Mls, punto della situazione e il riepilogo dell’ultima giornata

IL PUNTO SULLA EASTERN CONFERENCE

Una Eastern Conference che non ha lasciato spazio a grandi sorprese. In testa troviamo, con 41 punti in 24 partite, il Montréal Impact di Di Vaio, Nesta e Ferrari ma anche di Paponi e Pisanu, anche se gli ultimi due sono più che altro riserve. Montréal vanta una formazione di tutto rispetto, già detto di Di Vaio e Nesta, possono contare su un centrocampo a 3 formato dal talento Felipe Campanholi, Bernardello e Bernier. Subito dietro i New York Red Bulls con 39 punti in 26 partite. Henry ha subito un calo in questa stagione ma i Red Bulls stanno comunque disputando uno dei migliori campionati da 15 anni, tutti senza risultati. A 39 punti in 26 partite anche lo Sporting Kansas City, dato come favorito. Tanti i giocatori di livello a disposizione di Vermes, i nazionali americani Besler e Zusi su tutti (prossimi ad un passaggio in Premier League?). E questi sono i primi 3 posti che valgono l’accesso diretto ai Play-off stile NBA. Nel 4° e nel 5°, posti dedicati allo spareggio (chi vince si aggrega alle prime 3), troviamo Philadelphia (38 punti in 26 gare) e New England (36 punti in 25 gare). Philadelphia può contare sul bomber classe ’92 Jack McInerney neo convocato nella nazionale. In questo momento sta vivendo un periodo opaco ma è a quota 10 reti (tutte decisive) in 23 match. New England in avanti ha l’imbarazzo della scelta, Juan Agudelo, 20enne enfant prodige della nazionale americana. A gennaio lo vedremo nello Stoke City, in Premier. Un altro talento fantastico è Diego Fagundez, classe ’95 che sta disputando un campionato da veterano. Ma non è finita qua, altre due squadre sono pronte a dare battaglia per un posto nelle fasi finali: Houston con 36 punti in 24 match Chicago con 34 in 24 partite. Columbus è fuori dai giochi mentre Toronto e DC United (squadra di Thohir) stanno disputando una stagione quasi imbarazzante. Ovviamente bisogna ricordare che non esistono retrocessioni.

Classifica Eastern Conference: Montréal 41 (24), New York RB 39 (26), Sporting KC 39 (26), Philadelphia 38 (26), New England 36 (25), Houston 36 (24), Chicago 34 (24), Columbus 29 (25), Toronto 21 (25), DC United 14 (25).

IL PUNTO SULLA WESTERN CONFERENCE

Il Real Salt Lake è saldamente in testa alla classifica, 45 punti in 27 gare disputate. Non una squadra con grande individualità quella affidata Jason Kreis ma che può puntare su diverse certezze come Kyle Berckerman sulla mediana, riserva della nazionale americana. Il talento che spicca è quello di Luis Gil, giovane mezzala classe ’93 della nazionale statunitense Under 20. Già 80 presenze nella Major League Soccer per lui che fu vicino all’Arsenal, Wenger lo segue ancora. Subito sotto troviamo i Galaxy, 40 punti in 25 partite. Donovan, Keane e Omar Gonzalez i migliori. Quest’ultimo ha appena rinnovato a cifre molto alte ed è un perno della nazionale di Klinsmann, poteva andare in Premier League ma ha preferito i Galaxy. Attenzione anche al talento José Villarreal, pari età di Luis Gil e compagno di nazionale, nemmeno un mese fa ha segnato un golazo contro il Real Madrid in amichevole. In diverse occasioni ha salvato i Galaxy. Al terzo posto troviamo Colorado con 39 punti in 26 match. Stesso discorso del Real Salt Lake, non grandissime individualità ma una squadra solida. Su tutti spicca Shane O’Neill, centrale del ’93 e della nazionale americana Under 20. Nel primo posto per lo spareggio viaggiano i Portland Timbers allenati da quello che potrebbe essere lo Zeman americano. 4-2-1-3 e via per il 38enne Caleb Porter alla prima stagione nella MLS dopo 5 anni da assistente e 6 da allenatore nel campionato NCAA (Collegiale). Con 39 punti in 25 partite i Timbers stanno disputando una buonissima stagione. L’argentino Diego Valeri uno dei punti di forza, giocatore che fu vicino anche a squadre italiane. Subito dietro a Portland c’è Seattle che ha da poco ultimato il colpaccio chiamato Clint Dempsey (clicca qui per saperne di più). Seattle gira a 37 punti in 23 partite. Seguono Dallas (37 punti in 26 match), Vancouver (36 punti in 25 partite) e San Jose (34 punti in 26 match). All’ultimo posto il Chivas USA con solo 21 punti in 25 partite giocate. Come potete notare è un girone dove 8 squadre su 9 sono ancora in lotta per un posto nei play-off.

