Real Sociedad-Espanyol 2-1: la meraviglia di Vela avvicina l’Europa

Una magia di Vela nel recupero regala tre punti insperati alla Real Sociedad, ormai ad un passo dalla qualificazione in Europa League: contro l’Espanyol finisce 2-1 all’Anoeta, vittoria che permette ai baschi di scavalcare al sesto posto il Villarreal e, soprattutto, di aumentare a otto i punti di vantaggio sul Valencia ottavo e bloccato oggi a Pamplona dall’Osasuna. I “pericos”, dal loro canto, stanno facendo di tutto per replicare il pessimo finale della scorsa stagione e collezionano la terza sconfitta, a cui si aggiunge un pareggio, nelle ultime quattro uscite. Salvezza conquistata con largo anticipo, certo, ma Aguirre farebbe bene a “destare” i suoi dal letargo primaverile.

Match non entusiasmante all’Anoeta; entrambe le squadre sono appagate e reduci da partite imbarazzanti. La Real Sociedad, poi, deve rinunciare a Griezmann, squalificato, e Xabi Prieto, infortunato; insomma, gli uomini più creativi della rosa sono fuori, confermato però Canales (reduce dal bel gol di Vigo) e il Chory Castro. La noia iniziale è rotta a metà del primo tempo dal gran gol di Jhon Cordoba: il centravanti colombiano riceve sulla trequarti, fa fuori conun dribbling secco Mikel Gonzalez, va via in progressione e batte nell’uno contro uno Bravo. Lo svantaggio sveglia la Real Sociedad che, al 32′, agguanta subito il pari: Canales, sugli sviluppi di un corner, lascia partire un tiro cross dalla destra che, grazie alla deviazione di Lanzarote, beffa Casilla. Il portiere catalano, in odore di Mondiali, è poi protagonista di un grandissimo intervento su Agirretxe a colpo sicuro, dopo che Ruben Pardo aveva clamorosamente, ovviamente in modo involontario, stoppato il tentativo di Canales.

Ripresa, se possibilie, ancora più noiosa della prima parte: Sergio Garcia si rende pericoloso con un bel destro da posizione defilata dopo la sponda di Cordoba, il centravanti colombiano poi si infortuna e abbandona il campo in barella. Arrasate butta nella mischia Seferovic e Hervias, mentre l’Anoeta, spazientito, fischia l’undici di casa. Proprio il giovane Hervias, 21 anni, prova il gol dell’anno con un pallonetto – finito di poco fuori – dai 30 metri. La giocata ha comunque il merito di scuotere i compagni, al 91′ arriva poi il gol partita di Vela: lancio lungo dalle retrovie, il messicano (al 13esimo gol stagionale) controlla di petto, beffa Fuentes con un tocco d’esterno e batte Casilla con maestria. Un lampo che illumina una partita di certo da non inserire negli annali…

About Alfonso Alfano 1751 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.