Ligakupa ungherese: la finale sarà Videoton – Diósgyör

Tra martedì e mercoledì sono state giocate le semifinali di ritorno di Ligakupa, la Coppa di Lega magiara, istituita nel 2007. Il Videoton, vincitrice di tre edizione, si conferma in finale per il secondo anno consecutivo, mentre il DVTK cercherà di cogliere il suo primo successo.

Tra Videoton e Debrecen – capolista in campionato – c’era ben poca storia da scrivere. All’andata, il Loki era stato piegato per 5 a 1 tra le mura amiche e solo un miracolo sportivo avrebbe potuto condurlo in finale. Entrambe le squadre, infatti, optano per una formazione ampiamente rimaneggiata, dal momento che in campionato sono in lizza per traguardi importanti: terzo posto e scudetto (senza contare la Magyar Kupa per gli ospiti).
Peraltro, il Debrecen parte fortissimo, costruendo la prima occasione dopo soli 13 secondi dal fischio d’inizio: colpo di tacco in area di l’Imam Seydi e tiro – troppo centrale – di Tisza da due passi, che testa i riflessi di Tomas Tujvel, secondo portiere dei padroni di casa. Al 13′, la risposta del Videoton: Jucie Lupeta, 21enne portoghese di origini congolesi, entra in area e scarica un potente sinistro che sbatte sulla parte interna della traversa e, probabilmente, entra in porta: nè l’arbitro Szabó, nè il suo assistene segnalano però il gol che, con l’ausilio del replay, sembra invece essere valido. Intorno alla mezz’ora, altro botta e risposta tra le due formazioni: prima Kovács, per il Debrecen, dribbla un difensore in area ma il suo tiro è respinto dai piedi di Tujvel; dunque, su un calcio di punizione dalla trequarti offensiva per il Videoton, è il difensore centrale Vinícius a sbagliare un semplice colpo di testa a pochi centimetri dalla porta difesa da Verpecz. Al 37′ minuto arriva l’unica rete dell’incontro: il 23enne Gyurcsó, lanciato a rete, elude l’uscita del portiere del Loki, prima di appoggiare comodamente in rete.
Nella ripresa i ritmi si fanno più bassi, con i padroni di casa che controllano la partita e gli ospiti – in maglia bianca – che cercano la via del gol senza troppa convinzione. L’occasione più ghiotta capita sul piede destro di Tisza, che fa partire una splendida palla a girare dai 20 metri, che si stampa però sulla parte alta della traversa.
Con un aggregate di 6 a 1 il Videoton si qualifica dunque per la finale del 13 maggio, in attesa di conoscere il nome dell’avversaria.

Mercoledì la sfida tra Diósgyör e Ferencváros era sicuramente più incerta, dopo che all’andata il DVTK si era imposti in rimonta per 2 a 1.
La partita si apre con il bel gesto delle squadre, abbracciate a centrocampo dietro la scritta “We Are All Monkeys”, slogan contro il razzismo venuto alla ribalta dopo il gesto eclatante del brasiliano Dani Alves nella partita Villarreal – Barcelona. In campo, gli abbracci lasciano spazio all’agonismo: per entrambe è una gara importante, visto che l’unico obiettivo possibile in campionato è il terzo posto. Il Fradi inizia meglio, dal momento che ha come unico risultato la vittoria, ma in un paio di occasioni è Bacsa, il migliore del DVTK, a rendersi pericoloso dalle parti di Antal. Proprio il numero 9 biancorosso, un minuto prima dell’intervallo, porta in vantaggio i padroni di casa, gettando nello sconforto Thomas Doll e i suoi ragazzi.
Alla ripresa del gioco, però, si capisce che nulla è ancora deciso: al 52′ minuto, infatti, il terzino destro classe 1994 del DVTK, Eperjesi, viene espulso dopo aver atterrato Busai in area, lasciando la squadra di Sivic in 10 uomini per quasi tutta la seconda frazione e concedendo il rigore agli ospiti. Rigore che viene realizzato con freddezza dallo spagnolo David Mateos, specialista dei tiri dagli 11 metri. Ora, con un gol il Fradi porterebbe la gara ai supplementari e, con un uomo in più, si può anche pensare di vincerla e ripetere la finale di Ligakupa 2012/2013.
Il DVTK è però molto bravo a non scomporsi e ripartire veloce in contropiede, come in occasione del possibile nuovo vantaggio, capitata sui piedi di Futács, che, poco prima di lasciare spazio in campo a Kádár, non riesce a finalizzare.
Doll nel finale tenta il tutto per tutto, inserenda anche il 21enne magiaro Roland Ugrai, senza però trovare la via del gol. Finisce 1 a 1: DVTK in finale e, per la prima volta, con la possibilità di portare a casa la Coppa di Lega.
La finale si disputerà il 13 maggio.

 

 

 

 

 

 

 

(La foto nell’articolo è tratta da origo.hu)
(L’immagine in evidenza è tratta da nemzetisport.hu)

About Simone Grassi 35 Articoli
Studente di Giurisprudenza, milanese, gobbo, amante di calcio a 360°. Ho collaborato e collaboro con Calcio2000, Goal.com, CalcioSudamericano.it. Curo il blog "Alla Fiera dell'Est - il (fanta)mercato del calcio".

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.