Champions League: lo Schalke piega il cuore Paok, che paura per Austria Vienna e Steaua

CHAMPIONS LEAGUE – Serata di verdetti, gara di ritorno dei preliminari di Champions League che regala l’accesso a quattro squadre l’accesso alla fase a gironi. Si tratta di Arsenal, Steaua Bucarest, Basilea, Austria Vienna e Schalke. Il Basilea non commette errori dopo il 4-2 dell’andata in Bulgaria e vince anche al ritorno. Gli uomini di Yakin partono subito forte, all’11esimo Frei timbra il cartellino, Degen ha chiuso il discorso al minuto 79 (clicca qui per gli highlights).

Succede di tutto alla stadio Toumbas (clicca qui per gli highlights), un Paok quasi eroico che avrebbe meritato sicuramente migliore appoggio in termini di pubblico (i fattacci in occasione della gara con il Rapid Vienna hanno causato la squalifica della tifoseria greca, saluta la Champions League a testa alta. Lo Schalke va avanti sul finire del primo tempo, lo segna Szalai dopo una bella iniziativa di Uchida, reazione dei padroni di casa nella ripresa, Athanasiadis pareggia poi, complice l’espulsione di Jones per un’entrata su Salpingidis, le cose per i tedeschi sembrano mettersi proprio male. Ci pensa Draxler ad allontare le nubi, sfruttando a perfezione il servizio di Meyer. Il Paok ha sette vite, gran gol di testa firmato Katsouranis e tutti all’attacco in cerca del gol vittoria, ma arriva la doccia fredda finale. Ripartenza letale, ancora Draxler in evidenza e ancora Szalai in gol.

Passa la Steaua Bucarest, basta un altro pareggio per i rumeni che comunque hanno meritato nel doppio confronto. Vantaggio dopo sette giri d’orologio, lo realizza Stanciu su imbeccata di Tanase. Raddoppio due minuti dopo, a segno ancora Piovaccari dopo la rete dell’andata. Legia Varsavia che si getta in avanti, Radovic accorcia di testa, Rzezniczak pareggia allo scadere ma non basta per i polacchi (clicca qui per gli highlights). Poco più di una formalità per l’Austria Vienna (clicca qui per gli highlights) la gara di ritorno, il gol dopo cinque minuti di Mader (decisiva la deviazione di Simunic) conferma tale impressione. La Dinamo Zagarbia però ha gran cuore e martella senza sosta, prodezza di Brozovic che pareggia e prima della sosta Junior Fernandes riapre i giochi. Non è ancora finita, a metà del secondo tempo Beqiraj porta il risultato sull’1-3, incredibile, ma Kienast risolve una mischia e abbassa la cresta dei croati.

Tutti i risultati della serata:

Legia Varsavia-Steaua Bucarest 2-2
Arsenal-Fenerbahçe 2-0 (clicca qui per cronaca e highlights)
Paok Salonicco-Schalke 04 2-3
Austria Vienna-Dinamo Zagabria 2-3
Basilea-Ludogorets Razgrad 2-0

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.