Real Madrid-Barcellona, le pagelle

REAL MADRID-BARCELLONA 3-4, I PROMOSSI

Real Madrid-Barcellona – Ringraziamo le due squadre per la meraviglia che ci hanno fatto vedere questa sera, un Clasico che rimarrà negli occhi degli appassionati per tanti tanti anni. Un po’ scontato il paragone con i big match italiani, stasera però vedendo lo spettacolo del Bernabeu abbiamo rosicato. Amen.

Messi – E’ il più grande marcatore della storia del Clasico, vi basta? Stasera ha realizzato una tripletta al Santiago Bernabeu, vi basta? Ha realizzato due rigori su due, vi basta? Ha condotto il Barça alla vittoria per l’ennesima volta, vi basta? Leo Messi non basta mai, speriamo di ammirarlo per molto tempo ancora.

Benzema – Sbaglia qualche gol, ma ne realizza ben due. Se non ci fosse quel marziano di Leo sarebbe stato lui l’hombre del partido. I Blancos hanno venduto Higuain e tenuto lui, molti hanno avuto da ridire e l’argentino è comunque un giocatore di valore, tuttavia c’è stata troppa fretta nel buttare la croce addosso a Karim. Ricordate quando il popolo blanco invocava Morata al suo posto? Beh, pace e fatta tra il francese e la sua gente.

Iniesta – Neppure il tempo di sedersi comodi che Don Andrés inizia il concerto. Shhh… Dirige il Maestro! Una fucilata sotto la traversa dopo sei minuti per far capire a Diego Lopez che aria tira, poi scivola sul prato come un serpente e regala cioccolatini ai compagni. E’ lui a conquistare il rigore decisivo, determinante dall’inizio alla fine. Di capelli non ne ha tanti, dopo averlo incrociato neppure gli avversari. Cesare Ragazzi ringrazia.

Cristiano Ronaldo – Perde il duello con Messi, ma l’onore è salvo. Partita per niente facile la sua, il traffico di maglie blaugrana non gli consente mai di mettere la quinta e allora la Spider si mette a fare la Citycar cercando spazio dove c’è. Si conquista un penalty (del quale parleremo tra un po’) e lo trasforma.

REAL MADRID-BARCELLONA 3-4, I BOCCIATI

Undiano Mallenco – Prestazioni elevate sul prato del Santiago Bernabeu, quella del fischietto di Pamplona però è assolutamente da rivedere. Incomprensibile il metro di giudizio, cambiato più volte nel corso della gara, l’errore più grave è il rigore concesso a Cristiano Ronaldo. Non siete convinti? Giudicate voi.
Pepe – Il Clasico dovrebbe liberare la bestia che è in lui, in realtà invece che un leone sembra più un micetto quando cade rovinosamente dopo una testata che non c’è. Votaccio da condividere con Fabregas. Su bambini, smettete di litigare, la ricreazione è finita.
Mascherano – Benzema lo sovrasta in occasione del gol, in generale perde tutti i confronti diretti. Tutti. L’argentino è il peggiore in campo.

Bale – Gioca male? No, ma neppure bene come dovrebbe. Mettiamo un attimo da parte ogni valutazione economica, buoni alcuni spunti stasera ma è sempre mancata la ciccia. A differenza di CR7, lui il turbo riesce pure a metterlo in paio di occasioni ma a volte sembra di vedere i ragazzini che giocano a Pes cercando di arrivare in porta con l’uomo più veloce. Su la testa, Gareth!

Neymar – C’è pure il brasiliano, che oggettivamente gioca molto peggio del gallese. Certo, è abile a conquistarsi il penalty per il (lieve, a dir il vero. ma il rigore è comunque solare) contatto Ramos, ma siamo tanto lontani dal sei. Dà spesso la sensazione di essere lì per spiccare il volo ma poi fa qualcosa di sbagliato, un movimento, un tocco di troppo. Forse manca quel pizzico di irriverenza vista ai tempi del Santos.

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.