruz pareggia

Ne mancano solo due adesso, di giornate. Ma non per tutti ancora. Giocate sfide delicatissime in vetta e in coda. Lassù in alto siamo in attesa però della capolista Gimnasia la Plata, del River e del Lanus. Intanto Godoy Cruz e Colon inciampano, davanti a due giganti d’Argentina; il Velez Sarsfield che frena sull’uno a uno El Tomba e soprattutto l’Estudiantes che va a vincere al Cementerio de Los Elefantes di Santa Fe per due a zero. Per il Gimnasia sarà mini-fuga? E il River, vincendo, ne approfitterà per riuscire finalmente a raggiungere l’agognato primo posto? Solo al campo l’ardua sentenza. Il Granate nel frattempo, ha recuperato il match con il Tigre, pareggiando però per zero a zero e portandosi a 26 punti, a 4 lunghezze dalla vetta. Lanus che ha centrato l’obiettivo qualificazione in Libertadores e che ha giocato il match col Tigre con giovani e riserve.

Stanotte la sfida bellissima sarà proprio nel Bosque di La Plata contro El Lobo di Pedro Troglio mentre il River riceverà al Monumental un Racing Club del Mostaza Merlo in piena crisi. Le altre: il Quilmes ha vinto la sfida casalinga contro l’Argentinos Juniors già retrocesso e così facendo ha fatto un balzo in avanti nella tabella del promedio. Questo anche perché l’Atletico Rafaela è stato sconfitto dal San Lorenzo per due a zero, Ciclon vittorioso con la seconda squadra, in vista dei quarti di finale di Libertadores. Atletico Rafaela che raggiunge la zona rossa, avendo toccato quota 9 partite senza vittoria. Infine un buon zero a zero tra il Rosario Central e l’Olimpo; pareggio che serve al Central per l’accesso alla copa Sudamericana e agli oro-neri di Bahia Blanca per la quasi certa salvezza matematica.

Partite del 03/05:

Quilmes-Argentinos Juniors

Sul filo del rasoio. Il campionato del Quilmes partito davvero male potrebbe rivelarsi un vero miracolo oppure una grande delusione. La vittoria contro il Bicho, depresso e retrocesso, ha un valore incredibile. Prima cosa perché mancano solo due giornate e secondo perché in B ci andrebbe l’Atletico Rafaela al momento. Ma il Quilmes dovrà soffrire fino all’ultimo minuto e come ha detto Caruso Lombardi, condottiero orgoglioso e senza paura, “Adesso saranno due finali”. Incontrare il Gimnasia la Plata di questo momento e all’ultima il River Plate fa rabbrividire solo al pensiero i tifosi del Cervecero. Ma la palla è rotonda e le partite vanno giocate. Il Quilmes sarà padrone del proprio destino e di quello altrui, visto che rubando punti a queste due squadre potrà decidere le sorti del campionato, oltre che quelle della propria salvezza. Intanto altri tre punti che la spingono su e le danno morale; uno a zero meritato, con un gol fortunato e gentilmente concesso dalla difesa ospite, di Gonzalo Rios, ormai goleador habitué. Altre occasioni sprecate, specialmente con Telechea e il palo di Benitez, hanno legittimato una vittoria frutto di un miglior possesso palla e qualità di gioco contro un avversario che già pensa al prossimo durissimo anno in B Nacional.

Colon-Estudiantes

Non sappiamo se la favola del Colon avrà il suo stupendo lieto fine con lo scudetto Final ma ricorderemo sempre questa cavalcata meravigliosa, quasi commovente, di una squadra rinata dalle proprie ceneri come l’araba fenice e arrivata così in alto da non avere ormai più fiato. La sconfitta interna con l’Estudiantes è un segno di cedimento ma c’è solo da togliersi il cappello di fronte ai ragazzi di Diego Osella. El Pincha ha dimostrato più freschezza e gioco superiore. Episodi comunque che hanno indirizzato la gara tutta a favore dell’Estudiantes. Il primo, al ’42, con l’errore di valutazione su un rimbalzo, del centrale del Colon, Landa, che ha permesso la fuga solitaria di Franco Jara e la bella definizione a rete, con il collo destro a incrociare al sette del secondo palo. L’altro episodio che ha tagliato le gambe al Sabalero, è arrivato al sesto minuto della ripresa, con l’ingenuità del capitano del Colon, Alcoba, che ha rifilato un cazzotto nello stomaco a Desabato, nel mezzo di una mischia su calcio d’angolo. Rigore ed espulsione diretta per l’arbitro e trasformazione dagli undici metri di Guido Carrillo. L’Estudiantes è ad un solo punto dalla vetta e vuole il titolo, la speranza è l’ultima a morire. Colon sceso a 27 ma ormai salvo e con uno storico torneo da raccontare ai nipoti.

