Qual. Russia 2018 – Europa, Gruppo B: vincono Svizzera e Faer Oer; quaterna di CR7!

Cristiano Ronaldo

Seconda giornata dei gironi di qualificazione ai Mondiali di Russia 2018 per le nazionali europee. A differenza dello scorso mese, buona parte dei giocatori ha ripreso il ritmo grazie alle prime giornate dei campionati più importanti e alle competizioni UEFA per club. Grandi attese per Cristiano Ronaldo, al rientro con la maglia del Portogallo contro la piccola Andorra, dopo l’infortunio patito nella finale di Euro 2016: CR7 non ha tradito i propri fan, anzi! Alla ricerca di conferme in terra magiara la Svizzera, forte del successo contro i lusitani. Incontro facile sulla carta per la Lettonia che riceve le Isole Faer Oer: con i 3 punti i baltici volerebbero al primo posto con due vittorie consecutive. Vediamo come è andata sul campo.

Portogallo – Andorra 6-0
È la serata di Cristiano Ronaldo, prima ancora che un match di qualificazione: tutte le tv del mondo sono concentrate sul leader indiscusso della selezione allenata da Fernando Santos, che lo scorso 10 luglio aveva affiancato il proprio CT dopo essere uscito dal campo zoppicando in lacrime; era la finale dell’Europeo e sappiamo come è andata a finire. Contro Andorra CR7 non si nasconde, tutt’altro, fa proprio paura: dopo 4 minuti di gioco i portoghesi stanno già conducendo 2-0 con la doppietta del loro capitano. Alla rappresentativa del piccolo Principato nei Pirenei non resta che lottare per una sconfitta con meno reti subìte possibili (alla fine saranno sei) e trascorrono gli ultimi venti minuti di gioco attorno alla propria area di rigore, a causa delle espulsioni di Jodi Rubio (61′) e Rebes (70′). Al di là del risultato e della prima vittoria nel girone, sono le 4 reti di Cristiano Ronaldo a fare notizia (accompagnate dalle marcature di João Cancelo e André Silva): la stella del Real Madrid ha stabilito un nuovo record di goal in una gara della nazionale, consacrato dalla FIFA in diretta su Twitter.

Ungheria – Svizzera 2-3
Vladimir Petkovic si era già abituato alle critiche ai tempi in cui si siedeva sulla panchina della Lazio, ma questa volta ha rischiato di darla vinta ai suoi detrattori, se non fosse stato per Valentin Stocker: il mancino dell’Hertha ha firmato all’89’ il terzo goal della Svizzera, sessanta secondi dopo aver sostituito Admir Mehmedi. L’Ungheria aveva risposto bene al doppio vantaggio elvetico (Seferovic su errore difensivo e Rodriguez con un bel tiro al volo) andando in rete dopo pochi minuti con Adam Szalai, sempre presente davanti alla porta quando c’era da battere Gulacsi. La Svizzera è in testa con 6 punti frutto di due vittorie in altrettante gare.

Lettonia – Isole Faer Oer 0-2
Vi ricordate il carpentiere che segnò a Gigi Buffon nelle qualificazioni a Euro 2008? Si chiama Rogvi Jacobsen e proveniva da un arcipelago dell’Oceano Atlantico, la cui rappresentativa era composta da calciatori dilettanti: da allora sono passati nove anni e le Faer Oer sono cresciute, riuscendo a fermare l’Ungheria sullo 0-0 lo scorso mese. Ma si sono superate battendo la Lettonia 0-2 a Riga contro ogni aspettativa; la squadra allenata dal danese Lars Olsen è andata in vantaggio dopo venti minuti con il primo goal in nazionale del difensore Sonni Ragnar Nattestad (gioca in Islanda nel Fylkir), un piatto sinistro in piena mischia in area. La Lettonia ha accusato il colpo, concedendo il raddoppio su un errore difensivo: il tocco di Gorkss diventa involontariamente un passaggio per Hansson, che si avvicina alla porta difesa da Vanins, e non esita a fornire l’assist per il colpo vincente di Edmundsson.

Qual. Russia 2018 – Europa, Gruppo B: Seconda giornata

Portogallo – Andorra 6-0 (2′, 4′, 47′ e 67′ Cristiano Ronaldo; 44′ João Cancelo; 85′ André Silva)
Ungheria – Svizzera 2-3 [51′ Seferovic (S); 53′ e 72′ Szalai (U); 67′ Rodriguez (S); 89′ Stocker (S)]
Lettonia – Isole Faer Oer (19′ Nattestad, 70′ Edmundsson)

Classifica: Svizzera 6; Isole Faer Oer 4; Portogallo e Lettonia 3; Ungheria 1, Andorra 0

COPY CODE SNIPPET
About Saman Javadi 95 Articoli
Saman Javadi was born in Italy. He always loved Iran and Italy, from history to cuisine, and speaks both languages.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.