SAFF Suzuki Cup, Nepal-Sri Lanka 0-1: Rifnas punisce allo scadere un Nepal troppo sprecone

SAFF Suzuki Cup 2015

Oggi ha avuto inizio la SAFF Suzuki Cup, competizione calcistica biennale organizzata dall’omonima associazione SAFF (South Asian Football Federation) e che si tiene fra le squadre nazionali dell’Asia meridionale (quindi Afghanistan, Bangladesh, Bhutan, India, Maldive, Nepal, Pakistan e Sri Lanka). Arrivata alla sua 11esima edizione, quest’anno si svolgerà in India sino al 3 Gennaio, quando si scoprirà se l’Afghanistan sarà riuscito a mantenere la propria corona. Nella prima partita lo Sri Lanka regala il primo “upset” della competizione punendo un Nepal troppo sprecone con la rete della vittoria firmata da Rifnas nel corso del quinto (ed ultimo) minuto di recupero.

Dopo la consueta fase di studio tra le due squadre, la partita vive il suo primo lampo intorno al decimo minuto di gioco grazie alla prima grande chance creata dal Nepal: tutto ha inizio da un ottimo cross di Magar, che trova puntualmente all’interno dell’area di rigore la testa di Chand, la cui conclusione però viene ottimamente parata dal portiere avversario Perera con un ottimo colpo di reni. Nei minuti seguenti il Nepal continua a mantenere tranquillamente il pallino del gioco, mentre lo Sri Lanka si limita solo ad arginare la grande pressione offensiva degli avversari cercando di rendersi pericoloso solo con azioni di rimessa. Ma la tattica non porta gli effetti desiderati, infatti i “Lankan Lions” non solo non riescono a creare delle buone occasioni ma rischiano seriamente di capitolare almeno per altre due volte prima dell’intervallo. La prima occasione capita sulla testa di Gurung, il quale evita bene la trappola del fuorigioco avversaria successivamente ad una respinta della difesa ma il suo colpo di testa in solitaria termina clamorosamente a lato; la seconda, invece, porta la firma ancora di Rohit Chand, che ci prova con un’insidiosa conclusione terra-aria dal limite dell’area ma il pallone termina di poco alto sopra la traversa.

Rohit Chand
Rohit Chand, migliore in campo del match. Fonte foto: nepaligoal.com

La ripresa si apre con un fatto parecchio curioso, infatti il Nepal scende in campo dopo essersi cambiata la maglia da rossa a blu per evitare fraintendimenti con quella dello Sri Lanka. Il cambio di maglia però non è accompagnato da un cambio nel copione della gara, infatti i “Gorkhalis” continuano a chiudere la selezione avversaria nella propria metàcampo. La prima grande occasione della seconda frazione porta la firma sempre di Rohit Chand, il quale si inserisce bene dalle retrovie sugli sviluppi di un cross proveniente dal settore destro, ma ancora una volta difetta di mira al momento della conclusione. Con il passare dei minuti, però, la pressione del Nepal si allenta e per lo Sri Lanka si aprono le prime brecce nel muro difensivo avversario. Finalmente, intorno all’ora di gioco, i “Lankan Lions” riescono a creare la prima vera occasione della propria partita con un bella pennellata su punizione ma il portiere avversario Kumar Limbu salva tutto con un intervento non proprio ortodosso. Nel mezzo del secondo tempo i ritmi del match si abbassano e, complice l’inizio della consueta girandola di cambi, le occasioni cominciano a mancare sia da una parte che dall’altra. Per vedere una vera chance bisogna attendere sino all’83esimo minuto di gioco, quando Jagajeet Shrestha mette i brividi alla squadra avversaria con un tiro dalla lunga distanza che scheggia la traversa. Nel finale il Nepal prova ad attaccare a testa bassa per scardinare il fortino dello Sri Lanka, ma, eccetto tanta confusione, non riesce ad impensierire quasi mai il portiere avversario Perera. Anzi nel finale arriva anche la beffa per i giocatori allenati da mister Aussems, infatti lo Sri Lanka riesce a passare in vantaggio nell’extra-time grazie al guizzo di Rifnas, che si fionda su un pallone vagante in area di rigore e lo mette alle spalle del portiere con una potente conclusione rasoterra.

Tre punti davvero pesanti per lo Sri Lanka, che, dopo aver giocato una partita estremamente contenitiva, è riuscita a trovare il colpo del KO proprio nel momento meno sperato; per il Nepal, invece, tanto rammarico per una partita letteralmente dominata ma non vinta a causa della troppa imprecisione sotto-porta.

Nepal-Sri Lanka 0-1 (95′ Rifnas)

NEPAL: Kumar Limbu, Kharki, Dhimal, Aditya Chaudhary, Maharajan, Lama (J.Shrestha), H.Gurung, Rohit Chand, Bista, A.Gurung (N.Shrestha), Gharti Magar. A disp: Kuthu, R.Shrestha, Tamang, Rai, Y.Gurung, Amrit Chaudhary, Lama. All: Patrick Aussems.

SRI LANKA: Perera, Hakeem, Chalana Chameera, Hettiarachchi, Kumara (Subash Madushan), Wijesiri, Nalaka (Sanjeewa), Kavindu Ishan, Madhusan De Silva, Rifnas, Zarwan. A disp: Arunasiri, Izzadeen, Rahuman, Bandara, Fernando, Figurado, Gnanaruban. All: Sampath Perera Kolomage.

About Marco Pantaleo 251 Articoli
Appassionato di ogni genere di sport (calcio e basket in primis), è un grande esperto del "calcio minore". Che sia la Copa Libertadores o la terza divisione danese poco importa, in qualunque campo rotola un pallone e ci sono 22 uomini c'è sempre una storia da raccontare.

2 Commenti su SAFF Suzuki Cup, Nepal-Sri Lanka 0-1: Rifnas punisce allo scadere un Nepal troppo sprecone

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.