Torneos de Verano: parte forte il River Plate, Boca Juniors sconfitto

In Argentina è arrivata l’estate e con essa, come ogni anno, arrivano i “Torneos De Verano”.

Sono competizioni “amichevoli” che vengono disputate all’inizio dell’anno. I tornei sono ricchi di “clàsicos” per questo motivo sono molto sentiti da quelle parti. Del resto in Argentina un “clàsico” non può essere mai considerato una semplice “amichevole estiva”.

INDEPENDIENTE – RIVER PLATE

Il primo incontro andato in scena a Mar De Plata ha visto protagonisti Il River Plate di “Don” Ramon Diaz e l’Independiente di Américo “El Tolo” Gallego, la partita è stata vinta dai “Millionarios” con un secco 2-0.
Il River domina il match,  sin dai primi minuti prende in mano il pallino del gioco e mette il “diablo” alle corde.

L’avvento di Ramon Diaz sulla panchina della banda “banda”  ha ridato entusiasmo a tutto l’ambiente. Il River offre un calcio a tratti spettacolare, ricco di possesso palla, verticalizzazioni  ficcanti, quindi azioni pericolose in quantità industriale.

Il protagonista assoluto del match è “el mellizo” Rogelio Funes Mori, che con due gol di testa regala la prima vittoria del 2013 alla “banda”. Il promettente argentino lancia un messaggio forte e chiaro anche al presidente dell’Inter Massimo Moratti che nelle passate settimane ha incontrato Daniel Passarella, presidente del River Plate, per parlare proprio di Rogelio Funes Mori.

Il “Diablo” ha schierato una formazione rimaneggiata, c’erano molti giovani in campo. Tuttavia è parso il solito Independiente, poco incisivo sotto porta, privo di idee a tratti spaesato. Per la cronaca, sulla panchina non c’era Gallego ma il suo assistente Borrelli.  El tolo ha preferito dirigere l’allenamento dei titolari.

Venerdi’,  02:10 ora italiana, l’Independiente  avrà l’occasione di riscattarsi nel “clàsico di Avellaneda” contro i rivali storici del Racing Club .

RACING CLUB – BOCA JUNIORS

Debuttare con una sconfitta non è mai bello, nemmeno in un’amichevole. E’ il caso di Carlos “El virrey” Bianchi alla sua terza esperienza sulla panchina del Boca Juniors.

Il Racing  Club batte 2-1 il Boca Juniors al termine di una prestazione brillante.

Gli uomini di Zubeldia entrano in campo con la giusta cattiveria e all’ 8’ passano in vantaggio con “El demonio” Hauche che con un diagonale velenoso batte Ustari.

Al 15’ il Boca trova il gol del pari: un cross dalla sinistra genera il panico nell’area del Racing, il portiere Saja esce a vuoto e regala palla a Nico Blandi che la offre su un piatto d’argento a Lucas Viatri, per “el puma” è un gioco da ragazzi metterla nel sacco.

Mauro German Camoranesi è ispirato, con un assist fantastico imbecca Hauche che con un controllo a seguire  si invola verso la porta e viene steso in area dal nuovo acquisto boquense  Daniel“el chiqui” Perez. Sul dischetto si presenta il portiere dell’Academia  Sebàstian “El chino” Saja che segna e riscatta l’errore precedente .

Nonostante l’assenza di Centurion e Vietto, impegnati entrambi nel torneo Sudamericano Sub ’20, il Racing disputa un’ottima gara e lancia un segnale importante a tutte le grandi del campionato. Il trascinatore è l’ex Juventus Mauro German Camoranesi, corre tanto, recupera palloni e offre assist in quantità per gli attaccanti. Erano diversi mesi che non si vedeva una prestazione di rilievo da parte del “mago” Camoranesi. Gabriel Hauche sempre più decisivo, “El demonio” sembra ormai pronto per l’Europa.

Il Boca ha offerto una prestazione pessima, la squadra è apparsa appannata, non ha retto il confronto con gli avversari. C’è bisogno di una figura che organizzi il gioco e offra palloni giocabili alle punte, uno come Romàn Riquelme insomma. Tuttavia domenica, 02:10 ora italiana, è già tempo di Superclàsico , Bianchi e i suoi uomini avranno l’obbligo di riscattarsi.

Piermichele Basile

Seguimi anche sul blog piermichelebasile.wordpress.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.