Liga NOS: il Porto chiama, il Benfica risponde. Sporting assente ingiustificato, cade il Braga

Distanze invariate in vetta alla classifica dopo la diciottesima giornata di Liga NOS tra Benfica Porto. Entrambe le formazioni, infatti, hanno vinto le loro partite segnando quattro gol a testa, assicurandosi un buon distacco sulle altre formazioni. Anche quest’anno il titolo sembra una corsa riservata solo alle migliori formazioni di Portogallo.

La squadra di Nuno Espirito Santo ha vinto la sua seconda partita consecutiva in casa battendo il Rio Ave per 4-2. La partita, però, si rivela tutt’altro che semplice con il Porto che soffre il pressing dei biancoverdi, che vanno alla conclusione con un bel colpo di testa di Roderick, ma il tiro finisce alto sulla traversa. Al 18′, però, il Porto riesce a passare in vantaggio: su calcio di punizione dell’ex Inter, Alex Telles, arriva la zuccata vincente di Felipe che anticipa tutti, Cassio compreso. Tre minuti dopo, il Porto sfiora anche il raddoppio con Diogo Jota che, tutto solo contro Cassio, manda il pallone a sbattere sulla traversa, alzandolo troppo. I Dragoes continuano a dominare la partita, ma al 35′ subiscono il pareggio a causa di un intervento goffo di Casillas che, su un cross potente, per evitare che il pallone finisca il rete, lo lascia andare in piena area di rigore e per Guedes è un gioco da ragazzi firmare l’1-1. Il pareggio ha un effetto incredibile sul Rio Ave che ad inizio ripresa guadagna e trasforma un calcio di rigore (fallo di Layùn al limite dell’area) con Roderick, gelando il Dragao. La gioia della squadra allenata da Castro dura solo sei minuti poiché, sempre da calcio di punizione, arriva il colpo di testa di Marcano, che insacca il pallone all’angolino. Al 62′ il Porto completa la contro-rimonta e, sempre di testa, va in gol con Danilo Pereira, mettendo a nudo la debolezza del Rio Ave sulle palle inattive. Negli ultimi minuti si passa dal possibile 3-3, al 4-2 finale: prima Marcelo mette di poco alto sulla traversa, poi è Rui Pedro a chiudere definitivamente il match con una rete rocambolesca, favorita da una doppia deviazione, dopo aver colpito il pallone di testa in tuffo, su assist di Teixeira.

Ben sapendo di avere il Porto a -1, il Benfica travolge 4-0 il Tondela e si riporta a distanza di sicurezza. Come per la partita dei Dragoes, nemmeno quella delle Aquile è facile. Il Benfica non riesce a proporre il suo solito gioco e nel primo tempo viene bloccato dall’ottima fase difensiva del Tondela, che cerca quantomeno di portar via un punto. Nel secondo tempo, però, il Benfica si accende ed inizia a macinare chilometri, gioco ed occasioni da gol, passando in vantaggio al quarto d’ora con un tiro dal limite di Pizzi, con il pallone che va ad insaccarsi all’angolino, dove Ramos non può proprio arrivare. Il gol spiana completamente la strada al Benfica che arrotonda il risultato solo nel finale: al 76′ è ancora Pizzi ad andare a segno, sfruttando al meglio il cross basso di Semedo, poi all’84’ ed al 93′ Silva Jonas (quest’ultimo su rigore), siglano un poker tutto sommato meritato.

Secondo stop in campionato (il terzo, se si considera la sconfitta in Taça de Portugal) per lo Sporting , che lascia andare in fuga Benfica e Porto, e che ora deve guardarsi alle spalle. Questa volta a fermare la squadra di Jorge Jesus  è il Maritimo, che si conferma squadra ostica da affrontare all’Estadio dos Barreiros. Sono proprio i rossoverdi a portarsi in vantaggio all’8′ con una bella punizione di Bessa, indirizzata all’angolino destro, dopo aver dominato i primi minuti. La reazione dello Sporting arriva al minuto 24 ed è l’ennesimo gol di Dost a pareggiare i conti: l’olandese colpisce prepotentemente di testa sulla punizione precisa di Adrien Silva. Prima della fine del primo tempo, però, il Maritimo si riporta nuovamente avanti grazie al colpo di testa di Raul Silva su assist di Ghazaryan. Vantaggio meritato della squadra della città di Funchal, che in precedenza aveva anche colpito una traversa. Nella ripresa, però, il Maritimo abbassa troppo i ritmi e paga ciò subendo il gol del pareggio dello Sporting, che arriva al minuto 60 con Martins, bravo ad infilarsi in area e a depositare in rete uno splendido assist di Cesar. Alla fine il match si chiuderà con il risultato di 2-2, risultato che soddisfa più il Maritimo che lo Sporting

Sporting che, come detto, deve guardarsi alle spalle dal Vitoria Guimaraes, corsaro sul campo del Braga. I bianconeri si impongono per 2-1, andando a segno nei primi venti minuti gara grazie ad una partenza folgorante. Le reti, siglate al 10′ ed al 16′, portano la firma di Josue Sa Soares. Nella ripresa il Braga tenta di recuperare il risultato, ma il portiere Jesus e la sua difesa riescono a reggere fino alla fine, regalando solo il gol della bandiera a Stojiljkovic negli ultimi minuti. Grazie a questa vittoria, il Vitoria Guimaraes si porta a quota 34 punti, a -1 dalla squadra di Jorge Jesus.

