Psg-Olympiakos 2-1: Ibra e Cavani prolungano il momento magico dei parigini

PSG OLYMPIAKOS . Al PSG bastava un pareggio per qualificarsi agli ottavi e fino al 90′ il risultato di parità sembrava delinearsi nell’incontro della quinta giornata del gruppo C che opponeva la squadra di Blanc all’Olympiakos. Tuttavia, una rete di Cavani allo scadere ha regalato ai parigini la quarta vittoria in cinque partite e ha lasciato i greci a quota 7, al fianco del Benfica, quando mancano solamente novanta minuti al termine della prima fase di Champions League.

Le paure del PSG sparivano già al 7′ con Ibrahimovic che scaraventava in rete un cross di Van der Wiel mettendo in discesa il cammino della squadra francese. I greci subivano il gioco dei padroni i casa ma non si facevano comunque intimorire e rispondevano subito con Mitroglou che impegnava Sirigu. L’attaccante greco si ripeteva alla mezz’ora e ancora il portiere sardo doveva rifuguarsi in angolo. Nel finale di tempo, Ibra e Lavezzi si rendevano pericolosi, tuttavia il risultato non cambiava.

La ripresa si apriva subito con una tegola per il PSG che restava in 10 per l’espulsione di Verratti (doppia ammonizione). Nonostante l’inferiorità numerica, le occasioni più chiare del secondo tempo erano di marca francese, in particolare con Ibrahimovic e Rabiot. A dieci minuti dalla fine, però, era l’Olympiakos ad andar in rete con Manolas, sugli sviluppi di un corner confuso. Il risultato di 1-1 poteva soddisfare entrambe le formazioni ma al 90′ Cavani, servito da Marquinhos, fissava il risultato sul definitivo 2-1. Il PSG si assicurava così la qualificazione agli ottavi ed il primo posto: la squadra di Blanc appare fin da ora un cliente durissimo per tutti in vista del prossimo turno ad eliminazione diretta.

 

 

PSG-Olympiakos 2-1 (7′ Ibrahimovic, 80′ Manolas, 90′ Cavani)

COPY CODE SNIPPET
About Mattia Rossi 767 Articoli
Ligure, classe 1985, da diverso tempo seguo il calcio francese. Per questioni geografiche e culturali, non potevo far altro che appassionami all'AS Monaco, benchè mi piaccia seguire anche le altre competizioni nazionali (sia professionistiche che amatoriali), in particolar modo la magica Coppa di Francia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.