Grecia: il Paok “stecca” ancora, Olympiakos campione con cinque turni d’anticipo

Era solo questione di tempo: nonostante gli ultimi due ko (contro due arci-rivali come Panathinaikos e Paok) che avevano allungato l’attesa per i festeggiamenti, il 29° turno è quello che laurea campione per la quarta volta consecutiva (e la quarantunesima nella sua storia) l’Olympiakos. La vittoria dei biancorossi e il contemporaneo pareggio del Paok nel derby di Salonicco contro il fanalino di coda Aris regalano il titolo alla squadra di Michel che non ha però tempo nè voglia di festeggiare sia perchè la vittoria arriva in uno “Karaiskakis” a porte chiuse dopo i lanci di oggetti nel derby col Panathinaikos, sia per la snervante attesa del ritorno degli ottavi Champions’ all’Old Trafford di Manchester.

L’Olympiakos, come detto, fa la sua parte battendo un cagionevole Panthrakikos (prima della vittoria nello scorso turno contro l’Ergotelis era reduce da quattro ko consecutivi senza segnare gol) col minimo sforzo. Il club del Pireo (ancora senza Saviola, Olaitan e Marcano) domina il match chiuso di fatto intorno alla mezz’ora con un tocco del paraguaiano Valdez su punizione di Dominguez e la successiva espulsione per doppio giallo al capitano ospite Sarakatsanos; nella ripresa semplice gestione biancorossa della doppia superiorità (numerica e di risultato) condita da una traversa di Samaris con un destro da fuori area e raddoppio su rigore (fallo dell’israeliano Shabat su Campbell) trasformato dallo spagnolo Fuster.

Il Paok conferma tutta la sua instabilità mentale non riuscendo a vincere fuori casa (un punto negli ultimi cinque turni) nemmeno nel derby di Salonicco, sulla carta agevole, sul campo dell’Aris pur in leggera ripresa (imbattuto in casa da sei turni). Dopo un avvio di match equilibrato quanto nervoso la svolta è la “papera” di Glykos sulla punizione calciata centralmente dal numero dieci di casa Tatos; la reazione bianconera è però netta, il Paok sfiora più volte il gol prima del pari firmato da uno spettacolare autogol di Ikonomopoulos che infila il primo portiere dal limite della propria area cercando di anticipare Athanasiadis. Nel recupero del primo tempo un fallaccio dell’albanese Kace (rosso diretto) scalda ulteriormente gli animi e ne risente tutta la ripresa che regala solo tanto agonismo (espulso anche il bomber di casa Aganzo) e nessuna palla-gol

Spreca l’occasione per restare sola al secondo posto l’Atromitos che domina sul campo del Veria ma segnando solo su rigore con Umbides e venendo beffato alla fine con un altro rigore (ingenuo fallo di Fytanidis sul neoentrato 19enne Dogos) firmato dal franco-comorese Ben Nabouhane al 14° gol stagionale. Si avvicinano ai biancoblù così i compaesani del Panathinaikos che, forti di quattro vittorie negli ultimi cinque turni, espugna il campo del Giannina con un gol (un bel destro al volo dal limite dell’area) del nigeriano Ajagun. I “verdi” staccano così in classifica l’Asteras, battuto in casa dal neopromosso Ergotelis nel match più spettacolare della giornata: i gialloblù dominano la prima mezz’ora sfiorando più volte il gol per poi andare sotto alla prima occasione degli ospiti (gol del siciliano Monachello su assist del norvegese Ibrahim); ad inizio ripresa il pari del difensore senegalese Sankarè a cui risponde una ripartenza vincente di Chandi subito rimontata dal secondo pareggio dello spagnolo Juanma su assist di De Blasis, ma decide il match un rigore allo scadere (Kiriakopoulos su Ibrahim) segnato da Diamantakos.

Nelle zone basse sorprende non poco il 7-0 del Platanias sull’Ael Kalloni: i biancorossi avevano vinto una sola volta negli ultimi sei turni e sette gol li avevano segnato in tutti gli ultimi sette turni; tripletta e un rigore guadagnato per l’esterno 22enne Vlachodimos (nato in Germania e cresciuto nelle giovanili dello Stoccarda e in prestito dall’Olympiakos).

Veria 1:1 Atromitos (90’ rig. Ben Nabouhane; 14’ rig. Umbides)
OFI Kreta 2:0 Apollon Smyrnis (50’, 89’ Papazoglou)
Olympiacos 2:0 Panthrakikos Komotini (35’ Valdez, 90’ rig. Fuster)
Giannina 0:1 Panathinaikos (36’ Ajagun)
Asteras Tripolis 2:3 Ergotelis (47’ Sankarè, 69’ Juanma; 33’ Monachello, 66’ Chandi, 90’ rig. Diamantakos)
Panionios 4:2 Levadiakos (24’ Aravidis, 56’ Mitropoulos, 57’,74’ Kolovos; 75’ Rogerio, 86’ Giantsis)
Platanias 7:0 AEL Kalloni (36’, 49’, 85’ Vlachodimos, 44’ aut. Anastasiadis, 62’ Katai, 69’ Tetteh, 73’ Goundoulakis)
Aris Salonicco 1:1 PAOK Salonicco (23’ Tatos; 45’ aut. Ikonomopoulos)
Panetolikos 1:0 Skoda Xanthi (44’ Martinez)

Classifica: Olympiakos 77; Paok 59; Atromitos 59; Panathinaikos 56; Asteras 51; Ofi 38; Panthrakikos 37; Giannina 36; Panetolikos 34; Kalloni 33; Levadiakos 33; Ergotelis 32; Xanthi 32; Panionios 31; Apollon 29; Veria 27; Platanias 25; Aris 19.

COPY CODE SNIPPET
About Edoardo Buganza 337 Articoli
(Ar)redattore per Tce dal marzo 2014, seguo in particolare i campionati dell'Est europeo come Polonia, Turchia e Grecia. Genovese, esterofilo, aspirante osservatore, sospirante milanista.
Contact: Google+

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.