I Conti nel Pallone: My Fair… Play

Yohan Cabaye Press Conference in ParisIbra? Ce l’ho! Lavezzi? L’ho preso l’anno scorso. Cavani? Eh, come faccio a farmi scappare il Matador. Ma c’è quel Verratti che in serie B ha fatto bene; quasi quasi prendo anche lui. E potremmo anche continuare a lungo. Questa, o quasi, deve essere stata la dura vita da presidente del Psg dello sceicco Nasser Al-Khelaifi negli ultimi 4-5 anni. Spendere e spandere come se non ci fosse un domani e alla faccia dei moralizzatori sostenitori di un calcio più parsimonioso vista la crisi mondiale. Questo carino quadretto potrebbe probabilmente essere giunto al termine; non è certo fatto ignoto che i bilanci del Psg siano finiti sotto la lente di ingrandimento degli ispettori Uefa.

Il tanto decantato Fair Play Finanziario si basa su di un principio semplice: ogni società non può spendere più di quanto incassa e gli eventuali debiti regressi non possono eccedere i 45 milioni di euro a biennio. Ma perché il Psg è finito nell’occhio del ciclone? Colpa della maxi sponsorizzazione sottoscritta con la Qatar Tourism Authority che porterà nelle casse del Psg tra i 125 e i 200 milioni a stagione per i prossimi 4 anni. Non deve stupire tanto il fatto che Al-Khelaifi di fatto si autosponsorizzi (la Qatar Tourism Authority e il fondo proprietario del club parigino fanno entrambi capo al fondo sovrano del Qatar) bensì l’entità della sponsorizzazione.

Altre società, in primis la Juve in Italia, spesso fanno riferimento a società correlate o comunque vicine alla proprietà; i bianconeri infatti hanno contratto con Jeep una sponsorizzazione importante e proficua e non è un caso che la Jeep sia indirettamente in mano agli Agnelli. La normativa del FPF dedica un intero capitolo proprio alle sponsorizzazioni provenienti da società “correlate” e prevede che la valutazione dell’entità di ricavi proveniente dallo sponsor da inserire in bilancio, venga fatta al fair value (valore di mercato). Il fair value è direttamente collegato al prestigio della squadra, ai trofei vinti e a parametri simili, è insomma il valore del “marchio”; tanto per fare un esempio il “marchio” Manchester United vale sul mercato attorno ai  € 130 milioni .

Alla luce di quanto appena detto, è assolutamente lapalissiano che il Psg non possa avere valore simile; peccato che la sua sponsorizzazione sia di oltre 125 milioni di euro . Sappiamo bene che il vecchio caro Platini è particolarmente attento alle vicende del calcio transalpino; basti pensare alla buffonata in occasione dei sorteggi per gli ultimi mondiali e che ha garantito alla Francia un girone “abbordabile” (e siam stati gentili). Tuttavia, la violazione del regolamento vigente è incontrovertibile e oggettiva così come la sanzione: impossibilità di partecipare alle competizioni europee per 1,2 o 3 stagioni a seconda della gravità dell’illecito (per info chiedere al Malaga). Caro Michael la scelta è facile: fare un torto ai tuoi connazionali o consentire ai petroldollari di continuare a distruggere il mercato calcistico.

E mentre il Roi decide, Nasser dal suo ufficio ultralussuoso alza la cornetta e compone un numero a caso: “Pronto, uffici del Barça? Ci sarebbe un certo Lionel Messi che mi interessa. Mi raccomando, fatemi uno sconto, non posso spendere più come una volta!” (forse!).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.