Almeria-Osasuna 1-2: lo scontro salvezza premia i Rojillos

Antipasto del 32esimo turno di Liga stasera, Almeria-Osasuna è incontro fondamentale in chiave salvezza. Nessuna delle due compagini se la passa bene, sembra di un altro pianeta in questo momento il Valladolid che per l’appunto ha battuto i Rojiblanclos la scorsa settimana. Tra le due a star meglio è la squadra di Pamplona, che si è messa in tasca un buon punticino contro la Real Sociedad dopo una serie drammatica di sconfitte e stasera vuole incamerarne altri per volare verso una salvezza difficile ma possibile. Torsiglieri, espulso domenica, non è dell’incontro, così come Armenteros e Loties dall’altra parte, somma d’ammonizioni per loro.

Agli ospiti servono meno di venti minuti per portarsi avanti: palla dalla destra, Cejudo in qualche modo fa arrivare la palla all’accorrente Riera che non sbaglia. La gara è piacevole, non mancano le occasioni per entrambe le squadre ma a far male alla mezz’ora è ancora l’Osasuna. Rafita concede una punizione ghiotta, palla messa all’interno dell’area e dopo una respinta sbilenca della difesa Alejandro Arribas che stacca in mezzo a una selva e piazza la palla angolino. L’Almeria si affida al possesso palla, piuttosto sterile a dire il vero, più velenosa la manovra ospite e il doppio vantaggio all’intervallo è meritato.

L’Almeria non può perdere questa gara senza nemmeno provarci, nella ripresa c’è maggior incisività e al minuto 73 Soriano accorcia le distanze. Sette minuti dopo potrebbe addirittura pareggiare, ma la sua incornata sull’ottimo cross dalla fascia si perde alla destra del palo. Occasione ghiottissima buttata alle ortiche, affiora un certo nervosismo nei minuti finali, Rafita si fa prima ammonire per un fallo su Lahoz e poco dopo finisce sotto la doccia in pieno recupero. Almeria-Osasuna non ha altro da raccontare, Los Rojillos fanno un balzo e raggiungono momentaneamente la 14esima posizione, 33 punti alla pari con il Granada che comunque deve ancora giocare. L’Almeria resta ancorato al fondo della classifica, otto punti in più del povero Betis ma la quota salvezza ora potrebbe scappare dalla portata.

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.