Champions League, Girone C: Barça in scioltezza, Celtic bestia nera del City

Il Manchester City racimola il secondo punto in due gare contro il Celtic, concludendo il girone distante anni luce dal Barcellona, nonostante la vittoria nello scontro diretto casalingo. I blau-grana invece distruggono il Borussia Mönchengladbach con un 4-0 che va loro anche un po’ stretto.

Manchester City-Celtic 1-1

All’Etihad Stadium si gioca più che altro per lo spettacolo, visto che entrambe le squadre sono destinate a rimanere nella posizione che occupano prima della partita indipendentemente dai risultati odierni, eppure il Manchester City vorrebbe provare a sfatare il tabù Celtic dopo il pari della gara di andata che ha fortemente condizionato il cammino dei Citizens verso il primo posto, prima del decisivo passo falso di Mönchengladbach. Brendan Rodgers, d’altra parte, ha un il dente avvelenato contro gli avversari inglesi, dopo aver lasciato Liverpool con l’amaro in bocca. Il problema per il pubblico di casa è che questa sembra l’ennesima giornata stregata per il tiki-taka. Con una difesa in cui non si vede nessun titolare, neanche tra i pali, il copioso possesso palla è un’insidia che si tramuta in gol già al quarto minuto. Sbaglia Caballero nel tentativo di far partire l’azione da dietro coinvolgendo i difensori e Patrick Roberts si intromette rubando palla e partendo in serpentina, fino a raggiungere il centro dell’area di rigore e depositare in rete il vantaggio ospite. Poco male penseranno i tifosi di casa, quando solamente quattro minuti dopo Iheanacho, imbeccato da Nolito, si invola verso la porta e scarica poderosamente in gol sul primo palo. E’ fatta, parità e 82 minuti davanti per distruggere il modesto Celtic. In effetti il City ci prova alla sua maniera, con tanto possesso palla e azioni molto costruite prima di arrivare al tiro in porta, ma è tutt’altro che attento in fase difensiva, anzi concede moltissimo alle ripartenze degli ospiti e diverse volte rischia perfino di capitolare. Insomma un 1-1 senza alcuna ripercussione se non quella di una classifica eccessivamente deficitaria se rapportata a quanto fatto dal Barcellona e all’ambizione dei Citizens di poter competere con squadre di tal livello.

Barcellona-Borussia Mönchengladbach 4-0

Doveva essere la serata perfetta per provare ad aiutare Messi nell’impresa di tener testa a Cristiano Ronaldo nella classifica dei più grandi marcatori delle coppe europee, invece esce fuori il protagonista che non t’aspetti: Arda Turan. Premessa: il Gladbach non c’è. Sembra quasi uno spreco di soldi, tempo ed energie il viaggio in terra catalana degli uomini di Schubert. Ok, in questo girone tutto era già deciso, ma proprio per questo avrebbero potuto giocarsela a viso aperto, almeno stavolta che non c’era nulla da perdere. Invece no, i tedeschi non fanno altro che aspettare passivamente il Barcellona nella propria metà campo, pardon, nella propria area di rigore, senza colpo ferire in attacco e cercando solamente di limitare il numero di palloni da raccogliere in fondo al sacco. Quattro, però, son tanti comunque. Il primo lo infila Messi dopo uno scambio in area con Arda Turan e sembra l’inizio di una sua grande serata. Invece è l’assist-man del primo gol ad iscrivere il proprio nome nel tabellino nelle successive tre segnature: prima di testa su cross deviato dalla destra di Denis Suarez, poi con un tiro di prima su assist al volo di Aleix Vidal imbeccato da Messi, infine da due passi a porta sguarnita, sul secondo palo, su cross di Paco Alcacer. Il Gladbach va in Europa League, sperando che almeno in quella competizione riesca a scendere in campo con un briciolo di convinzione in più, mentre il Barça chiude un girone quasi perfetto, fatto di cinque vittorie su sei partite. Brucia un po’ quella sconfitta di Manchester che macchia un cammino altrimenti privo di inciampi. Ad ogni modo la squadra di Luis Enrique, seppure tra qualche nuovo innesto che non ha ancora ingranato ed una stagione fin qui non troppo esaltante, si presenta alla fase ad eliminazione diretta ancora una volta tra le favorite per il successo finale.

Champions League, Girone C: Sesta giornata

Manchester City-Celtic 1-1 (4′ Roberts, 8′ Iheanacho)

Barcellona-Borussia Mönchengladbach 4-0 (16′ Messi, 50′ Arda Turan, 53′ Arda Turan, 67′ Arda Turan)

Classifica: Barcellona 15, Manchester City 9, Borussia Mönchengladbach 5, Celtic 2

COPY CODE SNIPPET
About Luca Petrelli 157 Articoli
Cresciuto a pane e telecronache delle proprie partite con le figurine Panini sul campo di Subbuteo, sviluppa una passione viscerale per il calcio, che si trasforma presto in autentica dipendenza. Da sempre dalla parte degli underdog, non scambierebbe mai 1000 vittorie da cowboy con un unico grande successo indiano sul Little Bighorn. Tra una partita e l'altra, trova il tempo per laurearsi in economia, Tuttocalcioestero gli offre l'occasione per trarre finalmente qualcosa di buono dalla sua "malattia" per il pallone, strizzando l'occhio al sogno nel cassetto del giornalismo di professione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.