Super League Grecia: Olympiakos a due vittorie dal titolo

SUPER LEAGUE GRECIA – La nona giornata di ritorno della Super League greca non regala grossi scossoni: vincono, anzi stravincono, l’Olympiakos (e non è una novità per un attacco capace finora di ben 78 reti, una media strabiliante di 3 gol a partita) e il Paok che ritorna così alla vittoria dopo la doppia batosta nelle ultime due trasferte. Vince anche (ma a fatica) l’Atromitos terzo mentre rallenta il Panathinaikos (pari col neopromosso Ergotelis), inchioda l’Asteras sconfitto a Levadeia.

La capolista, in attesa di ospitare il Manchester United nell’ottavo di Champions, si gode una gita in quel di Creta dove asfalta l’Ofi che resiste solo una mezz’ora alle offensive biancorosse poi il club del Pireo (poco dopo aver dovuto rinunciare al capocannoniere Saviola, infortunato) passa grazie ad una ripartenza finalizzata dal mediano portoghese Machado; pochi minuti dopo proprio il sostituto di Saviola, il serbo Scepovic, insacca il raddoppio con un diagonale su assist di Campbell. L’ex Partizan colpisce ancora nella ripresa con una doppietta (è hattrick, aveva segnato un solo gol finora, oscurato dalla presenza di Mitroglu) prima con un tocco facile sottoporta dopo strepitoso slalom di Holebas e dopo con un tap-in su papera del portiere di casa Fernandes. Alla squadra di Michel basterà vincere i prossimi due match per confermarsi campione con 6 turni di anticipo.

Il Paok, dopo tre ko di fila (due in campionato più il ko interno col Benfica in Europa League) torna alla vittoria battendo 3-0 il Panthrakikos, risultato però eccessivamente severo per gli ospiti. I bianconeri, senza Athanasiadis (prima da titolare per la punta olandese Hoesen, in prestito dall’Ajax) faticano per un’ora poi Stevens inserisce Vukic e Salpingidis e la musica cambia: vantaggio con l’under 21 albanese Kace, il suo tiro buca l’incerto portiere ospite, e fulminea doppietta, due gol in poco più di un minuto, nel finale del neoentrato Vukic (sei i gol stagionali per il 34enne serbo).

Vittorie anche per l’Atromitos, meritata visto il gran numero di occasioni collezionate dagli ateniesi che vanno a segno col centrale 34enne Lazaridis e nel finale del compagno di reparto Nastos (ex Perugia e Vicenza) e per il Levadiakos che, proprio dopo aver battuto l’Atromitos, batte in casa pure l’Asteras con un primo tempo perentorio in cui vanno a segno il centrocampista ivoriano Konè di testa e su rigore (nell’occasione espulso il difensore ospite Kiriakopoulos) il bomber Mantzios. Solo pari per il Panathinaikos che in casa non riesce a superare un Ergotelis a suo agio fuori casa (veniva da due trasferte vittoriose di fila): i canarini mettono paura al Trifoglio con una gran rovesciata della punta siciliana Gaetano Monachello (alla prima da titolare il 19enne, vivaio Inter e Parma, in prestito dal Monaco dopo aver vagabondato già in Cipro, Ucraina e Belgio) deviata da Kapino, poi il croato Pranijc indovina un gran diagonale mancino che si insacca sul secondo palo; ad inizio ripresa il pareggio ospite con un cross dalla destra di Tzanakakis su cui si fionda il belga-burundiano Badibanga (interessante classe ’91 scuola Anderlecht al sesto gol stagionale) poi forcing finale dei “verdi” con protagonista il croato Petric (esordio assoluto per l’ex Amburgo reduce da un lungo infortunio) che sfiora due volte il gol prima con un tiro a giro sul secondo palo e poi con un’incornata che incoccia l’incrocio dei pali.

Interessante anche la lotta per non retrocedere: il Panionios infila la seconda vittoria di fila battendo a domicilio l’Apollon (passato in vantaggio con il gol del prestito dal Birmingham Ambrose e rimontato dalla doppietta dell’austriaco Lasnik, unico straniero nella rosa dei rossoblù), il Platanias del nuovo mister Anastasiadis batte di misura il fanalino di coda Aris con gol vittoria segnato da un altro ex “italiano” come il centrale portoghese Vasco Faisca (ex Vicenza e Ascoli), il Veria fa il colpaccio espugnando il campo del Giannina con un gol in pieno recupero del franco-comorese Ben Nabouhane al nono centro stagionale, vince anche l’Ael nel posticipo battendo nettamente un’altra neopromossa come il Panetolikos.

Levadiakos-Asteras Tripolis 3-1 (7’ Konè, 38’ rig. Mantzios, 82’ Milosavljev; 46’ De Blasis)
Apollon Smyrnis Panionios 1-2 (16’ Ambrose; 31’ Lasnik, 38’ rig. Lasnik)
OFI Kreta-Olympiakos 0-4 (39’ Machado, 42’ Scepovic, 52’ Scepovic, 88’ Scepovic)
Panathinaikos-Ergotelis 1-1 (19’ Pranijc; 47’ Badibanga)
Atromitos-Skoda Xanthi 2-0 (34’ Lazaridis, 91’ Nastos)
Platanias-Aris Salonicco 2-1 (46’ Torres, 77’ Faisca; 68’ Manias)
Giannina-Veria 0-1 (91’ Ben Nabouhane)
PAOK Salonicco-Panthrakikos 3-0 (62’ Kace, 85’ Vukic, 86’ Vukic)
AEL Kalloni-Panetolikos 3-1 (11’ Keita, 41’ Manousos, 52’ Marcelo; 76’ Dalmat)

classifica: Olympiakos 74; Paok 54; Atromitos 52; Panathinaikos 47; Asteras 45; Panthrakikos 34; Panetolikos 34; Ofi 33; Giannina 32; Kalloni 32; Ergotelis 31; Levadiakos 30; Panionios 30; Xanthi 29; Apollon 25; Platanias 25; Veria 23; Aris 18.

About Edoardo Buganza 337 Articoli
(Ar)redattore per Tce dal marzo 2014, seguo in particolare i campionati dell'Est europeo come Polonia, Turchia e Grecia. Genovese, esterofilo, aspirante osservatore, sospirante milanista.
Contact: Google+

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.