Gambrinus Liga Rep. Ceca: risale il Teplice, Viktoria e Sparta travolgenti

Si è concluso da poco il 23° turno di Gambrinus Liga, con il  posticipo che si è disputato eccezionalmente martedì, per permettere alle contendenti di recuperare le energie: entrambe infatti sono state impegnate la scorsa settimana nei quarti di finale di ritorno della Pohar Ceske Posty, la Coppa Nazionale della Repubblica Ceca.
Il weekend ci regala un turno ricco di gol e di emozioni nella lotta per il terzo posto e in quella per non retrocedere, mentre in testa Sparta Praga e Viktoria Plzen viaggiano ad altissima velocità.

Lo Sparta Praga espugna il Valenty Stadion di Uherské Hradiste e vince il 19° incontro su 23 giocati, rimanendo imbattuto in Gambrinus Liga nella stagione 2013/2014. Buona prova dello Slovacko che riesce a resistere un tempo alle sortite offensive degli ospiti, per poi arrendersi. Nella prima frazione di gioco Dockal ha la possibilità di rompere l’equilibrio al 28’, ma il suo sinistro da dentro l’area di rigore sbatte sulla parte interna del palo e torna in campo. Dopo l’intervallo, gli uomini di Lavicka tornano in campo con un atteggiamento completamente diverso rispetto al primo tempo. Al 49’  Lafata viene servito ottimamente in profondità, entra in area e con il sinistro conclude verso la porta; il suo tiro è troppo centrale e viene respinto con i pugni dal portiere di casa Hera. Il gol arriva al 59’: Krejci viene servito al limite dell’area da Dockal, punta l’avversario e calcia sul secondo palo. La palla passa tra le gambe di Kuncl e termina la sua corsa in rete. Nulla da fare per l’incolpevole Hera. Finisce 1 a 0 per i granata. Lo Sparta sale a quota 61 e mantiene 8 punti di vantaggio sul Viktoria Plzen, che non perde terreno vincendo 3 a 0 sul campo del Dukla Praga. La gara si sblocca al 18’ con il gol di Tecl che, dopo un rimpallo fortunato nell’area avversaria,  si ritrova il pallone sul piede destro e da pochi passi realizza la rete dell’1 a 0. Nel secondo tempo, prima Kolar al 50’ e poi Petrzela 9 minuti più tardi chiudono i conti e regalano la vittoria agli uomini di Urhin. Il Viktoria sale a quota 53 punti, mentre il Dukla Praga resta a 31 ed esce definitivamente dalla corsa al 3° posto, valevole per un posto nei preliminari d’Europa League della prossima stagione. Continua il periodo negativo dei capitolini, con un solo punto conquistato negli ultimi sei incontri di Gambrinus Liga, e l’eliminazione ai quarti di Pohar Ceske Posty rimediata la scorsa settimana per mano dei concittadini dello Sparta Praga.

Dopo 3 vittorie consecutive si ferma la corsa al 3° posto del Mlada Boleslav, che deve arrendersi al Jiraskovè Stadion di Jihlava. La formazione ospite parte subito forte e all’8’ va vicina al gol con un colpo di testa di Kores, deviato in calcio d’angolo dal portiere Hanus. Al 33’ i padroni di casa passano in vantaggio con Marek Jungr che, servito in profondità da Vaculik, scavalca con un tocco sotto il portiere avversario Divis e realizza il gol dell’1 a 0. Il Mlada tenta di reagire ma al 49’ subisce il secondo gol. Jungr entra in area e serve il suo compagno Haris Harba, che con un fantastico pallonetto realizza il gol del 2 a 0. I biancoazzurri non ci stanno e al 60’ riaprono il match con il gol di Stephen Kores. Ma il forcing finale della squadra di Karel Jarolim risulta inefficace. L’incontro termina sul risultato di 2 a 1 in favore della formazione di casa. Il Vyoscina Jihlava sale a quota 29, mentre il Mlada Boleslav resta a 40. E proprio nella corsa al 3° posto si rifà sotto l’FK Teplice, che vince contro il Marila Pribram e si porta a -1 dalla terza posizione. La formazione guidata da Scasny, dopo aver conquistato un solo punto negli ultimi 3 match di campionato, torna a vincere tra le mura amiche del Na Stinadlech Stadion, grazie ad una rete realizzata all’84’ dallo slovacco Elvis Bratanovic, entrato da poco meno di 3 minuti in campo. Servito splendidamente da Litsingi, l’attaccante 21enne conclude con il destro verso la porta, ma è decisiva la deviazione del difensore ospite Zapotocny, che spiazza il portiere e lo batte. Gol che regala la vittoria ai gialloneri, che salgono a quota 39 e si avvicinano considerevolmente al Mlada Boleslav, che ora dista solamente un punto. Sconfitta immeritata per il Marila Pribram che, con i suoi 23 punti, è sempre più a rischio retrocessione. La squadra ospite, nel corso dei 90 minuti, è andata più volte vicina al gol, ed ha colpito ben 3 “legni” della porta difesa dal portiere del Teplice, Tomas Grigar.

