Anderlecht-Club Brugge 6-1: lezione di calcio al Costant Vanden Stock

Per il match più atteso di Belgio, ecco confermata la formazione che ha battuto lo Zenit per Van Den Brom, invece modulo molto coperto per il Club Brugge che si schiera con finto 4-3-3 che in realtà si rivela un 4-5-1 lasciando solo Tchite a fare reparto in attacco. La scenografia da parte dei tifosi dell’Anderlecht  è fantastica.

La partita inizia con una fase di studio da ambo le parti per capire come meglio offendere, la prima occasione della partita arriva da un cross di Safari che trova la testa di Praet il portiere del Club Brugge, Jorgasevic , respinge male e ne approfitta Bruno che insacca il gol del 1-0, che mozza le gambe agli avversari visto che poco più tardi va vicinissimo al gol Gillet. Al 30° Mbokani fa esplodere ancora il pubblico con un gol fantastico con un pallonetto da posizione impossibile che sorprende Jorgasevic  ed è 2-0. Il Club Brugge è in bambola e rischia il tris dopo pochi minuti sembra su un colpo di testa di Mbokani che sfiora l’incrocio dei pali, ma al 40° ecco arrivare davvero anche il 3° gol su rigore, procuratorato da Jovanovic, e realizzato dallo stesso serbo, le squadre vanno al riposo sul 3-0 un risultato che praticamente chiude il match.

La ripresa riprende senza cambi, ma con un atteggiamento diverso da parte dei bianco-malva, più accorti in difesa e pronti a sfruttare le ripartenze e alla prima azione l’Anderlecht sigla anche il 4° gol con lo statunitense Kljestan. Il Club Brugge tira fuori l’orgoglio e riesce a segnare il gol della bandiera con Lestienne, intanto Leekens fa uscire Jorgasevic  per Kujovic facendo capire che attribuisce la debacle al portiere serbo. La partita si abbassa di intensità ma ancora le sue emozioni le sa dare come la traversa di Biglia presa da oltre 25 metri, poi nel finale i bianco-malva dilagano con i gol dello stesso Biglia, su rigore, e Praet all’ultimo secondo.

Sarà di certo un match molto ricordato per i tifosi dell’Anderlecht visto che i biancomalva non hanno mai battuto i loro rivali con un risultato e una prestazione così, per il Club Brugge ci saranno altri giorni difficili dopo l’addio dell’allenatore Leekens dei giorni scorsi.

Simpatizzanti e tifosi dell’Anderlecht seguitemi sul mio blog e sulla mia pagina di facebook

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.