Nell’anticipo di venerdì, colpo esterno del Moreirense sul campo del Paços Ferreira. La squadra allenata da Augusto Inacio è riuscita a vincere per 2-0, ottenendo tre punti pesanti in chiave salvezza. Ad aprire il match, la rete al 15′ di Roberto, che arriva dopo un netto predominio degli ospiti, che riescono a tenere il vantaggio per tutto il primo tempo. Il secondo gol del Moreirense porta la firma di Podence, al minuto 55. Il Paços avrebbe anche l’occasione di tornare in partita, ma Pedrinho sbaglia il calcio di rigore concesso alla sua squadra al 67′.

Vittoria di misura per il Feirense su un Estoril sempre più in crisi (4 punti nelle ultime sette partite). A decidere la sfida il gol di Platiny al 26′, che permette al Feirense di allungare sulla zona retrocessione.

Seconda vittoria consecutiva per il Vitoria Setubal, che spera finalmente di aver trovato il giusto equilibrio dopo la bella vittoria sul campo del Belenenses per 2-1. La squadra di Couceiro è riuscita a sbloccare una partita molto equilibrata al 31′, grazie al gol di Edinho, per poi raddoppiare nella ripresa, sempre con Edinho, davvero in gran forma. Il Belenenses attacca a testa bassa e ritrova il gol della speranza all’84’ con Caeiro, ma alla fine è costretto alla sconfitta. Vittoria con lo stesso risultato per il Boavista sul difficile campo dell’Arouca. Sono proprio i padroni di casa ad andare in vantaggio all’8′ con Tomane, facendosi subito raggiungere tre minuti dopo dal gol di Idris. Il gol vittoria bianconero è firmato da Iuri Medeiros, che al 62′ batte Sacramento e regala tre punti pesanti ai suoi.

A chiudere, vittoria senza problemi per il Chaves sul Nacional, penultimo in classifica a -3 dalla salvezza. I padroni di casa si sono imposti per 2-0 grazie alle reti, tutte nel primo tempo, di Braga e di Davidson

RISULTATI 18° GIORNATA – Liga NOS

Venerdì 20 Gennaio

Paços Ferreira 0-2 Moreirense 15′ Roberto, 55′ Podence (ore 21:30)

Sabato 21 Gennaio

FC Porto 4-2 Rio Ave 18′ Felipe (P), 35′ Guedes (R), 49′ Roderick (R, rig.), 55′ Marcano (P), 62′ D. Pereira (P), 88′ Rui Pedro (P) (ore 17:30)

Maritimo 2-2 Sporting CP 8′ Bessa (M), 24′ Dost (S), 33′ R. Silva (M), 60′ Martins (S) (ore 19:15)

Arouca 1-2 Boavista 8′ Tomane (A), 11′ Idris (B), 62′ I. Medeiros (B) (ore 21:30)

Domenica 22 Gennaio

Feirense 1-0 Estoril 26′ Platiny (ore 17:00)

Benfica 4-0 Tondela 59′, 76′ Pizzi, 84′ Rafa Silva, 90’+3 Jonas (rig.) (ore 17:00)

Belenenses 1-2 Vitoria Setubal 31′, 50′ Edinho (S), 84′ Caeiro (B) (ore 19:00)

Braga 1-2 Vitoria Guimaraes 10′ Josue Sa (G), 16′ Soares (G), 90’+3 Stojiljkovic (B) (ore 21:15)

Lunedì 23 Gennaio

Chaves 2-0 Nacional 30′ Braga, 45′ Davidson (ore 21:15)

CLASSIFICA

Benfica 45 pt

Porto 41 pt

Braga 36 pt

Sporting CP 35 pt

Vitoria Guimaraes 34 pt

Chaves e Maritimo 27 pt

Vitoria Setubal 25 pt

Boavista e Rio Ave 24 pt

Arouca 23 pt

Belenenses 20 pt

Feirense 18 pt

Paços Ferreira e Moreirense 17 pt

Estoril 15 pt

Nacional 12 pt

Tondela 10 pt

 

 

COPY CODE SNIPPET
About Danilo Servadei 208 Articoli
Studente alla facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista e esperto di cinema giapponese. Amante del calcio e tifosissimo di Juventus, Celta Vigo e Nagoya Grampus.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.