Anche lo Slovan Liberec approfitta della sconfitta del Mlada Boleslav superando 3 a 2 conto il Banik Ostrava, al termine di un incontro ricco di emozioni disputato allo Stadion u Nisy di Liberec. La squadra di Sihlavy passa in vantaggio dopo soli 2 minuti e 30 secondi con David Pavlenka che, sfruttando direttamente il rinvio del proprio portiere Kovar, entra in area di rigore e di sinistro batte il portiere avversario (suo omonimo) Jiri Pavlenka. Al 15’, sugli sviluppi di uno schema eseguito da calcio di punizione, Josef Sural tenta la conclusione con un gran diagonale sul secondo palo, che termina alle spalle del portiere. Dopo 15 minuti il risultato è già sul 2 a 0. Gli ospiti, alla ricerca di punti salvezza, reagiscono e 3 minuti prima dell’intervallo riaprono la partita con Kukec, che sul cross di Sukup, realizza con il piatto sinistro il gol dell’1 a 2. Nel secondo tempo parte nuovamente forte la formazione di casa e dopo soli 5 minuti chiude il match: Luckassen arriva sul fondo e mette in mezzo, dove arriva in corsa Pavlenka, che realizza il gol del 3 a 1. Prima doppietta personale in carriera e 4 rete stagionale per il centrocampista classe 1991. Il Banik Ostrava non si arrende ed al 57’ segna il gol del 2 a 3. Sugli sviluppi di un’azione confusa nell’area di rigore dello Slovan, il difensore ospite Baranek ne approfitta e di destro appoggia in rete il gol della speranza. Ma proprio Baranek viene espulso al 75’ per fallo da ultimo uomo: il Banik termina l’incontro in 10 uomini. Il match finisce sul risultato di 3 a 2 per lo Slovan. La squadra biancoazzurra sale a 38 punti, in 5° posizione, a -2 dal 3° posto occupato dal Mlada e a -1 dal Teplice. Il Banik resta a quota 19, in ultima posizione, a pari merito (o forse demerito) con il Bohemians 1905, sconfitto dal Sigma Olomouc. La squadra di Klusacek perde la dodicesima gara in 23 giocate ed ora la strada per la salvezza si fa sempre più in salita. Nel primo tempo domina l’equilibrio e le due squadre non riesco a rendersi pericolose. La svolta del match arriva al 53’, quando il centrocampista del Sigma Pospisil riceve palla sull’out di sinistra, converge al centro e dal limite dell’area lascia partire un tiro a giro che si insacca nell’angolino alla sinistra del portiere ospite Berkovic. Al 69’ arriva il gol del raddoppio: Zahradnicek crossa in messo per Depretis, che viene anticipato da Krch. Nel tentativo di intercettare il pallone, il centrale difensivo dei biancoverdi scavalca con un colpo di testa il proprio portiere Berkovic e realizza uno sfortunatissimo autogol. Dopo il 2 a 0, le due squadre non affondano fino al 91’, quando Hora segna il gol della bandiera per gli ospiti, al termine di una fantastica azione personale. Finisce 2 a 1 per il Sigma, che sale a 24 e si porta a +5 dalla zona retrocessione, occupata proprio dal Bohemians. Termina in parità lo scontro salvezza tra Znojmo e Zbrojovka Brno, che non si fanno male e porta a casa un punto a testa. Dopo un primo tempo dominato dalla noia, nella ripresa la gara si ravviva. Al 70’, il difensore ospite Kostal intervene con un fallo da ultimo uomo al limite dell’area su Reljic, lanciato verso la porta. Rosso diretto decretato dall’arbitro Kříž. E nell’azione successiva al fallo, Emir Zeba realizza un fantastico gol direttamente da calcio di punizione, con il pallone che passa sopra la barriera e si insacca nell’angolino alla sinistra del portiere. Ma lo stesso Zeba diventa protagonista in modo negativo. In soli 4 minuti viene ammonito 2 volte: la sua partita dura solo 6 minuti. All’86’, anche Hnanicek termina la sua partita in anticipo: doppio giallo e doccia anticipata anche per lui. 2 minuti più tardi arriva la beffa per i padroni di casa. E proprio dalla punizione causata dalla trattenuta di Hnanicek arriva il pareggio del Brno, siglato da Markovic, che con un bolide trafigge il portiere di casa Hruby. Il match termina sul risultato di 1 a 1.
Continua il periodo di crisi dello Slavia Praga che, nell’anticipo di martedì, impatta contro il Baumit Jablonec. La formazione di casa cerca disperatamente punti salvezza, ma nel corso dei 90 minuti non riesce ad impensierire il portiere ospite Vales. In realtà sono proprio i biancoverdi a rendersi più volte pericolosi, soprattutto sui calci da fermo, ma le due porte restano inviolate. Il match termina con un pareggio a reti bianche. Lo Slavia guadagna un punto sulla zona pericolosa e si porta a +4, mentre il Baumit Jablonec scavalca lo Slovacko e si porta al settimo posto solitario.

