Fortuna Dusseldorf-Monaco 3-2: Falcao a segno, ma la squadra di Ranieri va ko

FORTUNA DUSSELDORF MONACO. Al Monaco non bastano le reti degli attesissimi James Rodriguez e Radamel Falcao per evitare la prima sconfitta nel precampionato. Con quindici giorni di dura preparazione nelle gambe, i monegaschi sono apparsi piuttosto appesantiti ed i tedeschi del Fortuna Dusseldorf (che nel prossimo weekend inizieranno il campionato) ne hanno così approfittato per imporsi 3-2.

 

La mancanza di automatismi in una difesa rivoluzionata rispetto allo scorso anno (ai lati della nuova coppia centrale Carvalho-Isamiat Mrin erano presenti Raggi e Kagelmacher, ma entrambi in un ruolo diverso da quello di predilezione) ha permesso ai padroni di casa di chiudere il primo tempo sul 2-0, grazie alle reti di Reisinger e Wegkamp e, nonostante il palo di Ocampos, il vantaggio del Fortuna Dusseldorf era ampiamente meritato.

La ripresa iniziava nel peggiore dei modi per il Monaco che subiva la terza rete su calcio di rigore trasformato da Reisinger. Sotto di tre reti, Claudio Ranieri cambiava volto alla squadra inserendo ben nove giocatori, tra cui i nuovi acquisti Abidal, Moutinho, Toulalan, Rodriguez e Falcao. Subito dopo il suo ingresso in campo, Rodriguez riapriva la partita siglando il primo goal in maglia monegasca e a dieci minuti dal termine era imitato da Falcao che finalizzava una bella azione dei biancorossi. Nel finale, il Monaco dava l’impressione di poter completare la rimonta, tuttavia il Fortuna Dusseldorf resisteva conquistando una vittoria che fa morale ad una settimana dal via della Zweite Bundesliga. Per i monegaschi, invece, una sconfitta che comunque non preoccupa: l’inizio della Ligue 1 è ancora distante un mese e ci sarà tempo per smaltire le fatiche della preparazione e trovare l’intesa tra vecchi e nuovi elementi.

About Mattia Rossi 767 Articoli
Ligure, classe 1985, da diverso tempo seguo il calcio francese. Per questioni geografiche e culturali, non potevo far altro che appassionami all'AS Monaco, benchè mi piaccia seguire anche le altre competizioni nazionali (sia professionistiche che amatoriali), in particolar modo la magica Coppa di Francia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.