Le pagelle di PSG-Manchester City: Ibra sciupone, Fernandinho uomo ovunque

Diamo uno sguardo ai buoni e cattivi del match d’andata dei quarti di finale di Champions League:

PROMOSSI:

Fernandinho: grande prestazione sotto la cornice del Parco dei Principi per il brasiliano: fa perfettamente da diga in mezzo al campo limitando le iniziative di Di Maria e Rabiot, ma non delude anche nella costruzione di gioco: propizia il vantaggio ospite fornendo l’assist per De Bruyne ed è lui a trovare il definitivo 2-2 sfruttando l’indecisione della retroguardia francese e aggiungendo l’ombrellino nel Long Drink di una prestazione maiuscola.

Hart: sempre sicuro, incolpevole nelle due marcature avversarie e reattivo in più occasioni su Ibra. Ha inoltre il merito di parare un rigore a sua maestà Zlatan Ibrahimovic, non un’impresa comune.

David Luiz: sempre propositivo, sfrutta la pochezza di Aguero per proporsi in frequenti sortite offensive, ha il merito di guadagnarsi con astuzia il calcio di rigore poi fallito da Ibra.

De Bruyne: di gran lunga il più propositivo dei suoi, riesce spesso a combinare con David Silva e creare grattacapi a Maxwell. Cala nella ripresa, suo comunque il gol del vantaggio Citizens a 5′ dalla fine della prima frazione di gioco.

Rabiot: per lunghi tratti di gara il pallino del gioco è saldamente nelle mani dei francesi, ed è lui a orchestrare tutte le manovre offensive degli uomini di Blanc. Attacca, riparte, serve assist, segna. Blanc lo preferisce a Lucas (che prenderà il suo posto nel finale), lui lo ripaga alla grande.

BOCCIATI:

Ibrahimovic: il gol è frutto di fortuna e di caparbietà nel pressing, tuttavia lo svedese sbaglia troppo. Sciupa il rigore abilmente conquistato da David Luiz facendosi ipnotizzare da Hart, spara alta un’altra opportunità a tu per tu con lo stesso Hart (sfortunato, nella ripresa colpisce una traversa). Per una sera sembra aver dimenticato il killer instinct che lo ha contraddistinto per tutta la stagione.

Fernando: se Fernandinho vive una serata sugli scudi, diverso è il discorso per il suo omologo e quasi omonimo: spesso impreciso in impostazione e farraginoso in interdizione, è a causa di una sua leggerezza che i francesi riequilibrano la gara, con Ibrahimovic lesto e caparbio (oltre che fortunato) a intercettare in rete un suo pigro disimpegno.

Aguero: il Kun stasera delude: mai nel vivo del gioco, fatica a trovare spazi sotto la costante marcatura di Thiago Silva, che lo limita e lo relega al ruolo di comparsa. All’Ethiad da lui ci si aspetta ben altro.

Di Maria: vale lo stesso discorso di Aguero per l’altro asso argentino, Angel Di Maria. Fuori partita nel primo tempo, tenta una timida reazione nella ripresa: fatica a trovare la posizione ben messo alle strette da Sagna e costantemente raddoppiato da uno dei due mediani dei Citizens.

About Andrea Gatti 567 Articoli
24 anni, appassionato di sport a tutto tondo (football americano, basket, golf e ovviamente calcio), letteratura, film e auto. Dopo aver conseguito la maturità linguistica, lavoro attualmente per una multinazionale metalmeccanica, mi occupo di calcio estero per passione ed amore per il rettangolo verde.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.