Gambrinus Liga, 23esimo turno

FK TEPLICE – MARILA PRIBRAM 1-0 (84’ Bratanovic) [Venerdì, 20.15]
SLOVAN LIBEREC – BANIK OSTRAVA 3-2 (3’ Pavlenka, 15’ Sural, 43’ Kukec[BO], 50’ Pavlenka, 57’ Baranek[BO]) [Sabato, 16.00]
DUKLA PRAGA – VIKTORIA PLZEN 0-3 (18’ Tecl, 50’ Kolar, 59’ Petrzela) [Sabato, 20.15]
ZNOJMO – ZBROJOVKA BRNO 1-1 (71’Zeba [ZN], 88’ Markovic) [Domenica, 16.00]
VYSOCINA JIHLAVA – MLADA BOLESLAV 2-1 (33’ Jungr, 50’ Harba, 61’ Kores[MB]) [Domenica, 17.00]
SIGMA OLOMOUC – BOHEMIANS 1905 2-1 (54’ Pospisil, 69’ Krch [ag], 91’ Hora [BO] ) [Domenica, 17.00]
SLOVACKO – SPARTA PRAGA 0-1 (59’ Krejci) [Domenica, 19.00]
SLAVIA PRAGA – BAUMIT JABLONEC 0-0 [Martedì, 18.30] 

classificaSparta Praga 61; Viktoria Plzen 53; Mlada Boleslav 40; Teplice 39; Slovan Liberec 38; Dukla Praga 31; Baumit Jablonec 30; Slovacko 29; Vysocina Jihlava 29; Sigma Olomouc 24; Marila Pribram 23; Znojmo 23; Zbrovkoja Brno 23; Slavia Praga 23; Banik Ostrava 19; Bohemians 1905 19.

 

(foto sport.blesk.cz)

About Alessandro De Felice 134 Articoli
Laureato in Mediazione Linguistica, amo viaggiare e il 'football' di ogni angolo del mondo. Laziale fino al midollo, fin da bambino coltivo la passione per il giornalismo di ogni genere, con una particolare preferenza per quello sportivo. Con grande orgoglio, conto diverse collaborazioni online e sulla carta stampata. Grazie a Tuttocalcioestero.it ho scoperto la magia del calcio della Repubblica Ceca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.