Hachim Mastour : simbolo ed emblema di un calcio malato

Hachim Mastour. Sarà capitato a tutti di sentirne parlare, di quel giovane scuola Milan di “belle speranze” descritto dai media e dalla stampa come il nuovo fenomeno del calcio mondiale nonché erede degli attuali big del calcio. Ma che fine ha fatto ? Dov’è finito adesso? Con calma andiamo ad analizzare i fatti e gli eventi recentemente accaduti intorno ad Hachim per avere una visione oggettiva di come sono andate le cose.

Mastour viene prelevato dal Milan nel Luglio del 2012 dal settore giovanile della Reggiana ed aggregato inizialmente con gli Allievi nazionali. L’acquisto di Mastour fa scalpore sopratutto per la ragguardevole cifra spesa (tra i 600 e i 900 mila Euro) dall’AD Adriano Galliani per l’allora 14enne. La storia assume un significato particolare quando un big del calcio attuale spende parole di elogio per lui, stiamo parlando di El Shaarawy (allora al Milan) che Hachim incontrò e sfidò in una gara di palleggi durante una vacanza con la famiglia. (http://it.ibtimes.com/milan-il-nuovo-fenomeno-rossonero-hachim-mastour-14anni-e-valore-inestimabile-video-1322974#).

Mastour ed El Shaarawy
Mastour ed El Shaarawy

Inevitabilmente la storia ebbe un grande riscontro mediatico e i giornali ed i mezzi di informazione sfruttarono la notizia per fare audience etichettando l’Italo-Marocchino come nuovo crack del calcio italiano. Addirittura Sky gli dedicò all’epoca un servizio nel quale dopo aver filmato un paio di numeri in palleggio gli viene fatta un intervista nella quale si parlava della possibilità di vincere il pallone d’oro e di come il prezzo del suo trasferimento fosse ampiamente adeguato alle possibilità future di successo.(http://video.sky.it/sport/calciomercato/milan_arriva_il_ragazzo_prodigio/v126683.vid)

Neymar e Hachim Mastour.
Neymar e Hachim Mastour.

Mastour conclude il suo primo anno al Milan, mettendo assieme più presenze con i Giovanissimi che con gli Allievi. L’anno successivo viene aggregato alla squadra Primavera con la quale però colleziona solo poche presenze, in particolare Mastour paga il suo modo di giocare a dir poco scellerato fatto di dribbling inutili e tricks senza senso che fino alle categorie precedenti si era potuto permettere grazie alla sua tecnica superiore ma che in un campionato più competitivo e fisico come quello Primavera non erano più ammissibili. Ma incredibilmente di pari passo con le esclusioni dalla squadra Primavera cresce in maniera a dir poco imbarazzante l’attenzione nei suoi confronti al di fuori dal rettangolo di gioco. I suoi filmati su Youtube diventano virali ed in seguito ad un’evento organizzato dalla Red Bull incontra addirittura Neymar con il quale si rende protagonista di un video nel quale fanno sfoggio della propria tecnica. (https://www.youtube.com/watch?v=LCl2UH00fhA&t=2s). Hachim pur essendo di fatto un giocatore degli Allievi Nazionali ha ormai più notorietà di molti calciatori di Serie A , il Milan si accorge di questo e sfruttandone la fama e la giovane età lo aggrega alla prima squadra portandolo in panchina per l’ultima partita di campionato.(http://milombardia.gazzetta.it/milano/13-05-2014/milan-stellina-mastour-aggregata-prima-squadra-80652300218.shtml).

Mastour con la maglia del Malaga
Mastour con la maglia del Malaga

Mastour è ormai sulla bocca di tutti, senza averne apparenti meriti sportivi, così si decide di mandarlo nel campionato più affine alle sue caratteristiche tecniche, la Liga ed in particolare al Malaga. Hachim al momento del suo passaggio al Malaga è un 17enne con nessuna presenza in Serie A e con una manciata di presenze con la Primavera, non ha ancora una benché minima conoscenza della fase difensiva e della fase di non possesso palla, ma aveva comunque un’ hype incredibile dettato dalle sue indiscusse doti tecniche, che mi posso permettere di definire inutili nel momento in cui il giocatore non le mette al servizio della propria squadra. Diciamo che gli ingredienti per un grande fallimento c’erano tutti ma nonostante questo non mi sarei comunque aspettato che alla fine dell’anno i minuti giocati da Mastour fossero appena 5 venendo praticamente sempre escluso dalla lista dei convocati. Hachim in seguito a non poche polemiche cambiò agente passando nella scuderia di Mino Raiola che ha dovuto dar sfogo a tutta la sua maestria per trovargli un’ingaggio quest’estate dopo l’umiliante stagione di Malaga. (http://www.gazzetta.it/calcio/nuove-forze-calcio/31-01-2015/milan-polemica-dario-paolillo-contro-mino-raiola-hachim-mastour-circo-mediatico-scamacca-erede-ibrahimovic-100702700442.shtml).

