Champions League, Girone C: vendetta City sul Barça, il Celtic blocca il Gladbach

Stavolta vince Guardiola, quasi a sorpresa per certi versi, dopo un primo tempo che lasciava intendere tutt’altro epilogo. Il Barcellona comunque resta in testa e la qualificazione non sembra in pericolo, perché il Borussia Mönchengladbach non va oltre il pari in casa contro il Celtic, altro risultato tutt’altro che scontato visto l’andamento della partita.

Manchester City-Barcellona 3-1 

Sembrava l’ennesima lezione di calcio, ma stavolta gli attenti scolari di Manchester, sponda City, recepiscono la lezione e distruggono i maestri catalani. Il primo tempo infatti inizia con le due squadre che si affrontano a viso aperto, ma ben presto la partita sembra prendere la via di Barcellona, con il gol di Messi al 21′ ed il successivo dominio territoriale a suon di tiki-taka. Tutte e due le squadre mantengono i propri effettivi piuttosto alti, sia in fase di possesso che di non possesso, lanciandosi nel pressing alto appena persa palla. Capita così che una volta superata la linea del pressing si vengano a creare incredibili situazioni di superiorità numerica per la squadra che attacca in contropiede. E’ frutto di una situazione di questo genere l’azione che Neymar orchestra per la rete di Messi. Dopo di che è un susseguirsi di occasioni gol per i blau-grana, che, in particolare, tra il 30′ ed il 39′ vivono un momento di dominio assoluto e sprecano a ripetizione davanti a Caballero. Basta un errore difensivo, però, un pallone regalato ad Aguero, per sconvolgere nuovamente gli equilibri del match. Il Kun serve Sterling che crossa teso sul secondo palo per il facile tap-in di Gündogan. Il pareggio galvanizza i Citizens, fino a pochi attimi prima dati per spacciati. Il secondo tempo si apre con una sola squadra in campo. I padroni di casa imperversano, sprecano subito due ottime palle-gol e passano in vantaggio con una punizione di De Bruyne al 51′. Il Barça fatica a rialzarsi ed il City continua ad essere pericoloso in contropiede, fino al colpo del ko, ad opera di nuovo di Gündogan dopo un cross teso di Jesus Navas toccato goffamente all’indietro col braccio da Aguero in caduta davanti alla porta sguarnita. La partita, che nel primo tempo aveva visto un grande Barça, prosegue nella ripresa con un grande City, ma l’intensità del match e lo spettacolo garantito dalle geniali invenzioni dei campioni in campo deliziano la platea dal primo all’ultimo minuto. Veramente una gran partita e la prima vera risposta convincente a livello europeo del nuovo corso di Guardiola in terra britannica.

Borussia Mönchengladbach-Celtic 1-1

Dopo la vittoria in gara esterna, i tifosi del Gladbach si aspettavano oggi di sbrigare la formalità Celtic per lanciarsi nuovamente nella corsa qualificazione, giovando del contemporaneo scontro tra giganti dell’Etihad Stadium. In effetti l’andamento del match rispecchia le previsioni ed i tedeschi imperversano dinnanzi al solito timido Celtic da trasferta. Un film già visto. Sorprende, nel primo tempo, che la prima grande occasione capiti, però, proprio agli ospiti, con Moussa Dembélé che colpisce un clamoroso palo a Sommer battuto. Il forcing del Borussia produce finalmente il vantaggio al 32′ quando Thorgan Hazard si libera sul fondo e crossa basso all’indietro per Stindl che mette in discesa la partita per i suoi. Il copione resta lo stesso anche nel secondo tempo, ma i ripetuti tentativi della squadra di Schubert non riescono a portare a nulla di meglio che una traversa colpita da Hahn. Al 76′ la partita vive il suo momento decisivo: Korb atterra con una trattenuta Moussa Dembélé in area di rigore e l’arbitro opta per il tiro dal dischetto ed il rosso al terzino del Gladbach. Il giovane attaccante francese del Celtic non fallisce dagli undici metri e regala un punto in trasferta ai suoi. Anzi, nel finale, con la superiorità numerica, è proprio la squadra scozzese a finire più vicina ai tre punti, quando all’88’ McGregor manda a lato una conclusione ravvicinata a portiere battuto. Il pareggio è più deleterio per il Borussia, che utile per il Celtic. Gli scozzesi restano infatti ultimi e con poche speranze di riuscire a risalire la china visto il calendario (in casa contro il Barça, fuori col City), mentre i tedeschi mancano l’avvicinamento al City e restano a -3, distanza piuttosto proibitiva visto che a questo punto servirebbero di fatto 6 punti contro le squadre di Guardiola e Luis Enrique.

Champions League, Girone C: Quarta giornata

Manchester City-Barcellona 3-1 (21′ Messi, 39′ Gündogan, 51′ De Bruyne, 74′ Gündogan)

Borussia Mönchengladbach-Celtic 1-1 (32′ Stindl, 76′ rig. Moussa Dembélé)

Classifica: Barcellona 9, Manchester City 7, Borussia Mönchengladbach 4, Celtic 2

 

COPY CODE SNIPPET
About Luca Petrelli 157 Articoli
Cresciuto a pane e telecronache delle proprie partite con le figurine Panini sul campo di Subbuteo, sviluppa una passione viscerale per il calcio, che si trasforma presto in autentica dipendenza. Da sempre dalla parte degli underdog, non scambierebbe mai 1000 vittorie da cowboy con un unico grande successo indiano sul Little Bighorn. Tra una partita e l'altra, trova il tempo per laurearsi in economia, Tuttocalcioestero gli offre l'occasione per trarre finalmente qualcosa di buono dalla sua "malattia" per il pallone, strizzando l'occhio al sogno nel cassetto del giornalismo di professione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.