Premier League: Un autogol annienta i sogni dell’Arsenal. Everton in forma strepitosa

Arsenal – Swansea 2-2

Non è mai semplice presentarsi di fronte al tuo pubblico quando soli tre giorni fa la tua squadra ha preso sei gol in trasferta. Wenger non subisce attacchi del pubblico e i tifosi dei Gunners si concentrano più alla gara, perchè niente è perduto, nemmeno dopo un 6a0 in casa del Chelsea. In Italia una cosa del genere sarebbe inaccettabile, soprattutto dalla troppa pressione dei media che manipolano l’attenzione dei fan del calcio giocato. Ma questi sono problemi italiani, limitiamoci a descrivere la gara. L’Arsenal parte con Oxlade – Chamberlain, Rosicky e Cazorla alle spalle dell’unica punta Giroud. Lo Swansea, alla ricerca di punti che la toglierebbero dall’incubo retrocessione, si affida a Bony, con alle spalle il ritrovato Michu accompagnato al suo fianco da De Guzman e Routledge, al centro spazio dal primo minuto per Shelvey e riposo per Pablo Hernandez. Gli ospiti partono bene e all’11’ passano in vantaggio, bellissimo il cross dalla sinistra di Taylor che trova un formidabile Bony li davanti che salta sopra la testa di Vermaelen anticipandolo e mettendo il pallone nell’angolo dove Szczesny non può arrivare. I Gunners giocano male la prima frazione di gioco e a parte qualche conclusione dalla distanza di Rosicky e qualche incursione in area di Cazorla non c’è molto da segnalare. Nella ripresa l’ingresso di Podolski per uno spento Oxlade Chamberlain cambia la gara. Nel giro di un minuto il giocatore tedesco segna e fa segnare. Prima mette dentro un ottimo assist di Gibbs, poi dalla fascia serve un cioccolatino per Giroud che da pochi passi mette dentro. Lo Swansea non si da per vinto ma trova il pari solo nel finale di gara con un autogol di Flamini, Sfortunato il giocatore francese che viene colpito dal pallone deviato da Mertesacker prima e Szczesny poi dopo che i due giocatori avevano fermato l’incursione in area di Britton. Questi punti persi decretano la fine del sogno Premier.

Newcastle – Everton 0-3

Ebbene si, è proprio il caso di dirlo! Questo Everton comincia a far paura. La marcia dei Toffees non si arresta nemmeno in quel di Newcastle con la squadra di Alan Pardew che viene schiantata con un secco 0a3. Il primo gol ospite arriva con una cavalcata pazzesca di Barkley che liberato da un tocco di Deulofeu, fa fuori tutta la difesa avversaria e mette dentro. Il raddoppio arriva a inizio secondo tempo, ancora un assist di Deulofeu che stavolta sere Lukaku che in spaccata mette dentro. Il gol di Osman a fine gara chiude i giochi e le speranze di rimonta. L’Everton oggi sta in Europa, domani si vedrà.

About Nicola Chessa 433 Articoli
Nato a Siniscola, in provincia di Nuoro, in una notte d'ottobre del 1993, sin da quando è un bambino si appassiona al calcio. Raggiunta la maturità in terra sarda, decide di spostarsi a Milano per star vicino al suo grande amore, l'Inter.
Contact: Twitter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.