Mastour con la maglia del Zwolle
Mastour con la maglia del Zwolle

Hachim è ripartito dall’Eredivisie, vera e propria fucina di talenti e promesse, è stato voluto con forza dall’allenatore Ron Jans dello Zwolle che ha speso parole di elogio per lui, anche troppe forse. Così Mastour ad appena 18 anni (strano ma vero) si appresta a vivere la stagione della verità con un’allenatore che crede in lui in un campionato non propriamente competitivo dove le disattenzioni tattiche e difensive sono più tollerate rispetto che da altre parti .(http://www.tuttomercatoweb.com/milan/?action=read&idnet=bWlsYW5uZXdzLml0LTIxNzkzMw).

Ed ora godetevi una compilation con le migliori giocate di Mastour con la nuova maglia, se riuscite a trovarne perché io non ci sono riuscito. (https://www.youtube.com/watch?v=HyDOb1rBCKg).

Ho scelto di esaminare il caso di Mastour non perché ce l’abbia con lui né tantomeno per evidenziare gli evidenti errori di valutazione fatti nei suoi confronti ma perché ritengo che il suo sia un caso emblematico che evidenzi in maniera netta e pericolosa quello che sarà il trattamento dei giovani talenti in futuro, soprattutto dai media. La mancanza di equilibrio e l’alternanza dei giudizi in base al risultato non sono certo una novità all’interno del calcio professionistico ma a dir la verità con lo sviluppo della tecnologia e grazie alla presenza di molti programmi sportivi di indubbia qualità, la situazione sta davvero raggiungendo livelli intollerabili. Nel caso di Mastour abbiamo visto come si possa arrivare a parlare di Pallone d’oro per un 14enne con neanche una presenza con le giovanili del Milan. I media ed i giornali stanno assumendo un controllo sempre maggiore dell’informazione ed essendo questi ultimi sempre molto attenti all’appetibilità della notizia non si fanno scrupoli nel pomparla o nell’ ingigantirla. Ma è in un contesto del genere nel quale il lettore/spettatore deve riuscire ad interiorizzare una propria coscienza critica, filtrando e non dando peso a notizie del genere grazie alla propria cultura, portando ad un livello superiore la conoscenza media del lettore, anche in ambiti ben più importanti del calcio.

 

COPY CODE SNIPPET
About Enea Belpassi 19 Articoli
Sono laureando presso la facoltà di Scienze Motorie a Urbino. Scrivo per Tutto Calcio Estero e Blog Calcio Cina. Mi interesso dello sviluppo del football in Cina e della crescita dei nuovi talenti del futuro nei maggiori campionati europei.

5 Commenti su Hachim Mastour : simbolo ed emblema di un calcio malato

  1. per me è un gran giocatore …tutte le volte che scende in campo fa vedere che è un altro livello..sia con il milan nelle amichevoli pre campionato sia in tutte le altre (poche presenze) del malaga e dello zwolle..L’unica pecca che ha e che non gli fanno fare 5 partite consecutive per giudicarlo veramente, anzi il fatto che giochi così bene senza avere ritmi partita e senza conoscere i compagni(visto che è sempre in panchina) mi rende ancora più sicuro che è un fenomeno.speriamo solo che abbia la possibilità di dimostrarlo, cosa che finora non ha avuto rispetto ad altri giocatori secondo me meno meritevoli.

  2. per me è scandaloso che il MILAN non abbia creduto in lui…io lo metterei titolare subito..vedi Suso ..hachim poi è molto più forte secondo me..

  3. IL Milan lo ha tenuto in pachina troppo tempo, darlo ppoi al malaga con i problemi di trasfert (2 MESI FERMO) Lo hanno bloccato nei 2 anni più importanti per la sua crescita..COLPA DEL MILAN che fa giocare certi scarponi e non rischia un mastour che è veramente il futuro del milan..DONNARUMA è il risultato, 16 anni già titolare, non può che aumentare l’autostima e se hai delle capacità ti fa esprimerle al meglio.Hachim poverino messo in panchina per 2 anni sicuramente non gli avrà giovato.PECCATO UNO SPRECO SIMILE…

  4. Questo si definisce calciatore o esempio? Assolutamente NO, il fatto che a certi giovani viene fatto credere quello che non si è, Maxtor incluso. Se non giochi in primavera dei motivi ci saranno, inoltre a ragazzini come mastour va fatto capire ogni sfaccettatura del gioco calcio, una su tutte: tattica.Non sono meravigliato che sia un bidone, messi con le attenzioni mediatiche di mastour sarebbe arrivato a essere il migliore al mondo oggi? Certe cose a tutti i ragazzini vanno insegnate subito: umiltà, non montarsi la testa.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.