Rosario Central – Olimpo

Quando uno zero a zero va bene a entrambi. Central e Olimpo si accontentano di un punticino per uno, proseguendo nei rispettivi buoni campionati. Canallas che, dopo aver ottenuto la matematica salvezza, cercano punti per l’accesso alla copa Sudamericana. Olimpo che ancora non è salvo ma che è veramente vicinissimo all’obiettivo. Due squadre toste, compatte, grintose e sempre disposte benissimo in campo non potevano che regalare una partita dalle venature molto tattiche. E nonostante sia stata una sfida piacevole, le due squadre non sono riuscite a trovare la formula giusta per andare in gol, naturalmente preoccupandosi prima di non prenderlo. Nel finale, nonostante i cambi abbiano portato maggiore peso offensivo e freschezza, i ventidue in campo hanno deciso di non farsi del male e portare a casa un punto davvero prezioso.

Partite del 04/05:

Godoy Cruz-Velez Sarsfield

Una sfida che poteva vincere e che invece ha regalato un solo punto. La vetta solitaria era un sogno e rimarrà tale per il Godoy Cruz, che ha sprecato una grandissima occasione, con il vantaggio di un gol e di un uomo, si è fatto pareggiare a dieci minuti dalla fine. Velez Sarsfield che sta provando a salvare il salvabile, in cerca di un primo posto nella classifica generale che lo porterebbe alla prossima Libertadores. Ormai fuori da questa di Libertadores e dalla lotta per il Final, il Fortin ha dimostrato comunque grande forza e ha evidenziato il peso specifico di alcuni dei propri uomini. Match che si è aperto dopo dieci minuti con la bomba di José Luis Fernandez e l’uno a zero. Impreparata la retroguardia del Velez, sul contropiede 3 contro 2 del Tomba, Fernandez non è stato chiuso e, arrivato al limite dell’area, ha sparato una bella fucilata di sinistro quasi sotto l’incrocio della porta difesa da Sosa. Sosa che è stato il vero eroe della serata del Fortin, con innumerevoli interventi e parate decisive. A fine mach saranno 14 i tiri del Tomba, di cui dieci in porta. Nonostante ciò il buon vecchio Maurito Zarate ci aveva provato anche stavolta, ma la sua conclusione è finita sul palo. Al secondo minuto della ripresa, un pugno di Cubero a Gonzalo Diaz, ha provocato l’espulsione per il difensore del Velez e il successivo assedio alla porta di Sosa, senza successo però. Così a dieci dal termine, Canteros a destra, scodella sul secondo palo, dove da solo, stacca imperiosamente Cardozo che la piazza nell’angolo sul primo palo. Uno a uno finale che viene scosso solo dalla seconda espulsione ai danni del Velez, con Nanni cacciato dall’arbitro per insulti.

San Lorenzo-Atletico Rafaela

Almeno il futuro è assicurato. I giovani ispirano e decidono la vittoria del Ciclon sulla Crema di Rafaela che adesso è entrata nella zona rossa. San Lorenzo che rimane ancora in gioco per questo Final, virtualmente a tre punti dal Gimnasia. Quarta partita consecutiva senza subire gol per il San Lorenzo e tantissima fiducia nel prossimo futuro. Futuro brillante che hanno tantissimi giovani di questo Ciclon 2.0, con i vari Catalan, Quignon e Navarro a guidare la carica. Proprio le discese a destra di Catalan e le doti balistiche di Navarro hanno regalato le più grandi emozioni per il San Lorenzo. Al minuto 42, proprio il centrocampista classe ’92, Leandro Navarro, chiamato La Bomba, non a caso, su un calcio di punizione dai 35 metri, ha lasciato partire un tiro formidabile per forza e precisione che ha aggirato la barriera e, toccando il palo, è finito nell’angolino. San Lorenzo padrone del campo, che ha anche fallito un rigore con Blandi al ’54, con il tiro del bomber finito fuori. Blandi che si è poi rifatto, mettendo il giovane compagno Quignon davanti al portiere Conde, sugli sviluppi di un contropiede, con il pibe che ha chiuso i conti sul due a zero al ’69.

Classifica alla 17/a giornata:

Gimnasia L.P. – 30

Estudiantes – 29

Godoy Cruz – 29

River Plate – 28

San Lorenzo – 27

Colon – 27

Lanus – 26

Velez Sarsfield – 24

Olimpo – 24

Rosario Central – 24

Boca Juniors – 23

Newell’s – 21

Quilmes – 21

Belgrano – 18

Tigre – 17

Racing Club – 16

Atl. Rafaela – 16

Argentinos Jrs – 15

Arsenal Sarandi – 14

All Boys – 14

 

About Michele Stefanelli 58 Articoli
Laureato in media e giornalismo a firenze. Giornalista, corrispondente e scrittore, passione per il calcio, esperto di calcio argentino e calciomercato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.