Copenaghen-Juventus, le pagelle

COPENAGHEN

Wiland 7,5: lo davano in crisi, sfodera una prestazione da migliore in campo

Jacobsen 6: ordinato sulla fascia destra

Mellberg 6: sufficiente nella gara da ex

Sigurdsson 6: soffre, ma tiene

Bengtsson 6:  contro uno più offensivo di Lichtsteiner avrebbe sofferto maggiormente

Claudemir 6: onesta partita in mezzo al campo

Delaney 6: come il compagno di reparto

Bolanos 6,5: qualità e quantità

Braaten 5,5: non punge molto

Jorgensen 6,5: suo il gol che mette nei guai la Juve

Adi 5: il suo procuratore l’ha presentato come un fenomeno, finora non sembra essere tale

Solbakken 7: aiutato dal gol iniziale, porta a casa un buon pareggio

JUVENTUS

Buffon 6: incolpevole sul gol, giornata quasi inoperosa

Bonucci 6: rende meglio al centro, comunque fa il suo senza sbavature

Ogbonna 5,5: per dimostrare di valere l’alta cifra pagata dalla Juve al Torino dovrà fare molto di più

Chiellini 5: perde Jorgensen nell’azione del gol, errore grave

Lichtsteiner 6: impossibile dargli di meno per grinta e impegno, ma la qualità è davvero scadente

Vidal 5,5: non ai suoi livelli, fallisce anche il gol dell’1-2

Pirlo 6,5: prova a far girare il pallone, a tratti ci riesce molto bene

Pogba 6: fallisce una clamorosa opportunità da gol, in generale non incide molto

Peluso 6,5: prestazione positiva sulla corsia di sinistra

Tevez 5,5: sbaglia un gol non da lui a inizio ripresa che abbassa il voto, nel complesso non ha demeritato

Quagliarella 7: gol con guizzo da grande attaccante, una traversa poco dopo. Non andava sostituito

De Ceglie 5,5: prestazione anonima

Giovinco 5: sbaglia un gol solo davanti al portiere, come spesso accade incide poco

Isla sv

Conte 5: il discorso da fare sarebbe ampio. Tanto per cominciare il modulo: impensabile approcciare il Copenaghen con cinque difensori. Poi le scelte, discutibilissime. Quagliarella era il più pericoloso, sostituito. Oltretutto da Giovinco e non da Llorente quando era consigliabile un uomo d’area. Con Peluso non al meglio era il caso di rischiare la terza punta piuttosto che inserire De Ceglie. Insufficienza piena.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.