Napoli-Porto 2-2, la dura legge del gol

Non passano mai di moda alcuni detti nel calcio. “Gol sbagliato (i), gol subito”, o anche “la dura legge del gol”: Napoli-Porto è l’emblema di quanto sopra. Il Napoli saluta l’Europa League agli ottavi di finale, eliminato dopo il 2-2 che matura al San Paolo e che fa seguito all’1-0 per i portoghesi maturato sette giorni fa all’andata.

Stregata la partita per il Napoli: una marea di occasioni sciupate contro una delle difese più svagate mai viste a queste latitudini, condizionata evidentemente dalle assenze di Alex Sandro (squalifica) e Helton (infortunio). E non è bastata nemmeno la spinta di un San Paolo strapieno che, per più di un’ora, si è goduto una squadra bellissima ma, inesorabilmente, sciupona. Benitez aveva preparato alla grande il match, con Henrique scelto al posto di Reveillere per bloccare Quaresma (o Varela), Pandev e Insigne al posto degli stanchi Hamsik e Callejon.
L’inizio è stato quasi scioccante per i portoghesi: Mertens indiavolato, Pandev in palla, Insigne generoso e con qualità. Behrami, una volta di più, ringhia su ogni pallone e copre alla perfezione un più che positivo Henrique.
Le occasioni fioccano: Mertens è anticipato due volte al momento del tiro in extremis, poi il belga fa da sponda per l’inserimento di Henrique che calcia al volo, e di prima, sfiorando il palo alla sinistra di Fabiano. Insigne a tu per tu col portiere di riserva del Porto calcia debolmente ma un minuto dopo imbecca alla grande Higuain che però non è lucido e non riesce né a stoppare né a concludere con decisione da ottima posizione. Insomma, gli azzurri sono un uragano.

Il gol al 20′ è quasi scontato: Higuain scatta in profondità, temporeggia e serve sul filo del fuorigioco (errore madornale di Ricardo) Pandev, bravo a superare Fabiano con un tocco morbido. Il gol tranquillizza il Napoli che può respirare: i dieci minuti di sterile possesso palla degli ospiti fruttano solo una bordata di fischi per Quaresma, non ai livelli dell’andata. Il Napoli, dopo la mezz’ora, riprende a macinare gioco e occasioni: Mertens si fionda su una palla vagante in area ma Fabiano respinge la conclusione, ancora il belga non è cattivo sotto porta su uno splendido lancio di 40 metri firmato Higuain. Anche Insigne continua a sprecare, non approfittando di un goffo intervento di Danilo, tra i peggiori dei suoi. Al 45′ è 1-0, incredibile ma vero.

Il Napoli inizia la ripresa allo stesso modo: pressing asfissiante, rapide ripartenze, giocate in verticale. E il Porto, non si sa come, si salva ancora: Fabiano respinge come può un colpo di testa da due passi di Insigne su cross di Mertens. I lusitani si rendono pericolosi per la prima volta al 57′, col colpo di testa di Carlos Eduardo, finito fuori di un soffio. Un minuto dopo, la svolta del match: Higuain in piena area, rientra sul sinistro e calcia a botta sicura: Fabiano respinge in angolo, il “Pipita”, come a Dortmund, sbaglia nel momento cruciale. Sembra un sortilegio, in effetti lo è: al 68′, il neo-entrato Ghilas (l’algerino già decise la sfida nei sedicesimi contro l’Eintracht), approfitta dell’unica disattenzione della difesa azzurra e infila Reina con un preciso rasoterra. Il contraccolpo, ovvio, è micidiale: il Napoli scompare dal campo e il Porto non si fa sfuggire l’occasione. Sette minuti dopo, al 75′, è Quaresma a battere per la seconda volta Reina con un gran sinistro sotto la traversa. Il discorso qualificazione finisce lì, l’orgoglio partenopeo è però vivo. Nel recupero, ci pensa Zapata (al secondo gol stagionale dopo Marsiglia) a evitare la prima sconfitta interna in Europa degli azzurri dopo 19 anni (fu l’Eintracht, nel dicembre del ’94, l’ultima squadra a compiere l’impresa). Gli applausi del San Paolo la dicono lunga: eliminazione ingiusta, ma nel calcio vige la dura legge del gol.

 

About Alfonso Alfano 1751 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.