HomeMondoA rischio il prossimo futuro del mercato tra Italia e Argentina

A rischio il prossimo futuro del mercato tra Italia e Argentina

Published on

La crisi argentina mette paura. E non solo a livello economico, monetario e sociale, ma anche a livello sportivo e calcistico. Non sarà certo la crisi del 2001 quella che aveva portato al fallimento dello stato sudamericano ma questa sta ancora peggiorando e spaventa l’economia mondiale ed il nostro calcio, ecco perché. Con questa crisi economica i numerosissimi affari conclusi tra i due paesi potrebbero ridursi di molto. Il circuito economico che coinvolge giocatori, società, agenti e tutto il mondo del calcio sarebbero in drastica diminuzione. Segnali che sono già arrivati forti e chiari da alcuni club di spessore del futbol argentino. La crisi del Colon, quella dell’Independiente, i guai dell’All Boys, la figuraccia e il rischio bancarotta del River Plate. Giocatori che fuggono, che si lamentano, che scioperano per il mancato pagamento o per i pagamenti molto arretrati degli stipendi. Ma anche rischi di fallimenti e di sanzioni gravi , sia economiche che sportive (come successo nel torneo Inicial al Colon) per mancati pagamenti di giocatori in fasi di compra-vendite. Memori delle passate brutte vicende che hanno legato i due paesi nel mondo del calcio, come il gonfiaggio dei cartellini di calciatori sconosciuti e diventati fenomeni, lo scandalo dei passaporti falsi e l’atteggiamento negativo degli intermediari che hanno gettato fango sul movimento calcistico dei due paesi. La crisi sta mettendo in seria difficoltà alcune società della Primera Division e delle serie minori, come detto, materializzatasi nel ritardo degli stipendi ma anche dei pagamenti dei giocatori, interessando affari imbastiti con squadre della nostra serie A e serie B. L’esempio più grave e che potrebbe scatenare una serie a catena di eventi simili, è quello che riguarda il contenzioso aperto tra Novara e Boca Juniors per il trasferimento in argentina del bomber Gigliotti. Il Boca infatti deve ancora dare ai piemontesi ben 1,2 milioni di euro e visto che ormai è già passato tantissimo tempo, anzi troppo ormai, sembra che il Novara voglia ricorrere all’appello alla Fifa. Sembra che la pazienza sia finita in Piemonte, infatti il Novara sarebbe davvero deciso a farsi restituire i soldi in ogni modo. Una mossa molto importante e grave per le conseguenze che potrebbe scatenare tra altre società e nel circolo vizioso legato ai due mercati, con conseguenze gravi per il Boca Juniors, che potrebbe incorrere in sanzioni economiche ed in penalizzazioni, oltre alla figuraccia che farebbe a livello mondiale.

Latest articles

In Bundesliga ora è Kolo Muani mania, il francese sempre più decisivo

Sabato scorso, contro l'Hertha Berlino, è arrivata anche la prima doppietta in Bundesliga: a...

La situazione nei principali campionati europei

Ormai da più di un mese è terminato il campionato del mondo e tutti...

Statistiche e gare del Mondiale in Qatar 2022

Il Mondiale in Qatar 2022 rappresenta qualcosa di nuovo, da un punto di vista...

Unai Emery lascia il timone del Sottomarino Giallo e soccorre l’Aston Villa

La notizia che non t’aspetti, di quelle che smuovono la cronaca sportiva e non...

Real Madrid 3 Barcellona 1, le pagelle: I blancos di Ancelotti affondano i blaugrana

Andiamo a vedere le pagelle di questo primo Clasico stagionale che consegna la testa...

Il Benfica trionfa sul Boavista 3-0

Sabato 27 agosto il Boavista ospita al Bessa il Benfica per la 4° giornata...

Work in progress per il mercato dei calciatori in Europa

C’è fermento nel calciomercato europeo. Molti colpi sono già stati messi a segno dai...

Viaggio al Estadio de la Céramica di Villareal

Il clima a Valencia è ideale: soleggiato e leggermente ventilato. Abbiamo appuntamento con Besmir...

More like this

5 talenti da seguire in Major League Soccer

Il campionato americano di calcio, la Major League Soccer, è sicuramente una delle competizioni...

CPL, la seconda edizione del campionato canadese con l’ottava franchigia: l’Atletico Ottawa

Dovrebbe partire il prossimo 11 aprile (con un mese di ritardo rispetto a quanto...

“Lussuose” decadenze, viaggio tra Sarandì e Malaga

Intendiamo spesso la retrocessione come una sommatoria di scelte sbagliate dal punto di vista...