Champions asiatica, zona orientale: finisce l’imbattibilità del Guangzhou di Lippi

Il Guangzhou Evergrande di Marcello Lippi viene sconfitto 1-0 dal Jeonbuk Hyundai Motors e termina così l’imbattibilità dei campioni d’Asia dopo 12 partite consecutive senza sconfitte. L’ultima caduta dei Sempre Grandi risaliva al 24 aprile 2013, quando nella quinta giornata della fase a gironi della scorsa Champions aveva ceduto 3-2 in trasferta di fronte ai giapponesi  dell’Urawa Red Diamonds.

Una sconfitta che non compromette la qualificazione dei campioni in carica agli ottavi di finale, ma che riequilibra la lotta per il passaggio del turno: Guangzhou e Jeonbuk sono adesso appaiate a 7 punti, con gli australiani del Melbourne Victory e i giapponesi  del Yokohama Marinos che sono li dietro assieme a 4 punti, dopo la vittoria dei nipponici per  3-2 nel secondo scontro diretto.

Partita equilibrata al Jeonju Wold Cup stadium, con il Jeonbuk vicino al gol nel primo tempo con un tiro dalla distanza di Jeong Hyuk a fil di palo. L’Evergrande ha in Alino Diamanti il suo miglior riferimento a livello offensivo: l’ex fantasista del Bologna ci prova prima alla mezzora con un calcio di punizione angolato ma senza la giusta potenza;  quindi al 40’su sponda del brasiliano Elkeson prova a girare con il destro verso l’incrocio, ma colpisce troppo di esterno e la palla va fuori di un metro abbondante.

Nella ripresa Lippi inserisce il brasiliano Muriqui(goleador e miglior giocatore della Champions League 2013) per alzare il baricentro e aumentare le varianti in attacco.  Al 67 il Jeonbuk Hyundai resta in 10 per l’espulsione di  Jeong Hyuk, ma la squadra cinese non riesce ad approfittare della superiorità numerica ed anzi, al 76’ va sotto: Lee Jae Seng con un lancio millimetrico pesca in area il brasiliano Leonardo che anticipa il movimento di Rong Hao e di prima con il sinistro batte Zeng Cheng. L’Evergrande non reagisce più. Adesso per stare tranquillo dovrà fare almeno 4 punti nelle ultime due giornate.

GRUPPO G

Jeonbuk Hyundai-Guangzhou Evergrande 1-0

Yokohama Marinos-Melbourne Victory 3-2

CLASSIFICA:  JEONBUK HYUNDAI(Kor) 7,GUANGZHOU(Cina) 7, Yokohama Marinos (Jap) 4 Melbourne Victory(Aus) 4

 

GLI ALTRI GIRONI: IL POHANG STEELERS VICINO ALLA QUALIFICAZIONE

Gruppo E-I sudcoreani del Pohang Steelers, massimo vincitore della Champions Asiatica con tre trionfi, espugnano il campo dello Shangdong Luneng con un perentorio 4-2 e inguaiano la corsa della squadra di Cuca, nella quale non ha brillato Vagner Love, a secco dopo le doppiette delle precedenti due giornate.

I giapponesi del Cerezo Osaka, privi di Diego Forlán, rimontano da 2-0 a 2-2 in Thailandia contro il Buriram United, mantengono a tre punti di distanza i thailandesi e agganciano a 5 punti il Shangdong Luneng.

CLASSIFICA: POHANG STEELERS(Kor) 8, SHANGDONG LUNENG(Cina) 5, Cerezo Osaka(Jap) 5, Buriram United (Thai) 2.

 

 

GRUPPO F-Tutto in superequilibrio in questo girone dove i sorprendenti australiani Central Coast Mariners hanno battono 1-0 i cinesi del Beijin Guoan e volano in testa, approfittando del 2-2 tra i vicecampioni d’Asia del FC Seul e il Sanfrecce Hiroshima giapponese, partita molto discussa quest’ultima per i due rigori assegnati ai padroni di casa, il secondo dei quali ha dato il pareggio definitivo al 95’ ai padroni di casa. Tre squadre inseguono la capolista a pari punti.

CLASSIFICA: CENTRAL COAST MARINERS(Aus) 6,  SANFRECCE HIROSHIMA (Jap) 5, Beijing Guoan(Cina) 5, Fc Seul(Kor) 5

GRUPPO H- Trionfo in rimonta per 2-1 del Kawasaki Frontale sugli australiani del Western Sidney Wanderers, che con questo successo raggiungono a 6 punti gli oceanici. Nell’altro incontro unico trionfo di un club cinese in questa 4° giornata grazie al Guizhou Renhe che si impone 3-1 sui sudcoreani dell’Ulsan Hyundai, con il giovane attaccante di 24 anni Chen Zije in evidenza con una doppietta. I motorizzati restano in testa, ma la loro prima caduta riapre il discorso qualificazione e nelle due giornate conclusive ce ne saranno delle belle.

CLASSIFICA: ULSAN HYUNDAI(Kor) 7, W.SIDNEY WANDERERS (Aus)6, Kawasaki Frontale(Jap) 6, Guizhou Renhe(Cina)4

 

 

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=Km_D5UmtMAk[/youtube]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.