Classifica Western Conference: Real Salt Lake 45 (27), LA Galaxy 40 (25), Colorado 39 (26), Portland 39 (25), Seattle 37 (23), Dallas 37 (26), Vancouver 36 (25), San Jose 34 (26), Chivas 21 (25).

Il riepilogo dell’ultima giornata, una delle meno equilibrate degli ultimi anni:

DC United – Toronto FC 1-1: E’ partita vera, nonostante le posizioni di classifica e DC non vince grazie anche a un Bendik in ottima forma, il portiere di Toronto ha fatto almeno 3 ottime parate. Per il DC United in rete De Rosario per Toronto Bobby Convey.

Montréal – Houston 5-0: Un risultato a sorpresa. Houston si scioglie in Canada a favore di un Impact trascinato da Di Vaio e Felipe. Doppietta anche per Mapp.

Vancouver – LA Galaxy 0-1: Sfida molto importante in chiave play off, i LA Galaxy vincono ma non convincono. Il goal arriva dopo soli 3′ grazie a un sinistro di Donovan che finisce sotto l’incrocio dei pali. Vancouver reagisce e va vicino al goal in diverse occasioni. I canadesi escono dallo proprio stadio, il BC Place, con 0 punti quando avrebbero meritato l’intero bottino.

Dallas – San Jose Earthquakes 2-2: Gara a nervi tesi quella fra i texani e i californiani, 3 espulsioni e 4 reti. San Jose segna due volte nel giro di 16′ con Gordon e Beitashour. Dallas rimonta con Blas Perez al 19′ e Michel al 72′.

Real Salt Lake – Columbus 4-0: Netto 4-0 del Salt Lake ai danni dei Crew. Quattro reti firmate da Beckerman (2), Sandoval e Gil. Columbus non ha la forza di reagire e il Real Salt Lake continua la sua strada verso il traguardo, concludere al primo posto.

Chivas USA – New York 3-2: Diverse volte è stato detto ai Red Bulls di puntare meno sui “vecchietti” e più sui giovani. Va bene quando hai uno come Henry, ma non puoi fare una squadra di 30enni. E chi lo dice ha anche ragione, basta vedere i risultati. Ed è proprio il Chivas USA dei giovani a giocargli un brutto scherzo con la doppietta di Torres (’93) e il goal di Morales (’93), senza scordarsi di Delgado (’95). New York risponde con le due reti di Cahill e McCarty, ma non bastano ed esce sconfitta da Los Angeles.

New England Revolution – Philadelphia 5-1: Il duo dei talenti Agudelo (93′, allo Stoke City (Premier League) da gennaio) e Fagundez (95′) continua a dare spettacolo e questa volta è Philadelphia a farne le spese. 2 goal di Agudelo, 2 golazi di Rowe e anche Fagundez a partecipare alla festa. Philadelphia schiantata.

Seattle Sounders – Portland Timbers 1-0: 67mila spettatori ad assistere al derby della Cascadia. Dempsey in campo ma non decide, ci pensa l’amico Eddie Johnson di testa sugli sviluppi di un calcio piazzato. Portland aveva dominato il primo tempo ma i Sounders si sono dimostrati più cinici sotto porta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.